529 Shares 4531 views

Teoria sintetica dell'evoluzione

Teoria sintetica dell'evoluzione è stato creato sulla base di associazione nei 20 anni di ecologia, genetica e il darwinismo. Oggi, è considerato il più completo e sviluppato abbastanza completo. teoria sintetica dell'evoluzione incarnata genetica delle popolazioni classici e il darwinismo.


Il primo ad introdurre un approccio genetico era Chetverikov Sergey. Nel 1926 ha pubblicato un articolo in cui l'evoluzione della vita (per alcuni aspetti) è stato considerato dal punto di vista della genetica. Nel suo lavoro ha portato Chetverikov diverse disposizioni. Come esempio di loro sono stati presi popolazioni naturali di Drosophila. Così, lo scienziato ha trovato il seguente:

  1. Le mutazioni in natura si verificano costantemente.
  2. modifiche recessivi possono persistere a tempo indeterminato nello stato eterozigote.
  3. Con le mutazioni si accumulano lo stesso tipo di sintomi si sciolgono nel tempo (in quanto l'età).
  4. I principali fattori di differenziazione sono interspecie variazione genetica e l'isolamento.
  5. Panmixia (incrocio libero) porta a polimorfismo e scelta – un monomorfismo della specie.

La teoria presentata Chetverikov, indica che l'accumulo di mezzi di mutazioni casuali contribuiscono alla direzionalità adattiva, sul corso dello sviluppo. Il continuo sviluppo di insegnare genetisti russi come Romashov, Timofeev Resovskii Vavilov, Dubinin e altri. I lavori di queste e altre figure formate una posizione in cui la teoria sintetica dell'evoluzione.

Nel 30 ° anno di Wright Holdeymsa, Fischer ha gettato le basi per lo sviluppo della didattica in Occidente.

Una delle prime opere in cui la teoria sintetica dell'evoluzione, nella sua essenza, una monografia sulla Dobzhansky è stato di cui l'origine delle specie e della genetica. In questo lavoro l'attenzione è stata focalizzata sullo studio dei meccanismi di popolazioni genetiche del sistema secondo l'influenza di vari fattori. I fattori, in particolare, comprendono variabilità genetica, le fluttuazioni del numero di individui in termini di differenti popolazioni, migrazione. Una grande influenza e le cause di evoluzione e di isolamento riproduttivo è formata entro una specie nuove forme.

È un contributo di rilievo allo sviluppo di insegnare Schmalhausen. In accordo con l'unione creativa di embriologia, la teoria evoluzionistica, la paleontologia, la morfologia e la genetica, gli scienziati hanno condotto in modo approfondito rapporto di ricerca filogenesi e ontogenesi, ha esaminato le principali tendenze nell'evoluzione e sviluppato una serie di disposizioni fondamentali della moderna teoria.

Tra la posizione importante della ricerca di base è il lavoro di Huxley, "Evolution. La sintesi moderna". Di grande importanza sono stati anche lo studio delle forme e dei tassi di sviluppo realizzati da Simpson.

teoria sintetica si basa sui principali postulati undici. La loro Vorontsov conciso formulato.

  1. Mutazioni, come piccole variazioni discrete ereditarietà sono considerati materiale evolutivo che è casuale.
  2. Principale, in qualche misura, anche la sola forza trainante dello sviluppo è considerata una selezione naturale, che è basato sulla selezione di piccoli e casuali mutazioni.
  3. La più piccola unità è considerata una popolazione in continua evoluzione.
  4. Sviluppo ha gradazione (gradualmente) e la natura continua.
  5. Vista include molti subordinato e al tempo stesso distinguibile (morfologicamente, geneticamente e fisiologicamente), ma non le unità riproduttivo isolate.
  6. Evoluzione richiede le caratteristiche divergenza.
  7. geni mangimi (alleli Exchange) è consentito solo all'interno di una specie. A questo proposito, è (unico) è considerato come un sistema integrato e geneticamente chiuso.
  8. Tipo di proprietà non si applicano alle forme che riproducono asessualmente per partenogenesi e.
  9. Macroevolution avviene per microevolutivo.
  10. Reale taxon ha origine monofiliticheskoe (si riferisce ad una forma ancestrale).
  11. Evolution è un processo imprevedibile, ha natura non direzionale del fine ultimo.