539 Shares 6612 views

Come funziona la corteccia? corteccia

È ormai noto per certo che le funzioni più alte del sistema nervoso, come la capacità di comprendere i segnali ricevuti dall'ambiente esterno, l'attività mentale, la memorizzazione e il pensiero, sono in gran parte dovuti al modo in cui funziona la corteccia. Le aree della corteccia cerebrale saranno considerate in questo articolo.


Il fatto che una persona è a conoscenza dei suoi rapporti con altre persone sia collegata all'eccitazione delle reti neurali. Stiamo parlando di coloro che sono nella corteccia. È la base strutturale dell'intelligenza e della coscienza.

neocorteccia

Circa 14 miliardi di neuroni hanno una corteccia del cervello. Le aree della corteccia cerebrale, che saranno discusse di seguito, funzionano grazie a loro. La maggior parte dei neuroni (circa il 90%) forma il neocortex. Si riferisce al sistema nervoso somatico, essendo il suo più alto reparto integrativo. La funzione più importante del neocortex è la lavorazione e l'interpretazione delle informazioni ottenute con l'aiuto degli organi di senso (visivo, somatosensoriale, gusto, udito). È anche importante che controlli esattamente i complessi movimenti muscolari. Ci sono centri nel neocortex che partecipano ai processi di discorso, pensiero astratto e memoria di memoria. La maggior parte dei processi che si verificano in essa è la base neurofisiologica della nostra coscienza.

paleocortex

Paleocortex è un altro reparto grande e importante che ha una corteccia del cervello. Anche le aree della corteccia cerebrale ad essa correlate sono molto importanti. Questa parte ha una struttura più semplice del neocortex. I processi che si svolgono qui non sono sempre riflessi nella coscienza. Il paleocortex contiene i più alti centri vegetativi.

Correlazione della corteccia con le parti sottostanti del cervello

Va notato il rapporto della corteccia cerebrale con le parti sottostanti del nostro cervello (talamo, nuclei basali, ponti e cervello centrale). Viene effettuata mediante grandi fasci di fibre che formano una capsula interna. Questi fasci di fibre sono strati larghi di materia bianca. Contengono molte fibre nervose (milioni). Alcune di queste fibre (assoni di neuroni del talamo) forniscono la trasmissione alla corteccia dei segnali nervosi. L'altra parte, ossia gli assoni dei neuroni corticali, serve a trasferirli nei centri nervosi situati qui sotto.

Struttura della corteccia cerebrale

Conosci quale reparto del cervello è il più grande? Alcuni di voi probabilmente avevano indovinato quello che si diceva. Questa è la corteccia del cervello. Le aree della corteccia cerebrale sono solo un tipo di parti che si distinguono. Quindi, è diviso in emisferi destro e sinistro. Essi sono collegati fra loro da fasci di materia bianca, che forma un callosum corpus. La funzione principale del callosum corpus è quella di garantire il coordinamento dell'attività dei due emisferi.

Zone corteccia cerebrali per posizione

Anche se ci sono molte pieghe nella corteccia cerebrale, nel complesso la disposizione dei più importanti solchi e gyri è caratterizzata dalla costanza. Pertanto, la loro principale funzione costituisce un punto di riferimento per la divisione delle aree corticali. La sua superficie esterna è suddivisa in 4 parti di tre solchi. Queste azioni (zone) – temporali, occipitali, parietali e frontali. Anche se sono allocati per località, ognuna di loro ha le proprie funzioni specifiche.

La zona temporale della corteccia cerebrale è il centro in cui si trova lo strato corticale dell'analizzatore uditivo. In caso di danni si verificano sordità. La zona uditiva della corteccia cerebrale, inoltre, ha il centro del discorso di Wernicke. In caso di danni, la capacità di comprendere la lingua parlata è persa. Inizia a essere percepito come rumore. Inoltre, nei lobi temporali esistono centri neurali che sono legati all'apparato vestibolare. Il senso di equilibrio viene violato in caso di danni.

Le zone del discorso della corteccia cerebrale sono concentrate nel lobo frontale. È qui che si trova il centro del motore. Se è danneggiato nell'emisfero destro , la capacità di cambiare intonazione e il timbro del discorso verranno persi. Diventa monotono. Se il danno si riferisce all'emisfero sinistro, dove ci sono anche zone vocali della corteccia cerebrale, l'articolazione scompare. Anche la capacità di cantare e articolare il discorso scompare.

L'area visiva della corteccia cerebrale corrisponde al lobo occipitale. Ecco il reparto, che è responsabile della nostra visione in quanto tale. Il mondo circostante, lo percepiamo è il cervello, non gli occhi. Perché la visione è solo la parte occipitale. Pertanto, se è danneggiato, si sviluppa la cecità totale o parziale.

