857 Shares 4241 views

test di funzionalità epatica.

campione epatica – la valutazione dello stato di fegato. un certo numero di prove di laboratorio totali può essere attribuita a test di funzionalità epatica, e tutti descrivono lo stato del fegato e possibili processi patologici in esso.


livelli normali del fegato:

  • proteina intera – 65-85 g / l;
  • creatinina 55-115 micromol / L;
  • colesterolo – 3,5-5,2 mmol / l;
  • lipoproteine – 35-55 unità;
  • colesterolo – 1.4-1.6 mmol / l;
  • Fattore atherogenic a 4;
  • ALT – 8-56 U / L;
  • AST 5-40 U / L;
  • fosfatasi alcalina 45-140 U / L;
  • bilirubina totale – 8,55-20,52 mmol / L:

– associata – 2,4-5,13 mmol / l,

– libero – 6,41-15,39 mmol / l.

  • Proteina C-reattiva – negativo.

Se si sospetta che qualsiasi patologia epatica, quasi subito nominato analisi biochimica del sangue , con un certo livello di alanina aminotransferasi e aspartataminotrasferazy, ma in pratica essi sono chiamati a breve ALT e AST. fosftaza alcalina, bilirubina, con tutte le sue proteine fazioni, gammaglutamiltransferaza e plasma – sono anche importanti indicatori del fegato e della cistifellea.

Si deve comprendere che l'aumento dei test di funzionalità epatica non sono sempre indicativi di patologia. In pratica, questo malfunzionamento dell'unità o disturbo in un paziente spesso si verificano, quindi tutti i test di funzionalità epatica devono essere ripetute per perfezionare i risultati e monitorare la dinamica del processo.

Da test epatici includere anche determinare la composizione antigenica per la ricerca di certe malattie virali, oltre a determinare la concentrazione di alfa-1 antitripsina. Tuttavia, essi non possono essere chiamati frequentemente usato, perché il loro uso è costoso e non molto informativo.

test di funzionalità epatica non riflettono sempre lo stato del fegato in questo momento, perché in alcune situazioni, malattie passate e rinviare il segno sui dati di laboratorio.

Se si parla di obiettività della ricerca, è meglio "parlare" i veri test di funzionalità epatica del fegato, che riflettono la possibilità di un fegato a svolgere la sua funzione più importante – la disintossicazione di tutto l'organismo.

Tali indicatori includono il livello di albumina. Quando è ridotto, il fegato non funziona a pieno regime, il che significa che il corpo è intasato propri rifiuti. Questo enzima è molto sensibile alla qualità del cibo, così come strettamente connessa con funzione renale. Pertanto, il 100% dei risultati oggettivi Dopo che il campione per ottenere un fallire.

test di funzionalità epatica – è anche una definizione della capacità del fegato per formare fattori di coagulazione del sangue. L'essenza di questo esempio è di determinare protrominovogo tempo, che è strettamente correlata alla vitamina K. Per questo motivo, se dopo la somministrazione di 10 mg di vitamina, indice di protrombina non cambia, allora la funzione epatica è compromessa.

Come accennato in precedenza, il tipo di screening della malattia epatica è di determinare il livello di transaminasi sieriche – ALT e AST. Questo campione di fegato è utilizzato per rilevare la violazione di catalizzare reazioni nel fegato. Tuttavia, questa prestazione prova può essere influenzata da molti fattori (temperatura, prendendo dei farmaci ormonali, e di stato enzimatica) – è anche necessario prendere in considerazione quando si effettua una diagnosi.

Determinazione del livello di bilirubina e sue frazioni rende possibile non ricorrere alla colecistectomia inutili e mettere la diagnosi corretta.

Inoltre, in pratica frequentemente usato test specifici per la rilevazione dei disturbi metabolici nei pazienti.

marcatori autoimmuni sono utilizzati come campioni di fegato solo se il paziente ha sintomi di una malattia autoimmune, per confermare o escludere la diagnosi.

In conclusione, si deve notare che l'operazione di controllo utilizzando campioni di fegato epatica. Norma tutti gli indicatori possono fluttuare al livello dei limiti inferiore e superiore. Se il livello corridoio eccesso o declino raggiunge sopra due standard, la necessità di un ulteriore esame di pazienti.