257 Shares 3091 views

"imitazioni del Corano", Puskin: un'analisi. La poesia "imitazioni del Corano"

La poesia "imitazioni del Corano", molti considerato una delle opere più controverse di Aleksandra Sergeevicha Pushkina. Il ragionamento del poeta influenzano il più doloroso argomento – religiosa. Ha cercato di trasmettere al lettore che non vedenti l'aderenza al dogma, senza capire l'essenza della fede porta alla disprezzo della persona che qualcuno possa manipolare la coscienza impersonale della gente.


La storia della scrittura della poesia "imitazioni del Corano" (Pushkin)

Analisi del lavoro deve iniziare con la storia della sua scrittura, per capire i motivi del poeta. Al suo ritorno dai collegamenti a sud di attività vitale Puskin aveva più di 2 anni per passare il tempo in esilio volontario nella tenuta di famiglia Mikhailovskoye. Volontario perché guardare dopo ostinata quindi causare suo padre.

Alessandro era un uomo con una mente curiosa e proprio annoiarsi in carcere non poteva. Ha sviluppato una rigorosa attività, visitare i vicini e dà fastidio parlare. Erano persone oneste, con molti del poeta agito rilassato e si degni di parlare con argomenti politicamente scorrette. Compreso – religiosa.

Conversazioni con Praskovya Osipova

Forse l'interlocutore più interessante per Puskin era Praskovya Alexandrovna Osipova, un proprietario terriero vicino di casa. Le piaceva i testi delle poesie di Pushkin sulla natura, profonda poesia. La donna aveva una mente raffinata era curiosa e, per la gioia del poeta, profondamente religioso. Le parti potrebbero passare ore disputirovat caldo sulla fede. Alla fine, Puskin ha deciso di esprimere le proprie argomentazioni in versi, scritto nel 1825, a 9 capitolo poesia "imitazioni del Corano".

Analisi Pushkin della religione costruita su l'interpretazione dei testi del Corano – il libro sacro dei musulmani. Ogni capitolo si basa sulla storia particolare della vita e fatti del Profeta Muhammad. Non è noto se il brillante scrittore Praskovya Alexandrovna convinto che hanno ragione, ma il dibattito tra i suoi colleghi ha appena raggiunto riscaldato.

Un breve riassunto

Anche se l'autore saggiamente come ragionamento critico ha scelto la fede estera, il lavoro ha causato una risposta risonante. C'era un'occasione rara quando c'era un compromesso chiaro con le conclusioni del poeta. Forse in questo turno di Pushkin immaginato? "Le imitazioni del Corano" colpisce sentimenti troppo intimi che sono importanti per i fedeli.

A prima vista, questa creazione delle gesta del profeta. Ma è sufficiente pensare al testo e diventa chiaro che la storia parla di persone comuni che sono costrette a rispettare i dogmi e le leggi della fede musulmana alla cieca una volta accettati. Perché l'Islam guerriero deve spogliare la spada ea morire senza conoscere le cause della guerra, nella speranza che "Beati i caduti in battaglia?" Per i quali le giovani donne musulmane a diventare "mogli pulire il profeta", sono condannati al celibato?

Dopo la lettura diventa filo conduttore chiaro funziona "imitazioni del Corano". Verse avverte che, mentre i veri credenti seguono costantemente i comandamenti, ci sono persone che usano i loro sensi al fine di raggiungere i propri obiettivi egoistici.

Pushkin – un ateo?

"Alzati, timorosi" – chiede il poeta. "A questo ciascuno ad una risposta personale" – un tale vantaggio argomento in disaccordo con perentorio appello Pushkin. Su di essa v'è un adeguato credenti dicendo: "Cesare quel che è di Cesare ea Dio degli dei".

Scrivendo "imitazioni del Corano", analisi Pushkin delle contraddizioni nell'ambiente corteo religioso. Tutti hanno capito significato allegorico del testo. Anche se stiamo parlando di Islam, che significa qualsiasi fede (compresi ortodossa). Involontariamente pensiero sorge che Alessandro – un ateo (come nei tempi dello zar era considerata la sedizione). Tuttavia, non è così. E 'noto che Puskin rispetto per le persone religiose ed era tollerante verso tutte le religioni. Egli credeva fermamente che il culto cieco non è favorevole alla illuminazione spirituale. Basta essere consapevoli di se stesso come persona, è possibile entrare in contatto con Dio.

