621 Shares 9016 views

Paracetamolo: controindicazioni

Il paracetamolo è ampiamente usato nella pratica medica per molti anni. Essa ha dimostrato di essere un mezzo efficace di emergenza nelle malattie infiammatorie acute accompagnate da un forte aumento della temperatura.

Oltre antipiretico, il farmaco analgesico ed anti-infiammatorie trascurabile. Si è preso per le piccole e medie imprese del dolore di varia origine: il dente, mal di testa, mestruale, muscoli.

Il paracetamolo è parte di molti, compresi i bambini, farmaci.

Tuttavia, non controllato paracetamolo ricezione e medicine, a cui si fa parte, può avere gravi conseguenze per la salute umana e persino la vita.

Nel mondo un sacco di casi registrati di avvelenamento di droga che coinvolge paracetamolo. Contra, che è piccola lista, piuttosto che vlyayut il numero di avvelenamenti. Il pericolo è più interessato con l'utilizzo a lungo termine, alte dosi del farmaco e diffuso. paracetamolo non controllata può portare alla morte.

Il farmaco è efficace e anche indispensabile nella SARS e l'influenza. Ma al fine di prendere confidenza paracetamolo, controindicazioni, effetti collaterali e il dosaggio deve essere attentamente studiato.

Il farmaco è sicuro se presa solo in casi estremi, un breve corso in stretto dosaggio raccomandato dal medico.

In alcuni casi, non si può prendere paracetamolo? Controindicazioni: intolleranza individuale, malattie del sangue, gravi violazioni nel lavoro dei reni e fegato, alcune malattie genetiche, alcolismo cronico. In questi casi, anche la normale dose del farmaco può causare cambiamenti irreversibili nell'organismo.

E 'possibile durante la gravidanza e l'allattamento per prendere paracetamolo? Controindicazioni in questo caso devono essere determinate da un medico. medicina ufficiale permette di prendere il farmaco durante la gravidanza. E 'noto che il paracetamolo penetrano la placenta, ma non stabilita, se ha un effetto negativo sul feto. Pertanto la decisione se la destinazione dei fondi durante la gravidanza dipende dal medico.

I pazienti con piccole deviazioni nel fegato, aumento della bilirubina nel sangue senza disfunzione epatica e il paracetamolo anziani dovrebbero essere prese con cautela.

L'uso di paracetamolo corsi superiori a cinque giorni richiede una revisione obbligatoria dello stato del fegato e del sangue.

Il paracetamolo avvelenamento possibile per un uso prolungato o in caso di dosi in eccesso. La preparazione dalla decomposizione ha un effetto negativo sul fegato. In sovradosaggio o trattamento prolungato con paracetamolo subisce effetti tossici fegato, che porta alla morte delle sue cellule. La gravità del danno dipende dal dosaggio e la durata del corso.

Se non v'è la minima deviazione nel fegato, poi il farmaco può essere dannoso per la salute, anche nelle dosi stabilite.

Le persone che abusano di alcol, paracetamolo è controindicato. Anche un paio di casi, il farmaco contemporaneamente con la bevanda può causare gravi danni al fegato.

Particolarmente elevato rischio di lesioni gravi in paracetamolo intossicazione con malattie ereditarie del fegato, di alcuni farmaci, alcolismo cronico, fame, epatite acuta e cronica sia virali e di origine non virale.

L'uso frequente di paracetamolo porta al cambiamento neobratitym nel rene – la distruzione delle cellule e insufficienza renale grave. Molto spesso questi cambiamenti si verificano negli anziani.

Il farmaco agisce negativamente sul sangue, e, – cioè, impedisce la formazione di cellule del sangue, in particolare leucociti. Riduzione del numero di globuli bianchi rende una persona vulnerabile alle malattie infettive. conta piastrinica ridotta può portare ad emorragie.

Il paracetamolo provoca effetti collaterali sul tratto gastrointestinale: indigestione, vomito, nausea, diarrea, dolore addominale e far saltare in aria. Reazioni allergiche come orticaria, eruzioni cutanee, prurito, angioedema.

La dose alla quale iniziano cambiamenti irreversibili nei reni e nel fegato è 5 grammi, la dose tossica – 10 grammi, una dose letale di paracetamolo – 25 grammi. Dose letale e tossici per le persone affette da malattie del fegato o alcolismo cronico, è notevolmente inferiore.