233 Shares 7959 views

Film sui troll. Dall'orrore degli anni 90 ai progetti del genere mokyumentari

I troll, secondo le leggende della mitologia tedesca-scandinava, sono morosi, soprattutto giganti malvagi, che vivono nelle viscere delle montagne. Si crede che siano dotati di una forza fisica colossale e di un aspetto repulsivo e terrificante. Di regola, queste mitiche creature cercavano di danneggiare una persona, coltivate a calpestare, abbandonate il bestiame, distrutte ponti e strade. Le fonti successive si associano a troll ad altre creature demoniache, anche gnomi. Non c'è da stupirsi che i cinematografi non abbiano ignorato tali personaggi colorati. I film sui troll occupano una nicchia separata nella storia dell'industria cinematografica mondiale.


Ventilatori di mostri "naturali"

I film riguardanti i troll sono per lo più horror abbastanza notevoli della metà degli anni '90. Durante questo periodo, i modelli animati di diversi mostri sono usciti gradualmente dalla circolazione, sono stati sostituiti da modelli computerizzati senza pretese. Ma la maggior parte degli amministratori sono rimasti aderenti a "mostri naturali" – attori vestiti in costumi appropriati. Un esempio vivo di tale immagine è l'esordio regista dell'Inglese Paul Matthews nel film horror "Sinister Force". La trama dell'immagine racconta gli eccessi di un gigantesco troll, costantemente terrorizzando gli invitati ospiti della sua caverna. Nel progetto Matthews, il troll è un costume elegante e il ruolo del mostro è stato interpretato dall'attore Peter Tractlone. Il film è consigliato per la visualizzazione a fan nostalgici di mostri "naturali". L'unico momento in cui i critici cinematografici sgridavano il film è la storia narrativa più vicina al centro della narrativa.

dilogy

I film sui troll hanno spesso dei sequel. Così il famoso film prodotto dall'Italia e dagli Stati Uniti, diretto da John Carl Buchler, "Troll" nel 1985, cinque anni dopo il rilascio di un nuovo sequel "Troll-2".

Il film originale del 1985 è riconosciuto come uno dei migliori rappresentanti del subgenra raramente coltivato "horror fantasy". Maestro imperdibile per la creazione di creature spaventose Buchler ha incarnato nel suo progetto un gran numero di creature mitiche, caratterizzate da una particolare qualità di prestazioni, da espressioni facciali dettagliate e dall'aspetto realistico. Tutti gli abitanti del mondo magico si sono rivelati estremamente realistici, credibili, come vivi. L'orrore può vantare un'abbondanza di personaggi brillanti e colorati: dai personaggi principali ai ruoli episodici. Creando una specie di thriller sull'universo fantasy di antagonisti mitologici, il regista si è concentrato sulla presentazione colorata di ogni personaggio e serie visive. Il regista è riuscito a prestare attenzione a ogni personaggio – creature magiche e morendo una per una dalle mani del crudele re-troll alle persone.

"Troll 2"

Nel 1990, il regista italiano Claudio Fragasso, una persona importante nel cinema a basso budget, con il sostegno del produttore Joe D'Amato stesso, un uomo con il titolo del plagiarista principale del cinema italiano, ha creato un sequel al successo del nastro di John Carl Buchler. La categoria "film sui troll" non è stata ricostituita dal campione di maggior successo. Il film ha una bella serie visivamente riprodotta, un insieme di elementi spaventosi standard, tuttavia, secondo critici, il film non è sfuggito ad una discreta quantità di assurdità. L'immagine è inaspettatamente semplice nello script, lamentosamente a basso budget. I troll e gli altri mostri sono presentati sotto forma di maschere di gomma distinte, non differenti in plausibilità e mobilità. La linea di trama è troppo prevedibile: la famiglia arriva in una città provinciale e affronta numerosi problemi. L'aggressione dei vecchi tempi non è il problema principale, a differenza dell'invasione dei mostri malvagi. In generale, Claudio Fragasso è uscito da una curiosità di spazzatura, basata su una favola specifica, anche se non tanto magica quanto nel film originale.