La conformità con il testo poesia del Corano

Così come si fa analizzare? "Le imitazioni del Corano" tra gli scrittori considerati difficili un'opera, perché il testo si basa sul Corano. Non basta conoscere brani dei libri sacri che Puskin usato quando si scrive una poesia, si richiede una comprensione delle complessità dell'Islam. Numerosi studi hanno dimostrato che alcune delle quartine segue abbastanza accuratamente la logica del Corano e sulla base di una corretta interpretazione del testo di questo libro. Tuttavia, Puskin non sarebbe, ma non è portare la libertà per l'interpretazione del testo sacro dei musulmani, soprattutto perché l'essenza della poesia implica qualche cambiamento, la rinascita, la rinuncia dei dogmi.

Per capire l'incredibile complessità della interpretazione del lavoro, non guardare l'intero versi di Puskin "imitazioni del Corano", e almeno alcune delle quartine. Cycle, scritto nel 1824, si compone di nove capitoli. Si apre il primo capitolo, "Per una strana coppia, e …", composto da quattro quartine:

Giuro per la coppia, e anche,

Con la spada e la battaglia giusta,

Giuro la stella del mattino,

Con la preghiera della sera:

No, non mi lascio.

Chi altro all'ombra della compiacenza

Sono entrato, il capo del suo amante,

E nascosto dal vigile Gonen?

Non eh innaffiato sete quotidiana

Te lo spreco di acqua?

Non sono la tua unica arma dotata lingua

Il grande potere delle menti?

Coraggio allora, disprezzano l'inganno,

Seguire i sentieri di giustizia allegramente,

Amore orfani e il mio Corano

Tremando creatura piangere.

L'analisi generale del primo capitolo

L'essenza degli studiosi del grande poeta è quello di trovare righe scritte da Puskin corrispondenza, con versetti del Corano. Cioè, per scoprire che su qualsiasi base dati invocata poeta nel comporre opere "imitazioni del Corano". Verse difficile da studiare, così gli esperti sono estremamente interessanti.

Prima di tutto, si è scoperto che le immagini centrali del primo capitolo: "Gonen dalla vista acuta" e "grande potenza" "delle menti" del linguaggio – sono assenti nel Corano. Nel frattempo la dipendenza testuale della prima e l'ultima strofa della poesia del Corano non è in dubbio. Come se anticipando l'interesse di critici a questo lavoro, Puskin ha lasciato alcune osservazioni, che hanno contribuito a rendere i professionisti un'analisi più accurata. "Le imitazioni del Corano", per esempio, contiene una nota al primo verso del poeta: "In altri luoghi Corano, Allah giura per gli zoccoli dei cavalle, il frutto del fico, la libertà della Mecca. Strano questo turno retorica si trova nel Corano ogni minuto. "

Più vicino alla testa della prima strofa 89. Comandamenti, che Dio dà alla poesia a suo profeta, sparsi in tutto il testo del Corano. Tutte le opere ricercatori hanno notato particolarmente stretto rapporto e l'ultima strofa della prima riga della seconda quartina con i 93 capitoli del Corano: "Il Signore tuo non ha lasciato voi … Non opprimerai l'orfano, non otemli ultime briciole dai poveri, proclamano a voi la grazia di Dio." Nel verso 2, e 3 è una correlazione diretta del Corano non è così evidente.

Analisi seconda quartina poesia "Imitation Corano" (Pushkin)

Analisi di questa parte provoca difficoltà. In esso si parla della fuga miracolosa dalle persecuzioni, ma non del tutto pushkinoveda capire, di alcune storie del Corano è vero. Tomashensky ricercatore, per esempio, ha sostenuto che lo stesso testo nel Corano lì. Tuttavia, i suoi colleghi sottolineano che nel Corano ci sono riferimenti alla caccia, ad esempio:

  • Capitolo 8: "Dio e il suo profeta ha portato i fedeli in un posto sicuro e fatto scendere gli eserciti per punire gli infedeli".
  • 9 Capitolo: "Non appena entrambi si rifugiarono in una grotta, Mohammed consola il suo servitore," Non setuy, Dio con noi ".

