824 Shares 1721 views

Caratteristiche del sognatore del racconto "Le notti bianche" di Dostoevskij

"notti bianche" – un romanzo di Fedora Dostoevskogo, che è stato pubblicato sulla rivista "Note della Patria" nel 1848. Scrittore ha dedicato la sua opera Pleshcheyev, un amico della sua giovinezza. Forse quest'uomo è il prototipo del personaggio principale, poiché è noto che in questo momento ci pensava la sua versione della storia, l'eroe dei quali è tra le nuvole. Caratteristiche del sognatore del racconto "notti bianche" saranno discussi nel nostro articolo.


Siamo tutti sognatori

"Le notti bianche", secondo molti studiosi dello scrittore, è uno dei più poetica e la luce delle sue opere. Dostoevskij ha scritto anche che siamo tutti ad alcuni sognatori misura. Questa è la storia in un certo senso, può essere chiamato autobiografico. Dopo Dostoevskij, come il prodotto principale del protagonista, spesso ricordato i suoi sogni. Ha scritto che nell'immaginario giovanile amava rappresentare se stessi a volte che Marius, il Pericle, il cavaliere del torneo, il periodo cristiana del regno di Nerone, etc. L'atmosfera di questo opere romantiche, così come le immagini dei suoi personaggi principali – una ragazza e un funzionario-plebea. Entrambi hanno un'anima pura.

Incontro con Nastya

Tale consiste di cinque parti. In questo caso, quattro di loro ha descritto la notte, e in finale – mattina. Il giovane, il protagonista – è un sognatore che ha vissuto per otto anni a San Pietroburgo, ma era in grado di trovare in questa città gli amici. E 'stato rilasciato in un giorno d'estate a fare una passeggiata. Ma l'eroe sembrò improvvisamente che il cottage aveva lasciato la città. Essendo una persona sola, il sognatore si sentiva con grande forza il loro isolamento dal resto. Ha deciso di andare a piedi in città. Di ritorno da una passeggiata, l'eroe principale ha notato una giovane ragazza (Nastya), singhiozzando sul canale ferroviario.

Hanno avuto modo di parlare. Questi eventi iniziano il romanzo "Le notti bianche" di Dostoevskij.

La natura del personaggio principale

Selezionando la forma della narrazione in prima persona, l'autore delle opere gli ha dato le caratteristiche della confessione, la riflessione, avendo autobiografica. Tipicamente, il suo eroe, Dostoevskij non ha nome. Questa tecnica migliora l'associazione con un caro amico dello scrittore o l'autore stesso. Per tutta la vita l'immagine del sognatore preoccupato Dostoevskij. Ha anche voluto scrivere un romanzo con lo stesso nome.

Caratteristiche del sognatore del racconto "Le notti bianche" di seguito. Nel prodotto il protagonista – è piena di energia, educato giovane. Tuttavia, egli si definisce solo e timida sognatore. Questo personaggio vive con sogni romantici, sostituirlo realtà. preoccupazioni quotidiane e le cose che non sono interessati. Li ha solo quando necessario esegue e si sente come uno straniero in questo mondo. Povero sognatore si nasconde negli angoli bui di San Pietroburgo, dove il sole non guarda mai. Questa persona sempre confusa, si sente sempre in colpa. L'eroe costumi ridicoli, discorso confuso.

caratteristiche esterne del sognatore del racconto "Le notti bianche" è molto povera. L'enfasi è l'autore del suo mondo interiore. Quindi, non possiamo dire che cosa stava facendo, dove ha servito. E 'lo disumanizza ancora di più. Dreamer vive senza amici, e non aveva mai incontrato con le ragazze. A causa di questo, l'eroe diventa un oggetto di ostilità e di scherno degli altri. Si confronta con uno sporco, gattino sgualcito con ostilità e risentimento guardare il mondo.

