97 Shares 4823 views

Gzhel russo: porcellana della città

Gzhel (città, ma a volte si chiama e il villaggio) è uno dei centri più importanti in Russia per la produzione di ceramiche. Spazioso regione, che comprende 27 frazioni, uniti nel cosiddetto cespuglio Gzhel. Si trova a 60 chilometri dalla capitale della Federazione ed è inclusa nel quartiere Ramenskoye della regione di Mosca.


templi Gzhel

Gzhel – una città meravigliosa, ed è impossibile da descrivere, per non parlare delle sue tempie. Essi creano un'atmosfera unica e speciale della provincia appartenenti alla zona di Mosca. Tutte le chiese sono state costruite in soli 50 anni, ma sono un'ottima dimostrazione dei diversi periodi di sviluppo dell'architettura russa della metà del XIX e l'inizio del secolo scorso.

Nella zona prima dell'arrivo del secolo scorso, non ha costruito chiese di pietra o mattoni. L'eccezione è la Chiesa della Dormizione del villaggio Gzhel. Luoghi di interesse sono insolitamente ricca di boschi, né gli architetti locali hanno scelto di costruire luoghi di culto dell'albero. Ma, purtroppo, fino ad oggi non sono stati conservati. Tuttavia, v'è una chiesa in mattoni, risalente agli anni 1859-1910-esimo. Essi sono una sorta di funzione Gzheli immediati dintorni sé e per sé.

Dal momento che la metà del XX secolo, la chiesa di mattoni rossi in molte parti del siderurgico russo imitare noto esempi di antica Russia. Gzhel (città) non fa eccezione. Siamo diventati templi molto popolare con cinque capitoli. Edifici religiosi di questo tempo ha assunto la complessità della decorazione del XVII secolo. I creatori della chiesa Georgiya Pobedonostsa in con. Ignatievo cercato di lavorare secondo il principio sopra. Naturalmente, l'arredamento è ampiamente inferiore ai prototipi selezionati, ma architetti locali hanno fatto tutto il possibile in modo che il tempio ha acquisito un'eleganza.

Chiesa dell'Ascensione del Signore

Città Gzhel, le cui attrazioni non sono così vecchio, è famoso per la Chiesa dell'Ascensione, situata nel villaggio di Rechitsa. La prima menzione di questo villaggio risale al 1744-esimo. Allora la città era parte del palazzo gzheliano parrocchia. E poiché il XIX secolo Rechitsa entra a far parte del dipartimento specifico.

La chiesa fu eretta nel 1859, l'anno grazie ai fondi donati da commercianti, industriali e comuni cittadini. L'edificio è costruito di ordinaria progetto dell'architetto Ton. Secondo l'idea, la calotta principale dovesse circondare i quattro angoli del tirati con loro piccole cupole. Ma i soldi per l'attuazione di tali idee non sono sufficienti, e la chiesa assunse l'aspetto attuale.

"Kuhn-bene"

Questo è un altro imbattibile terreno posto Gzhel. Se si va a Gzhel (città) del treno e rimanere sulla piattaforma sotto il nome di "55 km", e poi un po 'indietro in direzione della capitale, si trova sul lato sinistro della linea ferroviaria potrebbe essere considerato uno di un certo numero di fonti di acqua di primavera. Qui a prendere l'acqua vengono regolarmente vacanzieri.

Oggi, poco si sa circa "Kuhn-pit". Prima della rivoluzione al suo posto è stato organizzato il nuoto. Ha cercato di guarire molte persone che soffrono di varie malattie. Ma il più grande numero erano bambini come una fonte di acqua è particolarmente benefico effetto sulla salute dei bambini.

ceramiche Gzhel

Gzhel – la città (cosa vedere in esso, il lettore sa già), famosa per i suoi ceramisti. Dal XIV secolo, l'argilla bianca unica di questa zona servita come materia prima per la produzione di ceramiche in tutto il paese. Sin dai tempi antichi, nelle ceramiche Gzhel prodotti per diverse esigenze di natura interna. piastrelle Gzhel sono state usate come decorazione per stufe russi.

Fin dagli anni '50 del XVIII secolo maioliche Gzhel stoviglie decorate sale di rappresentanza sono diventati ricchi popolo russo. artigiani Gzhel tradizione passata da una generazione all'altra. Beh, per vedere la vera bellezza della ceramica può essere solo in questa città.