330 Shares 3784 views

L'olio di pesce durante la gravidanza riduce il rischio di asma in un bambino

Le donne che prendono l'olio di pesce durante il terzo trimestre di gravidanza può ridurre il rischio di asma nei loro figli da un terzo – suggerisce un nuovo studio clinico.


Uno studio condotto da ricercatori provenienti da Danimarca

La dose di olio di pesce, che ha preso le donne partecipanti allo studio è stato alto, con livelli di acidi grassi, che è 15-20 volte più di un adulto medio ottiene dal cibo. Non ci sono stati effetti collaterali significativi, secondo il ricercatore Dr. Hans Bisgarda (lui è un professore di pediatria presso l'Università di Copenhagen in Danimarca). Tuttavia, il medico non ha dato alcun raccomandazioni generali per le donne incinte.

Bisgard ha detto che, secondo la sua personale interpretazione dei risultati dello studio, l'olio di pesce è un modo sicuro per prevenire alcuni casi di asma nei bambini. Ma ha anche detto che ci sono questioni lasciate per la ricerca futura. Primo fra tutti – a che punto in gravidanza è meglio iniziare a prendere l'olio di pesce, e qual è la sua dose ottimale.

parere di esperti disinteressati

Gli esperti che non sono stati coinvolti nello studio, chiamato i risultati incoraggianti. Essi hanno anche convenuto sulla necessità di ulteriori ricerche.

"E 'possibile che anche una dose inferiore può essere efficace", – ha detto il dottor Dzhennifer Vu, che lavora ostetrico-ginecologo presso l'ospedale, "Lenox Hill" di New York. Attualmente consiglia alle donne in gravidanza di parlare con i loro medici circa se hanno bisogno di più acidi grassi contenuti nell'olio di pesce, vale a dire – DHA ed EPA. Le donne incinte dovrebbero informarsi se una quantità sufficiente di pesci che mangiano e se iniziare a prendere vitamine prenatali.

Caratteristiche dello studio

Lo studio, pubblicato il 29 dicembre dello scorso anno nel "New England Journal of Medicine," è un'ulteriore prova che l'olio di pesce può aiutare a prevenire l'asma.

Studi di laboratorio indicano che il DHA e l'EPA può rendere le vie aeree meno inclini a infiammazione, secondo il dottor Christopher Ramsden, ricercatore del National Institutes of Health. In un editoriale pubblicato con i risultati dello studio, Ramsden ha definito "una molto promettente." Tuttavia, egli scrive che "si richiede cautela."

Dal momento che la dose di olio di pesce, che è stato utilizzato nello studio erano alte (2,4 grammi al giorno), gli scienziati hanno bisogno di capire se il trattamento sta avendo conseguenze negative a lungo termine – ha detto Ramsden. Durante lo studio, i ricercatori hanno chiesto 736 donne incinte di prendere o capsule di olio di pesce o placebo, ogni giorno durante il terzo trimestre. capsule di placebo contenevano olio.

risultati

Alla fine, i bambini nati da donne che hanno preso l'olio di pesce erano circa un terzo in meno di probabilità di sviluppare asma o dispnea persistente (un segno di asma nei bambini piccoli). All'età di 5 anni, il 17 per cento dei bambini sono stati diagnosticati con questi problemi, rispetto a quasi un quarto dei bambini nel gruppo le cui madri hanno assunto placebo.

Tuttavia, è emerso che alcuni bambini hanno ricevuto più benefici rispetto ad altri. Gli effetti sono principalmente evidenti in un terzo dei bambini le cui madri iniziato con i più bassi livelli di DHA ed EPA consumo.

L'influenza della genetica

La genetica è stato anche un fattore importante: gli integratori sono stati più efficaci quando le madri erano portatori della variante del gene, che provoca bassi livelli di DHA ed EPA nel sangue. Tuttavia, un numero significativamente maggiore i bambini potranno beneficiare del fatto che le loro madri hanno consumato olio di pesce.

Poiché i risultati dipendono dalla posizione di questo esperimento

Lo studio è stato condotto in Danimarca, dove il consumo di pesce è relativamente alto – gli scienziati hanno notato. Anche le donne in Danimarca che fanno uso di una piccola quantità di pesce ancora mangiano più della media in molti altri paesi. Dobbiamo quindi aspettarci un effetto più forte, se il bambino è nato in quei paesi, dove il pesce non è troppo familiare nella dieta. Ma sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questo.

I risultati degli studi genetici possono anche complicare il quadro un po ': la percentuale di persone con le versioni "cattive" dei geni che causano bassi livelli di DHA ed EPA, è probabile che sia diversa a seconda del paese di residenza.

Dr. Dzhefri Biler, primario all'ospedale dei bambini di Miami, ha convenuto che è necessario studiare altre popolazioni.

Perché non v'è l'asma nei bambini

Beeler ha anche osservato che molti fattori influenzano il rischio di sviluppare l'asma nei bambini, tra cui la storia della famiglia e l'esposizione a fattori ambientali nocivi come il fumo di sigaretta. Quindi non aspettatevi che l'olio di pesce sarà uno strumento magico, – ha detto.

Beeler raccomanda che le donne incinte consultarsi con i loro medici prima di utilizzare l'olio di pesce, e per assicurarsi che qualsiasi prodotto che si stanno prendendo è di alta qualità. Supplementi – un farmaco. E così la necessità di un loro uso dovrebbe essere discusso con il medico.