Per tutto il tempo v'è una tale sensazione che il personaggio principale è un ragazzo o adolescente divorato dalla febbre. Putao il riconoscimento e l'emozione eccessiva, che egli getta disordinato, non sembrano avere alcuna relazione con la situazione. Lui non conosce il mondo, come la caratteristica del sognatore del racconto "notti bianche". Se una ragazza decide di collegare la sua vita con questo eroe, in attesa che i suoi dolci sospiri, ma né la visita né il teatro una tale persona che non ha invitato – vietare solo la casa e fare un ostaggio di sentimentalismo. Caratteristica permette il sognatore per fare una tale conclusione.

vita peccaminosa di un sognatore, i suoi poteri creativi

Dostoevskij ritiene che tale vita fantasma è peccato, perché la persona si ritira dal mondo della realtà. Si trasforma in una "strana creatura" alcuni "neutro". I sogni del protagonista, allo stesso tempo e hanno valore creativo. Dopo tutto, questo uomo, come dice Dostoevskij, è la propria vita dell'artista. Lo fa secondo la sua ora ogni.

"L'uomo superfluo"

Dreamer è un tipo di cosiddetta umana superfluo. Tuttavia, solo verso l'interno rivolto verso la sua critica. La società ha non disprezzava, come Pecorin o Onegin. questo personaggio ha per gli stranieri sincera simpatia. Altruistico sognatore è in grado di servire l'altra persona a venire in suo aiuto.

Riflessione nella società nel lavoro

Molti contemporanei di Dostoevskij è stato caratterizzato da una tendenza a sognare qualcosa di insolito e luminoso. In una società dominata dalla frustrazione e disperazione, che sono stati causati dalla sconfitta dei decabristi. Non è maturo fino alla nascita dei movimenti di liberazione attribuibili ai 60 anni. Fyodor stessa potrebbe indirizzati verso gli ideali della democrazia di sogni vuoti. Tuttavia, l'eroe principale di "notti bianche" e non è riuscito a fuggire da un sogno, anche se ha capito la nocività del loro atteggiamento.

nastya

Opposto a questo eroe, dreamer Nastya – ragazza attiva. Dostoevskij è stato creato l'immagine di una bellezza romantica e raffinata che è "anima gemella" eroe, anche se un po 'ingenuo e infantile. Incute rispetto sincerità dei sentimenti di questa ragazza, il suo desiderio di lottare per la propria felicità. Tuttavia, Nastya e ha bisogno di sostegno.

L'amore che ha sperimentato un sognatore

Dostoevskij ( "Notti Bianche") nella sua opera descrive il puro, sincero sentimento del sognatore. Eroe motivi egoistici sono sconosciuti. Egli è pronto a sacrificare tutto il resto, quindi cerca di organizzare la felicità della ragazza non ha esitato per un momento che l'amore Nastya – l'unica cosa che ha in questa vita. Senso di fidarsi sognatore, disinteressato. E 'pulito come le notti bianche. L'amore salva l'eroe dal suo "peccato" (vale a dire sognare ad occhi aperti), permette di placare la sete di pienezza di vita. Tuttavia, è triste destino. Anche in questo caso, egli è un uomo solo. F. Dostoevsky ( "notti bianche"), tuttavia, non lascia nella storia finale della tragedia senza speranza. Ancora una volta benedice la sua amata sognatore.

Storia Si tratta di una sorta di idillio. Utopia è l'autore di quello che la gente potrebbe essere visualizzati se i migliori sentimenti. Il prodotto "notti bianche", in cui il sognatore – carattere generico, tipico – è piuttosto un sogno su una bella, viva che non sia un riflesso della realtà, Dostoevskij.

Dreamers Tolstoj e Dostoevskij

Alla presentazione del protagonista della felicità (la compassione e fratellanza ideale) è interessante guardare attraverso il prisma delle opere di Tolstoj, "After the Ball". Caratteristiche del sognatore ( "notti bianche"), alla luce di questa storia è soprattutto un sollievo. la separazione dalla vita infinita e il sentimentalismo carattere Dostoevskij in netto contrasto con i sentimenti profondi romanticismo intrinseca dei giovani le opere di Tolstoi. Lui, a differenza del primo prende vitali, gravi decisioni. Totalmente immersi nelle loro esperienze l'eroe di Dostoevskij. Per lui da qualche parte nel lato v'è un mondo esterno. sogni Proper – unico motivo per fare una determinata azione, come dimostra comparativa caratteristica visionario ( "notti bianche") e "gemello" della storia "Dopo che la palla". Qualsiasi sentimento – un indicatore dei bisogni urgenti di incomprensione, la solitudine spirituale, conseguenza di sentimenti di alienazione dal mondo, che detiene l'uomo. F. Dostoevsky ( "Notti Bianche") simpatizza comunque con l'eroe e non condannarlo.