208 Shares 7650 views

Malattie dell'orecchio e il loro trattamento.

Ear – un organo complesso, che è responsabile non solo per l'udito, ma anche per il sostegno alla bilancia dei, in quanto è c'è l'apparato vestibolare. Così alcune malattie dell'orecchio può portare a disturbi della funzione motoria – orientamento spaziale. Ear – un corpo raddoppia, ha una struttura molto complessa. È costituita da un guscio, passaggio uditivo esterno, l'orecchio medio e l'orecchio interno. cattura e detenzione di suoni – è una funzione dell'orecchio esterno e mezzo, ma l'interno ha due funzioni e, di conseguenza, due tipi di recettori responsabili della percezione e suoni, e l'orientamento del corpo nello spazio.


Malattie dell'orecchio sono divisi in infiammatoria, non infiammatoria, funghi, così come quelle malattie che si sono sviluppate a causa delle sue ferite. otite vari, labirintite, otosclerosi e altri – l'infiammazione si verificano più frequentemente di altri. malattia dell'orecchio spesso si sviluppa come complicazione di infezioni batteriche o virali di altri organi.

otite media possono verificarsi e come a marcire in una zona limitata, e ha colpito tutto il corpo. Sono forme acute e croniche. Se viene avviato il suo trattamento nel tempo, le probabilità di un esito favorevole di un molto grande e, di regola, non v'è alcuna recidiva. Ma quando in ritardo con l'inizio del trattamento, o impegnati in auto – otite può dare complicazioni e anche diventare cronica.

Dolore e prurito nel canale uditivo – questi sono segni di malattie infiammatorie dell'orecchio esterno. Audizione possono deteriorare proprio all'inizio della malattia. Se v'è una forte, infiammazione generalizzata, le orecchie si arrossano e anche fester.

Se l'infiammazione dell'orecchio medio influenzato, la temperatura aumenta rapidamente e gravemente l'udito si deteriora. Earache forte, germoglio, il flusso purulenta – purulenta sanguinamento vaginale. Nei casi più gravi, la malattia non è solo le orecchie possono diventare croniche, ma anche causare danni al timpano.

Se colpisce l'orecchio interno causando forti capogiri, l'udito si perde rapidamente, v'è "correre in giro vista" a causa della sua incapacità di concentrarsi.

Le forme di cui sopra possono trasformare le une nelle altre, può anche sviluppare labirintite, soprattutto in otite non trattati, e nei casi più gravi – persino la meningite, setticemia e ascesso cerebrale. Inoltre, ci sono complicazioni quali paralisi facciale e sordità completa. Quindi non sottovalutare le otite media e le sue conseguenze.

Medio otite acuta sviluppa a causa di entrata di microrganismi nell'orecchio medio ed il naso del rinofaringe a causa di malattie infettive. Come trattare le orecchie? Quando i primi sintomi è necessario, senza indugio, di vedere uno specialista – un otorinolaringoiatra. Si può fare una diagnosi corretta, per determinare lo stadio della malattia e assegnare un trattamento completo e la riabilitazione.

Pesante passo otite media, qualsiasi infiammazione dell'orecchio interno richiede trattamento ospedaliero. Si deve essere prescritto solo dopo la ricerca di laboratorio: semina microrganismi per la sensibilità agli antibiotici. Nel caso di accumulo di secrezioni purulente nelle cavità dell'orecchio interno, dove è complicata il deflusso, a volte è necessario ricorrere ad un intervento chirurgico – apertura del timpano.

Disturbi non infiammatori delle orecchie – è anche abbastanza comune. Più spesso di quanto altra malattia ereditaria comune, che si verificano con lesioni della capsula auricolare – otosclerosi, che possono causare una significativa perdita dell'udito. I suoi segni sono – tinnito, vertigini e perdita di udito – la cosiddetta sindrome di Meniere. Otosclerosi colpisce l'orecchio interno, caratterizzato da un aumento della quantità di liquido in esso. fluido in eccesso mette sotto pressione regolando l'apparato vestibolare della cella, e di conseguenza – nausea, vomito, vertigini, tinnito. Queste manifestazioni possono essere ridotti, ma la perdita di udito – non si fermano. Il trattamento – chirurgico.