Nel genere di "pseudosuff"

Non tutti i migliori film sui trolls sono stati girati negli anni 80-90 del secolo scorso. Prova di questo può servire da sceneggiatore e regista, norvegese Andre Ovredal nel genere dei modelli "Hunters on trolls". Il nastro ha soddisfatto lo spettatore con i sentimenti emozionali freschi e non influenzati dai personaggi, ha dato all'osservatore un'impressionante emozione di sentimenti. Il pseudo-documentazione art-house è dedicato interamente ai personaggi più popolari dei troll di film. Ovredal ha preso un tour molto eccitante e istruttivo del mondo delle creature mitiche scandinave, progettato per materiale reporter. A causa di ciò, sembra che lo spettatore sta guardando un'inchiesta sensazionale e entusiasmante piuttosto che contemplare l'insignificante corsa nei campi e nelle foreste per gli eroi.

"Leprechaun"

Negli anni 80-90 del XX secolo a Hollywood, ad eccezione dei blockbusters ad alto budget, sono stati anche filmati progetti di registi sconosciuti con un budget modesto – film su gnomi e troll. Naturalmente, queste immagini si sono rivelate più deboli in termini di presenza di effetti speciali impressionanti e la presenza di "stelle" nell'assemblea degli attori. Il film "Leprechaun" del 1992 è il miglior esempio di un film horror a commedia, a basso budget ma abbastanza interessante e di alta qualità, che nella fanciullezza spaventò allo stesso modo di "Nightmares on Elm Street" o "Venerdì 13". La trama introduce lo spettatore all'uomo anziano Dan O'Grady, che ha rubato una borsa d'oro dal piccolo malvagio leprechaun Leprechaun. Una creatura crudele si sposta dalla sua nativa Irlanda alla dimora di O'Grady e stabilisce i suoi abitanti. Tuttavia, il nano è intrappolato, dove rimane per molti anni, finché un giorno non viene accidentalmente rilasciato da un'azienda adolescente.

In questo progetto, il regista e sceneggiatore Mark Jones ha debuttato Jennifer Aniston, che in questo momento è una star della prima grandezza. E il film stesso ha generato altri 4 pezzi: la continuazione della storia del gnomo malevolo.

La scala globale

La domanda senza precedenti e la popolarità della fantasia fantasia nei due millesimi hanno veramente guadagnato terreno nel settore cinematografico. Una influenza significativa sulla formazione della fantasia nel cinema contemporaneo è stata opera di RJ Tolkien. Lo scrittore ha creato un incredibile universo di gnomi, orchi, hobbit, troll e altre creature magiche. Ora queste immagini vengono usate come cliché da vari registi del nostro tempo. Ogni versione di schermo delle opere letterarie può essere inclusa nella categoria "film su troll e goblin": "Il Signore degli Anelli: Il ritorno del re", "Il signore degli anelli: la fratellanza dell'anello", "Il signore degli anelli: due forti" e tutti gli episodi dell'epope sulle avventure dell'Hobbit.

Notevole anche

I seguenti film non sono un elenco completo della categoria "film su troll". È possibile aggiungere al seguente elenco:

  • "Abitazione di creature malvagie".
  • "Il decimo regno".
  • "Avventure nella Terra dei Nani".
  • "Harry Potter e la Pietra del Filosofo".
  • "Hellboy II: l'esercito dorato".
  • Mini-serie "Color of Magic".
  • Le Cronache di Spiderwick.
  • "Il Viaggio dell'Unicorno".
  • "Il Rolly e lo Spirito della Foresta".

Inoltre un certo numero di film animati: "Troll nel Central Park" (1994), l'epopea dei tempi dell'URSS "Moomin-troll e altri".