Tuttavia, la persecuzione degli infedeli Mohammed è menzionata nel Corano estremamente breve. Fomichev ha suggerito che Puskin potrebbe usare una biografia di Maometto dal Corano, tradotto in francese, Dushkin trovato nella biblioteca. Questa pubblicazione descrive in dettaglio come Muhammad e il suo compagno si nascose in una grotta durante la fuga dalla Mecca, e Dio miracolosamente sollevato all'ingresso l'albero grotta. Guardando nella grotta e vide che l'ingresso al suo cobwebby e che colomba rinviata uova là, i persecutori hanno deciso che non v'è stata a lungo è venuto nessuno e passò.

Unificazione delle religioni?

Forse versi di Puskin "imitazioni del Corano" è difficile da interpretare, per la ragione che il poeta ha stipulato un lavoro di leggende non solo del Corano, ma anche del Vecchio Testamento. Dopo Pushkin rispetto per tutte le religioni. Parole di "persecuzioni" Zorka ricordano di un altro passatempo – la persecuzione del faraone egiziano, Mosè e il suo popolo durante l'esodo dall'Egitto.

E 'possibile che durante la creazione di suo poema Puskin si riferiva al racconto biblico del passaggio del Mar Rosso, che identifica il profeta Maometto, il profeta Mosè. I motivi di questa identificazione è già stabilito nel Corano, dove Mosè visualizzato come un precursore di Maometto: Allah ricorda costantemente Mohammed del suo grande predecessore, il suo primo profeta – Mosè. Non a caso il libro "Exodus" in cui l'atto di Mosè descritto, sorge maggior parte dei soggetti presi in prestito dalla Bibbia al Corano.

Analisi terza quartina

La prima riga di questa quartina i ricercatori hanno correlato con il 11 ° versetto del capitolo 8 del Corano: "Non dimenticare … kako fatto scendere l'acqua dal cielo nel lavaggio di voi, al fine di purificare e fu risparmiato il diyavola cattiveria". Tuttavia, Puskin si tratta di placare la sete, non la pulizia delle "acque del deserto', piuttosto che l'acqua, fatto scendere dal cielo.

Forse Pushkin accennato a un'altra tradizione: una volta sulla strada tra Medina e Damaskom Magomet difficilmente potrebbe raccogliere un secchio d'acqua dal prosciugamento del torrente, ma versando indietro e trasformarlo in una ricca fonte di Napo intero esercito. Ma nel Corano, questo episodio non è disponibile. Di conseguenza, un certo numero di ricercatori hanno confrontato la prima riga della terza strofa con la famosa storia biblica di come Mosè irrigato la gente, indebolite dalla sete nel deserto, colpendo con una verga di pietra, da cui una sorgente d'acqua, è così che Dio gli aveva comandato. Nel Corano, questo episodio è citato due volte (capitoli 2 e 7).

E tuttavia – la Bibbia?

Torniamo alla preistoria. Che ha cercato di Puskin? "Le imitazioni del Corano" è nato nelle controversie proprietario terriero con Osipova circa l'influenza della religione sulla mente delle persone. Il poeta in versi ha espresso il suo punto di vista. Forse Pushkin ha tenuto conto che Osipova storie bibliche più vicino, o ha trovato interessante di combinare diverse religioni, o per dimostrare che tutte le religioni sono intrinsecamente simili.

E 'noto che durante il lavoro sulla serie "imitazioni del Corano" a Pushkin v'è la necessità di trasformare la Bibbia. "Io lavoro per la gloria del Corano" – Puskin scrisse a suo fratello in una lettera, che risale i primi numeri di novembre 1824. In seguito, nei primi anni '20 del mese di novembre, ha chiesto al fratello di mandargli un libro, "La Bibbia, la Bibbia! Francese e mezzi ". A quanto pare, il ciclo di funzionamento di Pushkin portato via come motivi islamici e biblici.

conclusione

Gli ammiratori di poesia ispirato i testi delle poesie di Pushkin sull'amore, tremante e la natura colorata. Ma Puskin, soprattutto, un cittadino, un filosofo, un pensatore. Un combattente contro l'ingiustizia, la tirannia, l'oppressione. Il prodotto di "imitazioni del Corano" fatto di bere dello spirito di libertà, chiedendo "Alzati, timida!"