83 Shares 5859 views

Il tradimento di sua moglie in islam ieri e oggi

La religione e la cultura musulmana sono radicalmente differenti, ad esempio da cristiani o buddisti. Lo stesso vale per le relazioni familiari. Al moderno uomo europeo l'atteggiamento di un uomo musulmano a sua moglie, e anche a una donna in generale, può sembrare il minimo. Ma è davvero così? È possibile che una moglie nell'Islam abbia limitazioni nei diritti insieme a un uomo che è sempre considerato il capo della famiglia. Tuttavia, se ci rivolgiamo alle statistiche, vedremo che il tradimento e il divorzio tra i musulmani credenti sono estremamente rari, i senzatetto nei paesi della sharia sono estremamente bassi, per non parlare degli aborti della gravidanza, che sono proibiti dalla legge. La ragione di questo, senza dubbio, è l'adesione alle antiche tradizioni degli antenati e la rigorosa osservanza dei divieti stabiliti.


Il ruolo delle donne e delle mogli nell'Islam rimane immutato per molti secoli. I suoi doveri principali includono la nascita e l'educazione della sua progenie, la pulizia, la gestione della proprietà acquisita dal coniuge. Una donna musulmana è obbligata a onorare il marito e rispettare i suoi parenti più vicini. Va anche notato che una nozione come "tradimento della moglie" nell'Islam è estremamente rara e non è dovuta alla pena crudele che può seguirla. Le ragazze in paesi musulmani si preparano per il matrimonio da una prima età, sono cresciuti secondo le tradizioni religiose dei loro antenati, che escludono la possibilità di adulterio.

Il tradimento in Islam presuppone l'esistenza di qualsiasi rapporto sessuale di persone che non sono nel suo tempo in un matrimonio legale. Secondo il Corano, l'adulterio non è altro che il più grande peccato mortale, il cui versamento viene immediatamente. Il tradimento di una moglie nell'Islam è estremamente raro. In alcuni paesi musulmani, per un tale crimine, per molti secoli è stata inflitta la pena capitale – la pena di morte o un pestaggio pubblico. Le donne musulmane moderne hanno poco desiderio di cambiare i loro mariti.

Di solito il fatto di adulterio è considerato in presenza di un avvocato, così come quattro outsider che hanno una reputazione impeccabile nella società. Una persona che commette l'adulterio (adulterio) viene punita – battendo con fruste – ma solo in caso di piena prova della sua colpa. Se, per qualsiasi motivo, la testimonianza dei testimoni si dissolvono, possono anche essere sottoposti a ciglia per la condanna e l'insulto all'onore di una donna.

Secondo la religione, il tradimento della moglie nell'Islam è un grande peccato, che implica una pena grave. Tuttavia, l'Islam non prevede il linciaggio, cioè avendo saputo del tradimento della moglie, il coniuge non ha il diritto di punirla personalmente. Nel caso in cui un uomo affermi il tradimento di sua moglie, ma non è in grado di fornire prova di tale reato, egli stesso sarà punito (fino a 80 frustate). In alcuni paesi musulmani, le leggi consentono la pena di morte degli amanti, anche se volontariamente confessano di commettere un atto di adulterio. In alcune regioni, la pena di morte è prevista per il rapporto sessuale di una donna non sposata, anche se questo atto non si applica al tradimento.

Oggi, come mille anni fa, il tradimento della moglie nell'Islam implica il matrimonio di una donna sposata in qualsiasi rapporto sessuale con uno sconosciuto. Il processo di certificazione precede la convinzione della colpa di una donna o della sua innocenza, implicando la presenza obbligatoria di un giudice (mufti, imam). In assenza di testimoni e l'impossibilità di dimostrare l'adulterio commesso dalla moglie, si decide l'adulterio sul divorzio. Dal momento della dissoluzione del matrimonio, l'uomo termina il mantenimento dell'ex coniugi. Oggi ci sono molti sostenitori di tali processi di divorzio, che raccomandano le coppie di famiglie musulmane che si sospettano l'un l'altro di infedeltà, ma che non hanno l'opportunità di dimostrare un crimine, per risolvere il conflitto in questo modo pacifico.