893 Shares 3152 views

Giappone: I contadini Rebellion

Nel 1428 rivolta si diffonde per la città di Kyoto e Nara, prov. Kawachi, Izumi, Ise. I contadini hanno fatto irruzione nella casa e ufficio usurai, i produttori di vino di riso (sake), è anche impegnato in usura. Rivolta avvenuta in molte parti del paese, ma più spesso nelle più sviluppate aree economicamente centrali. Parte del l'insurrezione è stata condotta con l'obbligo di emanare decreti per l'abolizione del debito, non solo per i samurai, ma anche per gli agricoltori. Richieste sono state fatte per l'abolizione del servizio di lavoro obbligatorio, i tagli fiscali. I ribelli si oppongono arbitrarietà dei feudatari e dei funzionari.


una tale ondata di rivolte contadine diventato possibile solo a seguito di un aumento decentramento del potere th frammentazione feudale, perché gli insorti ora sono confrontate non l'intero apparato statale, e alcuni feudatari, che sono costantemente in guerra tra loro. Giappone: la rivolta dei contadini …

Un secolo dopo la fine del XV e la fine del XVI secolo. scienziati giapponesi chiamano la "Età degli Stati Combattenti" ( "Sengoku Jidai"). Come risultato di guerre civili, la maggior parte delle case governatori sono stati persi, e vengono sostituite da nuove case feudali.

ultimo possesso non è sempre stato superiore a quello di Shugo, ma erano nella stessa zona, e in essi i resti del sistema locale, e le relazioni lennye vassal sono stati stabiliti con tutti coloro che vivono nel regno delle piccole e medie feudatari sono state liquidate. Pertanto, la proprietà dei nuovi signori feudali (daimyo) erano più resistenti. Sul completa indipendenza del nuovo daimyo per il fatto che hanno cominciato a introdurre la propria legislazione.

Uno dei motivi per il forte aumento del movimento contadino nei secoli XV e XVI. era l'unificazione dei contadini nelle comunità autonome, che, in cambio del pagamento di un importo fisso di tasse ai feudatari sono stati dati il diritto di risolvere i loro affari interni in materia di uso del suolo, la distribuzione tra i membri delle tasse della comunità e dei doveri, di ordine pubblico. Molti villaggi quel momento avevano i loro set di regole in forma scritta. Le questioni importanti sono state risolte da parte dell'assemblea generale di tutti gli abitanti del villaggio, sulla eludere la partecipazione in esso è stato multato.

Nel caso delle azioni contro i signori feudali o dei loro funzionari, usurai contadini riuniti al tempio locale, e ha preso un giuramento di partecipazione universale nel discorso. Anche il termine per rivolte contadine – "Ikki", aveva in origine il significato di "organizzazione di mutuo soccorso" ed è stato spostato alla rivolta, proprio per la loro partecipazione a tali organizzazioni. Ma alla fine una delle ragioni della sconfitta delle rivolte contadine era interessi disunità degli agricoltori nei distretti e nei villaggi.

Giappone: rivolta contadina