556 Shares 8749 views

Presidente austriaco è stato eletto, nonostante lo scandalo e la rielezione

Nel 2016, ha attirato l'attenzione dei media in Austria. Le elezioni presidenziali nel paese non erano senza scandalo e nuove elezioni. Tutto si è concluso in modo pacifico e nel rispetto della legge. Il perdente nel secondo turno del politico ha ammesso la sua sconfitta, ha invitato i cittadini a unirsi e lavorare insieme.


Il capo dello Stato nella struttura politica

Lo Stato è una repubblica parlamentare in cui la Costituzione del 1920 è valido. La testa è considerato il presidente austriaco. Il suo mandato è quello di affermare la rappresentanza in campo internazionale, la firma dei contratti, la nomina e la revoca del Cancelliere, lo scioglimento del Consiglio nazionale e del Landtag. Egli comanda anche le forze armate del paese.

Capo dello Stato è eletto per un periodo di sei anni. In questo caso, una stessa persona non può essere presidente per più di dodici anni.

Presidente 2004-2016 anno

Prima delle elezioni del 2016 al potere Haynts Fisher ha trascorso dodici anni. E 'nato 1938/10/09 anno. Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l'Università di Vienna. In futuro presidente del parlamento è venuto nel 1971. Negli anni Ottanta del XX secolo, è stato il ministro della scienza, e nel 1993 un professore di scienze politiche.

Nel 2004, si trasferisce a Fischer il posto di capo di stato. Dopo aver vinto le elezioni, ha sospeso la sua appartenenza al Partito socialdemocratico. Il paese ha fatto al Presidente d'Austria agli obblighi che le funzioni oggettivamente. Pertanto, Fischer ha deciso di essere un "presidente non di parte."

Nel 2009, il politico sarebbe eseguire di nuovo. Le elezioni si sono svolte nel corso del 2010, sulla quale Fischer ha vinto, ha ricevuto un numero enorme di voti. Ho votato per lui un po 'più di settanta per cento degli elettori. Allo stesso tempo, è stata registrata la più bassa affluenza alle urne, che era di circa cinquantatre per cento.

Elezione e la rielezione nel 2016

Presidente austriaco è eletto sulla base della Costituzione, la legge del 1971 con emendamenti. Il governo nomina il giorno delle elezioni. Le elezioni sono cittadini partecipanti che hanno raggiunto l'età di sedici anni.

Eletto diventa il candidato che ha ricevuto più della metà dei voti. In assenza di più di quattro settimane dopo, da una serie supplementare. Vi hanno partecipato i due candidati con il maggior numero di voti al primo turno.

Dal 1982, la legge in base al quale le elezioni può prendere parte un solo candidato. In questo caso, si tengono in forma di un referendum. La legge è stata fondata nel caso in cui un solo candidato sarà il presidente ad interim. Non sono ancora stati riscontrati tali precedenti. Nel 2007 è stato il metodo legalizzato di voto per corrispondenza.

Nel 2011, la legge è stata abrogata nel 1919, secondo il quale la presidenza non ha il diritto di rivendicare i rappresentanti della dinastia degli Asburgo.

I candidati per la presidenza nel 2016:

  • Alexander van der Bellen;
  • Irmgard Griss;
  • Norbert Hofer;
  • Rudolf Hundshtorfer;
  • Andreas Kohl;
  • Richard Lugner.

I risultati del voto

Secondo i risultati del primo turno il maggior numero di voti ricevuti Hofer e Van der Bellen. Hanno preso parte al secondo turno, che si è conclusa in scandalo e successivo ricorso. Su 2016/07/08, la Fisher scaduto semestre di presidenza, in modo che il capo provvisorio dello Stato è diventato il presidente del parlamento ei suoi due vice.

Rielezione si è tenuto a dicembre 2016. Come risultato del secondo turno, così come la rielezione è stata vinta da Van der Bellen.

Ufficialmente, il presidente austriaco si è insediato 2017/01/26 anno. Circa 72 anni, noto uomo politico, era il leader del partito dei Verdi, ma nelle elezioni ha partecipato come un candidato di centro-sinistra indipendente. I suoi antenati sulla parte di padre dalla fine del XVII secolo, fino al 1919 vivevano in Russia. I genitori hanno vissuto a lungo in Austria come rifugiato e ha parlato in russo, anche se il politico russo non possiede.