181 Shares 6080 views

Analisi di "nelle trincee di Stalingrado" Nekrasov

Nel 1946, la letteratura include uno scrittore sconosciuto Viktor Nekrasov. "Nelle trincee di Stalingrado" – l'analisi del prodotto è data nell'articolo – la storia, che ha aperto una nuova pagina a immagine della Seconda Guerra Mondiale. Alcuni lo chiamano "trincea", gli altri – "tenente". In ogni caso, l'importante è che si trattava di una nuova prospettiva sui recenti tragici eventi. Nel centro dell'immagine per la prima volta erano soldati semplici ed i loro comandanti, di conoscere pienamente le difficoltà della vita al fronte.


Circa l'autore

Nekrasov è nato a Kiev (la città ricorda con affetto protagonista autobiografico della storia in molti modi) nel 1911. Prima della guerra, era la professione dell'architetto, era appassionato di teatro, pittura, letteratura. Ho cercato di scrivere, ma la vita, per sua stessa ammissione, non ha dato la scena appropriata e inventato non era interessato, né l'autore né gli editori.

Nella parte anteriore Nekrasov è apparso nei primi mesi della guerra – si sta rivelando la storia e la sua analisi. "Nelle trincee di Stalingrado" – un lavoro scritto sulla base di osservazioni ed esperienze personali dell'autore. Più tardi, lo scrittore ha ricordato che questo fusibile (e lui, come il suo eroe, servito come ingegnere militare e il vice comandante del battaglione) ha visto solo un anno dopo l'inizio della guerra la prima pistola – una settimana prima l'offensiva senza successo nei pressi di Kharkov. Nekrasov ha partecipato alla difesa di Stalingrado e nella propria pelle conosceva tutte le difficoltà della vita quotidiana in tempo di guerra. È stato dimesso dopo essere stato ferito alla fine della guerra – nel 1945.

La storia della storia "nelle trincee di Stalingrado"

Analisi del lavoro dovrebbe iniziare con la storia della sua nascita. Una volta in ospedale di Kiev, il futuro scrittore è stato di fronte al fatto che, dopo essere stato ferito al braccio destro male lavorato. Su consiglio dei medici, ha iniziato a svilupparla: lunghe ore a scrivere. Questi erano i ricordi della difesa eroica della città sul fiume Volga nel 1942-1943. Al difensore di ieri di Stalingrado avuto il desiderio di condividere con i lettori esperti e dire ai suoi compagni. Così nelle prime pagine del romanzo, che ricorda il diario originale del protagonista, Yuri Kerzentsev.

Più tardi Nekrasov dettata tetrade registrazione dattilografa, e il testo finale del lavoro trasferito ad altri (casuale!) A Mosca. E ora, dopo qualche tempo nella "Banner" è stato stampato prodotto di "Stalingrado", immediatamente suscitato controverso. Molti contenuti e l'analisi del racconto "nelle trincee di Stalingrado" dispiaciuto. Prima di tutto, il fatto che non era il solito leader di elogi l'indirizzo e l'alto comando. Nel frattempo, Stalin ha approvato il lavoro, che ha portato alla presentazione del suo autore nel 1947 del Premio Stalin di secondo grado.

La peculiarità della narrazione

La storia è scritta da un giovane tenente volti, ventotto ingegnere militare Yuri Kerzentsev. Questo è un dettaglio, quasi ogni giorno, la storia del ritiro di massa delle truppe sovietiche dalla Oskol al Volga, sulle settimane di vita a Stalingrado, inizialmente pacifica, interrotto da bombardamenti violenti del nemico, poi il militare – durante feroci battaglie per la Mamaev Kurgan e gli approcci alla città. Allo stesso tempo, l'analisi mostra che "nelle trincee di Stalingrado" (la storia) non contiene le descrizioni di massa di battaglie e eroiche gesta dei soldati sovietici. Tutti i dipinti sono estremamente completo e veritiero – reticenze, secondo Nekrasov, nella storia non superiore a 1%. La spiegazione è semplice.

L'autore ha voluto mostrare i veri difensori del paese attraverso gli occhi dello stesso, così come sono, guerriero, l'esperienza durante la guerra i sentimenti umani naturali: desiderio di pace e la famiglia, orgogliosi dei loro compagni, la vergogna di ritiro e il fallimento, la paura di esplosioni e incendi in corso nelle trincee di Stalingrado . L'analisi del prodotto se il lettore svolge sul campo di battaglia, e ha seguito il protagonista sta cercando di ripensare ciò che è accaduto, per capire quale prezzo è stato dato la vittoria del popolo.

Il ruolo delle digressioni liriche e le riflessioni del protagonista

Le descrizioni della realtà sono spesso interrotte da una retrospettiva del passato. Nella prima parte ci sono più nel secondo, dove la serie di eventi si sta sviluppando più velocemente, non tanto. Durante questo ritiro ricordi dolorosi di una persona cara Kerzentsev Kiev, dove rimase la sua casa e la famiglia. Eroe sta vivendo dolore costante dal fatto che ci sono ora ospitati nazisti.

Pochi giorni tranquilli a Stalingrado che ricorda l'amato, le occupazioni di prima della guerra e gli hobby che non hanno mai essere la stessa di prima. Conversazioni presso l'impianto, che è pronta ad esplodere, evocano ricordi di "Racconti di Sebastopoli". Essi Tolstoj parla del "patriottismo nascosto" del popolo russo. Questo è quello che vede è ormai vicino ad un personaggio principale – sottolinea Nekrasov.

