80 Shares 6844 views

Il farmaco "Carboplatin": istruzioni d'uso, analoghi e recensioni

Cosa può sostituire un medicinale come "Carboplatino"? Analoghi di questo farmaco saranno elencati di seguito. Anche nei materiali di questo articolo saranno fornite informazioni sull'utilizzo corretto di detti mezzi, le sue indicazioni, gli effetti collaterali e le controindicazioni.


Composizione, descrizione, forma di medicinale

In che forma è la droga "Carboplatin" prodotta? Il produttore sostiene che il prodotto può essere acquistato come polvere bianca liofilizzata per la preparazione di una soluzione per via endovenosa. La sua componente attiva è la carboplatina e l'aggiunta di mannitolo.

Il concentrato di iniezione "Carboplatin", la composizione di cui abbiamo presentato sopra, viene venduto in flaconi, che vengono collocati in pacchetti di cartone.

Proprietà farmacologiche

Qual è la droga "Carboplatin"? Le istruzioni per l'uso, le recensioni riportano che si tratta di un composto complesso di origine inorganica, contenente un metallo pesante come il platino.

Gli esperti suggeriscono che il meccanismo di azione di questo strumento è dovuto alla sua capacità di legarsi al DNA. Di conseguenza, si formano dei collegamenti intra-elici, che alterano la struttura del DNA e sopprimono la sua sintesi. Questo effetto si manifesta indipendentemente dalla fase del ciclo cellulare. Va notato che l'idratazione del carboplatino, durante la quale si forma la forma attiva del farmaco, è molto più lenta dell'idratazione del cisplatino.

Parametri cinetici del farmaco

Come si verifica la distribuzione del farmaco "Carboplatino" nel corpo umano? L'istruzione per l'uso afferma che dopo una singola iniezione di questo agente sotto forma di infusione (per via endovenosa) per 60 minuti, la concentrazione nel sangue del libero (cioè ultrafiltrabile) e del platino totale diminuisce secondo il modello a 2 fasi di farmacocinetica del primo ordine.

L'emivita iniziale del platino libero è di circa 2 ore e il terminale T1 / 2 è di 3-6 ore. Va inoltre osservato che per il platino generale, una simile emivita iniziale è tipica, ma ha un'emivita più prolungata (circa un giorno).

Con la somministrazione ripetuta di questo farmaco per 4 giorni consecutivi, l'accumulo di platino nel sangue non viene osservato. Un giorno dopo l'applicazione di questo farmaco, circa l'85% della sua componente attiva nel plasma è nello stato connesso alla proteina.

Come va il farmaco "Carboplatin"? L'istruzione afferma che il farmaco somministrato viene escreto principalmente dai reni (circa il 30% della dose somministrata rimane invariata).

Nelle persone con SC, 60 ml / min e superiore a circa il 65% e il 70% del dosaggio utilizzato vengono escreti per 11 e 23 ore rispettivamente.

Tenuto conto del fatto che l'escrezione di "Carboplatina" è quasi completamente filtrata glomerulare, solo nei pazienti con tubuli renali si osserva solo una piccola concentrazione, che spiega il basso potenziale nefrotossico del farmaco rispetto al cisplatino.

Anticorpi anti-tumore "Carboplatin": indicazioni

In quali casi è indicato l'uso del farmaco in questione? Secondo le istruzioni, questo rimedio è destinato al trattamento dei seguenti tumori:

  • Cancro ovarico;
  • Cancro cervicale;
  • Tumori germinogeni negli uomini e nelle donne;
  • Sarcoma osteogenica;
  • Cancro polmonare;
  • medulloblastoma;
  • Tumori del collo e della testa.

Proibizioni per l'utilizzo di una soluzione di infusione

Quali sono le controindicazioni per il farmaco "Carboplatin"? L'uso di questo farmaco è proibito quando:

  • allattamento;
  • Patologie gravi dei reni (ad esempio, con QC meno di 15 ml / min);
  • la gravidanza;
  • Ipersensibilità al carboplatino e ad altri farmaci, incluso il platino;
  • Grave myelosuppressione;
  • Significativa perdita di sangue, inclusi quelli osservati nel recente passato;
  • Nell'infanzia.

Anche con cautela questo medicinale è prescritto per:

  • Recente vaccinazione;
  • Perdita di udito;
  • Disturbi della funzionalità renale;
  • Ha ematurato l'ematopoiesi del midollo osseo, anche nelle condizioni successive alla radioterapia e alla chemioterapia;
  • Uso parallelo di farmaci nefrotossici (ad esempio, "Cisplatinum");
  • Infezioni acute di origine virale, fungina e batterica.

