834 Shares 7963 views

Il Grand Canyon e le famose cascate della Crimea

Sulla penisola di Crimea ci sono molte bellezze sorprendenti, sia naturali che artificiali. Ma, forse, il più interessante di loro, con il quale la Crimea è orgogliosa – il Grand Canyon e la cascata di Silver Stream. È possibile raggiungere questi luoghi magici in due modi: da Yalta sulla strada che attraversa l'altopiano di Ai-Petri o, più facile, dalla città di Bakhchisaray fino al villaggio di Sokolinoye e ancora 5 km lungo la strada non molto ripida, quindi questo traveller impreparato sarà facile da ottenere. Entrambe le strade hanno i loro vantaggi: andando al Grand Canyon da Yalta, vedrete la roccia Ai-Petri con i suoi bastioni, e partendo da Bakhchisarai, si può vedere al villaggio di Cisterna palo di rocce, da lontano somigliando ai profili e alle figure di diverse celebrità. Questo luogo è chiamato la Valle dei Presidenti. Nel villaggio di Malosadovoe bisogna prestare attenzione alla fortezza di Xuiren e nel villaggio di Sokolinoye – al rifugio di caccia del principe Yusupov (1910) e la tenuta Bulgakov. Dopo 4 km da Sokolinoi, la strada che porta attraverso la foresta ombreggiata porta al parcheggio turistico e all'accogliente caffetteria "Grand Canyon". Da qui si può andare più in profondità nel canyon solo a piedi, lasciando l'auto nel parcheggio.


Il Grand Canyon è la creazione di un inesorabile ed eterno scultore – acqua. Per molti secoli i torrenti dell'Auzun-Uzen scorrevano e accatastarono enormi massi, e il fiume spinse attraverso le sue rocce carnose, fino al canyon stretto e profondo con numerose cascate formate. Nelle vicinanze, le cascate d'argento cadono (il secondo nome è Tsarsky). Nel canale di un altro fiume – Sary-Uzen – si trova un blocco di circa 4 m di altezza, ricoperto di muschio. Su di esso cadono, rompendo in migliaia di ruscelli, l'acqua del fiume. Se si visita la cascata d'estate, quando le piogge sono piccole e Sary-Uzen non è così pieno, ricorda davvero un'arpa con mille archi d'argento, ma se venite in primavera, quando la neve si scioglie o dopo le docce, allora la cascata sembra reale. Sotto la cascata è una grotta misteriosa.

I Silver Jets non sono l'unica cascata che il Grand Canyon ei suoi dintorni sono famosi. Se si arrampica sul fiume Auzun-Uzen, si possono incontrare altre cascate e cascate grandi e piccole. Il canyon crolla nella profondità del massiccio Ai-Petri per 3 km. Mentre il muro del canyon si sposta in avanti, diventa sempre più stretto e più precipitoso. Vicino al sentiero corre un piccolo fiume. Era la sua corrente rapida che scavava nelle rocce le cosiddette "caldaie" e "bagni", talvolta misurando 5-6 m e una profondità di 3 m. Muoversi a monte, si può camminare verso un bellissimo lago blu, cambiando il colore, a seconda dell'illuminazione , Dal blu luminoso al malachite-verde.

Il Grand Canyon, approssimativamente al centro, ha una sorgente carsica di Paniya con acqua sorprendentemente pulita e gustosa. Bisogna salire sul Lago Blu e poi abbassare la sentiera per vedere un'altra attrazione di questo angolo straordinario – Karagol o Bath of Youth. Le pendici della gola in questo luogo sono così vicine, e la corona della foresta è così impenetrabile al sole che l'acqua del fiume rimane di circa 10 gradi Celsius anche nel caldo estivo più bruciante. Per immergersi in questo fresco font, ottenere una carica di vivacità e sentirsi ringiovaniti per 10-15 anni – ecco perché i turisti vengono al Grand Canyon.

È interessante l'unico mondo vegetale del canyon: qui vivono diverse decine di tipi di piante rosse e anche una rarità come la scarpa Orchid Venus. Perché sono conservati lì? Durante l'ultima glaciazione, molte piante proteggevano dai venti freddi del Grand Canyon. La Crimea era allora alla misericordia del gelo, ma in questo fessure strette e profonde fino a 320 m, le piante sopravvissute fin dal periodo pre-glaciale erano in grado di sopravvivere. E ora i turisti possono fare "viaggiare nel tempo", anche senza lasciare il canyon.