Nelle trincee di Stalingrado (analisi dipinti contrasto rafforza l'impressione di lettura) Yuri richiama l'attenzione alla natura circostante. Descrizione del paesaggio autunnale, calma e maestosa, che si svolgeva sullo sfondo degli eventi terribili, aiuta a sentirsi più acutamente tragica scala di ciò che sta accadendo. Questa percezione del mondo si trasforma in Kerzentsev uomo che cerca di risolvere il problema eterno della vita e della morte, di eroismo e di scelleratezza, la sincerità e l'ipocrisia.

la guerra immagine

Analisi di "nelle trincee di Stalingrado" (storia Nekrasov) porta il lettore a l'idea principale. In ogni riga dell'autore con il dolore parlando di come la vita fugace: un momento fa, un uomo ha detto, la respirazione, e ora si trova con gli occhi spenti e corpo mutilato. tutto questo avviene casualmente, e la descrizione delle diverse facce della morte e della sofferenza umana ci permette di capire la reale portata della tragedia del popolo. Incredibilmente realistico Nekrasov descrive la morte del ferito nello stomaco e Lazarenko giovanissimo mitragliere. Come circa la più terribile manifestazione della morte ricorda i combattenti uccisi, le cui labbra dotlevaet culo. incredibile potere di influenzare e avere scene che rappresentano, ad esempio, la difesa getta o la cattura del colle, dove un manipolo di soldati sovietici armati scarsamente eroicamente resistito il distacco del nemico con i carri armati e mitragliatrici.

L'immagine del protagonista

L'analisi della storia "nelle trincee di Stalingrado" Nekrasov non è possibile senza riferimento all'identità di Yuri Kerzentsev. Un educato, uomo intelligente, che assorbe tutto ciò che vede e sente in giro. Capisce che la guerra non è come una vita pacifica: è impossibile prevedere nulla. Eppure, ciò che sta accadendo: il ritiro, la situazione dell'esercito, rimprovero in silenzio di vista dei residenti abbandonati villaggi – rende l'eroe ei suoi colleghi cercare una risposta alla domanda eterna di chi è la colpa.

Il tenente se stesso ripetutamente preso a pensare che la guerra indurito il cuore, ei valori umani sono molto diversi. Tuttavia, egli è molto auto-critico ed esigente di se stesso. Taciturno, eroe a volte irascibile al momento giusto è in grado di sostenere e prendere la giusta decisione. Ha veramente sperimentare la morte di ciascuno dei suoi compagni. Al momento cruciale, è vicino ai combattenti, così come non si nascondono dalle pallottole. La guerra è diventato un business responsabile, che dovrebbe essere fatto sulla coscienza per lui.

L'autore non idealizzare il suo carattere, che è confermato da fatti Kerzentsev e analisi. "Nelle trincee di Stalingrado" – un esempio di come comportarsi in guerra una persona comune. Quando, durante una conversazione con Chumak da proiettili volanti, Yuri anatre involontariamente. Era il comandante, a volte non sanno cosa fare, e si sente in colpa di fronte agli altri. Esso non rifiuti prodotti latte Valega o limone. Ma il suo vantaggio è che non ci sono falsi eroismi, l'arroganza.

Così, il personaggio principale – questo è un uomo comune, con la sua vita ha difeso Stalingrado e l'intero paese.

immagine Valega

Nel suo romanzo Nekrasov ( "nelle trincee di Stalingrado"), analisi del contenuto che è confermato, particolare attenzione al regolare Kerzentsev – Valega. Questo è un semplice, uomo ignorante di diciotto anni, infinitamente dedicato al suo luogotenente e la sua terra d'origine. Il suo lavoro, a prima vista poco appariscente, ma Kerzentsev di una volta chiesti come gestire abilmente Valega. In tutte le circostanze, Yuri aspettava la cena riscaldato, vestiti puliti, capo asciutto. In qualche modo sconosciuto Valega potrebbe adattarsi a qualsiasi condizione. Così Kerzentsev era certo se le munizioni si esaurisce e avrà bisogno di lottare per i loro denti patria, il suo attendente, e in questa situazione, per far fronte. Questi sono i soldati che hanno vissuto nel corso della giornata trincee e notte, e sostenuto il peso della guerra.

Posizionare la storia della letteratura

Vladimir Nekrasov, il primo nella letteratura sovietica ha dimostrato, secondo V. Bykov, "giusto, e un alto essenza di individualità nella guerra, l'importanza del singolo … in un ambiente con la subordinazione assoluta di tutti …". Un decennio più tardi in "Nekrasov trincea" è venuto fuori un'intera generazione di scrittori-veterani che hanno scritto di aver subito e sopportato.

risultati

Il libro parla di persone in trincea – "Nelle trincee di Stalingrado" della cosiddetta molti dei primi lettori del romanzo, che è stato scritto nel 1946 da un Nekrasov sconosciuta, L'analisi conferma questa idea funziona. storia imparziale dell'autore di coloro che negli anni terribili per il paese è stato affrontato con una scelta morale , ed è riuscito a trattenere i migliori qualità umane, sottolinea ancora una volta la resistenza incrollabile, il coraggio senza limiti e vero patriottismo del popolo russo, sempre saputo difendere la libertà e l'indipendenza dello Stato.