Medicinale "Carboplatina": istruzioni per l'uso

Come devo usare questo farmaco antitumorale? Secondo gli esperti, questo farmaco può essere usato sia in monoterapia sia in combinazione con altri agenti di effetto simile (ad esempio, in combinazione con il farmaco "Paclitaxel").

A seconda delle dimensioni e dove il paziente è localizzato tumore, i medici utilizzano diversi dosaggi di "Carboplatin". Deve essere somministrato per via endovenosa sotto forma di infusione per 17-55 minuti.

Come dovrei usare il farmaco "Carboplatino"? L'istruzione indica i seguenti dosaggi di questo rimedio:

  • 100 mg / m 2 dell'area del paziente, ogni giorno per 5 giorni;
  • 300-400 mg / m 2 del corpo del paziente, una volta ogni 4 settimane.

Dovrebbe essere notato in particolare che l'intervallo tra la somministrazione di questo farmaco, con un rapporto piastrinico di 100 mila / mm2 e neutrofili da 1.500 / mm2, deve essere di almeno 4 settimane.

Dopo e prima dell'applicazione di "Carboplatin" non è necessaria una ulteriore gestione del fluido, oltre a condurre una diuresi forzata.

Se il paziente ha tossicità ematologica di grave o moderata gravità, può essere necessario ridurre il dosaggio del farmaco del 26%.

Con le patologie renali, il rischio di sviluppare effetti tossici del farmaco è notevolmente aumentato e pertanto la sua dose è ridotta in base al livello di QC.

Nelle persone anziane, così come con terapia mielosuppressiva condotta in precedenza, è necessario ridurre il dosaggio del 22-25%.

Prima di utilizzare la soluzione di infusione, deve essere monitorata visivamente per determinare se ci sono anomalie nel colore o nelle inclusioni estranee.

Che cosa può essere mescolato con la polvere medicinale "Carboplatin"? Le istruzioni per l'uso affermano che questo farmaco deve essere diluito in soluzioni di 5% di glucosio o 9% di sodio cloruro. La concentrazione osservata dovrebbe essere di 0,5-1 mg / ml.

La soluzione farmacologica deve essere preparata subito prima dell'uso, poiché la durata massima della preparazione mista è un giorno.

Effetti collaterali

Quali sono le reazioni negative causate dal farmaco "Carboplatin"? Le recensioni su questo strumento affermano che possono provocare lo sviluppo dei seguenti effetti indesiderati:

  • Gli organi gastrointestinali: entro 11-12 ore dopo l'uso del farmaco, il paziente può provare una sensazione di nausea e vomito. Il rischio di reazioni emettiche è ridotto dalla somministrazione preliminare di antiemetici, nonché la somministrazione frazionaria del farmaco per 5 giorni o la sua continua infusione endovenosa per tutto il giorno. Inoltre, in alcuni pazienti sono state osservate reazioni avverse, quali diarrea, dolore addominale, infiammazione della mucosa orale e costipazione.
  • Il sistema dell'emotopoiesi: l'uso di dosi elevate di "carboplatinum" può sopprimere la funzione dell'emotopoiesi del midollo osseo. Inoltre, un gran numero di pazienti manifesta sintomi di anemia, la cui intensità dipende dal dosaggio del farmaco utilizzato. Spesso ci sono state complicazioni cliniche, come malattie infettive, febbre, sanguinamento e shock settico.
  • Periferiche HC e CNS: esiste un'elevata probabilità di sviluppo neuropatia periferica, nonché una diminuzione dei riflessi tendinei profondi, soprattutto nelle persone di età superiore ai 65 anni. Inoltre, ci possono essere segni di perturbazione del CNS. Il trattamento a lungo termine con farmaci può causare neurotossicità cumulativa.
  • Organi di visione: nel processo di utilizzo dei mezzi in esame, c'è un'alta probabilità di deterioramento temporaneo o perdita totale della visione, nonché una perdita della capacità di vedere la luce e di distinguere i colori. Il recupero della visione e il suo miglioramento si verifica normalmente entro poche settimane dopo che il farmaco viene ritirato. Le persone con insufficienza renale che sono state trattate con alte dosi del farmaco hanno avuto cecità corticale.
  • Organi uditivi: con l'introduzione di "Carboplatinum", alcuni pazienti sperimentano ototossicità, che si manifesta sotto forma di deterioramento dell'udito e del rumore nelle orecchie.
  • Allergia: febbre, eritema, prurito, reazioni anafilattiche, orticaria, ipotensione arteriosa e broncospasmo. Gli effetti elencati possono apparire diversi minuti dopo la somministrazione del farmaco. Nei casi rari può verificarsi anche la dermatite esfoliativa nei pazienti .
  • Sistema renale: con l'introduzione di "Carboplatinum" in alcuni pazienti, si osserva un aumento temporaneo e facile delle concentrazioni del farmaco e dell'urea nel sangue. In queste acute lesioni dei reni erano molto rare. Il rischio di sviluppare nefrotossicità sullo sfondo dell'uso di questo farmaco aumenta con un aumento della sua dose, così come nelle persone precedentemente trattate con cisplatino.
  • Equilibrio elettrolitico: ipocalcemia, ipocalemia, ipomagnesemia e iponatemia.
  • Fegato: può verificarsi un aumento temporaneo delle concentrazioni di bilirubina, ACT e fosfatasi alcalina nel sangue. Nelle persone che sono state trattate con alte dosi del farmaco con trapianto di midollo osseo autologo, vi sono state anomalie nel funzionamento del fegato.
  • Altre reazioni: sindrome emolitico-uremico, astenia, alopecia, insufficienza cardiaca, sintomi simili a influenza, mialgia / artralgia, reazioni allergiche, disturbi cerebrovascolari.

