232 Shares 5518 views

La Costituzione italiana: storia e caratteristiche generali

costituzione in Italia è stata adottata nel 1947. Naturalmente, dal momento che è in parte cambiato – una quindicina di modifiche sono state introdotte negli ultimi anni. Tuttavia, le disposizioni generali rimangono gli stessi. Per quanto riguarda l'attuale Costituzione, si compone di due parti ei dodici principi fondamentali.


La Costituzione italiana: i fatti storici

Non è un segreto che il paese è stato dichiarato una repubblica nel secolo scorso, ma un diritto costituzionale in Italia si è evoluta nel corso degli ultimi secoli. Tutto è iniziato con l'adozione del cosiddetto "stato di Albertine" nel 1848 sul territorio del Regno di Sardegna. Già nel 1870, dopo una completa unificazione di tutte le terre italiane, "Stato" è diventata la prima Costituzione del paese.

Certo, c'è ancora esisteva una monarchia costituzionale. Tuttavia, la prima Costituzione di Italia, e ha introdotto una direzione democratica di sviluppo del paese. L'evoluzione della forma di governo è stata interrotta nel 1922, quando il paese è stato introdotto dal regime fascista totalitario, mentre il capo dello stato si trovava Benito Mussolini.

Già nel dicembre 1925, una nuova legge, che ha stabilito il regime a partito unico del paese, il Duce (il leader del partito) da solo rappresenta il ramo esecutivo del governo. Nel 1943, l'Italia, che è supportato da Giappone e Germania è stato sconfitto nella seconda guerra mondiale. E 'diventato un prerequisito per l'eliminazione del regime fascista.

Nel 1946 si è tenuto un referendum. i risultati hanno dimostrato la volontà di eliminare la popolazione di totalitarismo, così è stato raccolto l'Assemblea costituente, in cui si è deciso di dichiarare il paese una repubblica, che è accaduto 18 Giugno 1946.

La nuova Costituzione italiana del 1947 è stato adottato dall'Assemblea a maggioranza. In effetti, si è unita quattro giorni più tardi – dal 1 gennaio 1948, e anche se da quando la Carta ha subito alcune modifiche, le caratteristiche comuni sono la stessa cosa.

La Costituzione italiana: una panoramica generale

In realtà, questo documento politico-legale contiene un insieme di regole, compreso il quadro sociale e giuridico, disposizioni di legge e sistema filosofico. Come accennato in precedenza, la Costituzione italiana si compone di diverse parti:

  • sezione introduttiva "principi di base", che contiene 12 articoli;
  • la parte principale dei "diritti e doveri dei cittadini";
  • la parte principale del "dispositivo della Repubblica";
  • norme transitorie e finali.

Secondo questo documento, tutto il potere è diviso in tre rami della norma:

  • Il potere legislativo appartiene esclusivamente ai membri del Parlamento, così come consigli regionali, ma solo entro i limiti delle loro competenze;
  • Il potere giudiziario è esercitato della Corte costituzionale e della magistratura;
  • Il potere esecutivo – è la prerogativa del Presidente e dei Ministri.

Tra l'altro, la Costituzione italiana e descrive il rapporto speciale con la Chiesa cattolica: vale la pena ricordare che questo è dove si trova lo Stato del Vaticano. Nel 1929 tra l'Italia e il Concordato del Vaticano è stato firmato e accordo (parte dei Patti Lateranensi): secondo loro il Vaticano ha il diritto di sovranità parziale. Inoltre, il cattolicesimo è stato designato come religione tradizionale d'Italia. E 'interessante il fatto che, oltre a questo, la Costituzione italiana separa chiesa da stato ed è conforme ai principi di uguaglianza di tutte le fedi.