Informazioni speciali

Cosa devono sapere i pazienti prima di utilizzare il farmaco "Carboplatino"? Istruzioni, recensioni sostengono che l'infusione di questo farmaco può essere effettuata solo sotto la costante supervisione del personale medico specializzato nel trattamento citotossico. È necessario monitorare eventuali effetti tossici, in particolare quando si utilizzano dosi elevate del farmaco.

Nel processo di terapia con questo farmaco e per i prossimi tre mesi, i pazienti devono utilizzare contraccettivi affidabili.

Per la preparazione, nonché la successiva somministrazione della soluzione farmacologica, è necessario utilizzare forniture mediche che non contengono alluminio. Ciò è dovuto al fatto che quando interagisce con il farmaco, si forma un precipitato e si riduce l'efficacia del farmaco.

Durante il trattamento, Carboplatin richiede esami neurologici periodici, inclusi quelli degli anziani e delle persone che hanno ricevuto in precedenza cisplatino.

L'uso di questo farmaco può portare allo sviluppo di effetti ototossici e quindi prima dell'inizio della terapia devono essere test audiometrici.

Quando si osservano disturbi clinicamente significativi da parte degli organi uditivi, può essere necessario adeguare la dose di "Carboplatina" o abolirla completamente.

Se il prodotto arriva sulla pelle o sugli occhi, sciacquare immediatamente con un grande volume d'acqua. In caso di ingestione consultare un medico.

Medicinali simili

Quali analoghi possono sostituire il farmaco "Carboplatin"? Le istruzioni d'uso non contengono informazioni su questo argomento. Dietro di essa devi rivolgersi a un medico esperto. Di norma, gli esperti consigliano di utilizzare i seguenti analoghi di "Carboplatin": "Cytoplatin", "Texalkus", "Displanor", "Oxiplate", "Oxaliplatin", "Platinol", "Cisplatinum", "Eloxatin", "Platikad" "," Oxitane "," Oxtera "," Exorum ".

Recensioni sul farmaco antitumorale

Ora sapete perché è necessario un farmaco come Carboplatin (Carboplatin Teva). Le istruzioni per l'uso di questo farmaco sono state descritte in precedenza.

La valutazione del paziente sulla tossicità e l'efficacia del farmaco "Carboplatin" è abbastanza contraddittoria. Alcuni pazienti parlano di eccellenti risultati della terapia di varie malattie oncologiche, mentre altri spesso citano l'effetto tossico del farmaco su diversi organi e sistemi dell'uomo, così come altri fenomeni negativi. Gli esperti sostengono che ciò è dovuto alla tolleranza del singolo paziente della sostanza attiva del farmaco e della sua condizione generale. In ogni caso, il cancro richiede la chemioterapia obbligatoria. Se il medicinale "Carboplatin" non è adatto per il paziente per un motivo o per un altro, viene sostituito da analoghi. Questa sostituzione del farmaco antitumorale aiuta nel 90% dei casi.