La parte oscura ha anche le proprie funzioni specifiche. È responsabile dell'analisi delle informazioni relative alla sensibilità generale: tattile, temperatura, dolore. In caso di danni, la capacità di riconoscere oggetti al tocco, così come alcune altre abilità, viene persa.

Zona motore

Vorrei parlarne separatamente. Il fatto è che la zona motoria della corteccia cerebrale non è correlata alle proporzioni, che abbiamo descritto in precedenza. È una parte della corteccia che contiene collegamenti diretti discendenti al midollo spinale, più precisamente ai suoi motoneuroni. I cosiddetti neuroni, che controllano direttamente il lavoro dei muscoli.

La zona motoria principale della corteccia cerebrale si trova nel gyrus precentrale. In molti suoi aspetti questo gyrus è un'immagine speculare di un'altra zona, sensoriale. Vi è un'innervazione contralaterale. In altre parole, l'innervazione si verifica in relazione ai muscoli situati sul lato opposto del corpo. Un'eccezione è l'area del viso, in cui il controllo bilaterale dei muscoli della mascella e della parte inferiore del viso.

Un'altra area motoria aggiuntiva della corteccia cerebrale si trova nella zona sottostante la zona principale. Gli scienziati credono di avere funzioni indipendenti associate all'uscita di impulsi motori. Questa zona motoria della corteccia cerebrale è stata studiata anche dagli scienziati. Negli esperimenti sugli animali, si è scoperto che la sua stimolazione porta a reazioni motoristiche. E questo accade anche nel caso in cui la principale zona motoria della corteccia cerebrale sia stata distrutta prima di essa. Nell'emisfero dominante, è coinvolto nella motivazione del discorso e nella pianificazione dei movimenti. Gli scienziati ritengono che i suoi danni conducano all'affasia dinamica.

Zone corteccia cerebrali per funzione e struttura

A seguito di osservazioni cliniche e sperimentazioni fisiologiche effettuate nella seconda metà del XIX secolo, sono stati stabiliti i confini delle aree in cui sono state proiettate varie superfici del recettore. Fra questi ultimi si distinguono gli organi sensoriali verso il mondo esterno (sensibilità cutanea, udito, visione) e quelli incorporati negli organi del moto (analizzatore cinetico o motore), come organi sensoriali .

La regione occipitale è la zona dell'analizzatore visivo (campi da 17 a 19), la regione temporale superiore dell'analizzatore uditivo (campi 22, 41 e 42), la regione postcentrale dell'analizzatore cutaneo-cutaneo (campi 1, 2 e 3).

I rappresentanti corticali di diversi analizzatori in termini di funzioni e struttura sono divisi nelle seguenti 3 zone della corteccia cerebrale: primaria, secondaria e terziaria. Nel primo periodo, durante lo sviluppo dell'embrione, vengono poste le prime, caratterizzate da una semplice cytoarchitettura. Nell'ultimo turno si sviluppa terziaria. Hanno la struttura più complessa. La posizione intermedia da questo punto di vista è occupata dalle zone secondarie degli emisferi della corteccia cerebrale. Suggeriamo di approfondire le funzioni e la struttura di ciascuno di essi, nonché il loro rapporto con le regioni del cervello sotto, in particolare, al talamo.

Campi centrali

Gli scienziati hanno accumulato notevoli esperienze nella ricerca clinica in molti anni di studio. Come risultato delle osservazioni, è stato stabilito, in particolare, che il danno a determinati campi nei rappresentanti corticali degli analizzatori influisce sul quadro clinico complessivo è ben lungi dall'essere equivalente. Tra i restanti campi in questo senso si assegna uno, che nella zona nucleare occupa una posizione centrale. Si chiama primaria o centrale. È il campo al numero 17 nella zona visiva, nell'auditorio – al numero 41 e nel cinestetico – 3. Il loro danno porta a gravi conseguenze. La capacità di percepire o realizzare la più sottile differenziazione degli stimoli dei corrispondenti analizzatori è persa.

Zone primarie

Nella zona primaria, il complesso più sviluppato dei neuroni, che è adattato per fornire connessioni bidirezionali corticali-subcorticali. Collega la corteccia con uno o un altro organo sensoriale nel modo più corto e più diretto. A causa di ciò, le zone primarie della corteccia cerebrale possono isolare adeguatamente gli stimoli.

Un'importante caratteristica comune dell'organizzazione funzionale e strutturale di questi settori è che tutti hanno una chiara proiezione somatotipica. Ciò significa che i singoli punti della periferia (la retina dell'occhio, la superficie della pelle, la coclea dell'orecchio interno, la muscolatura scheletrica) sono proiettati nei punti corrispondenti e rigorosamente localizzati nella corteccia primaria del corrispondente analizzatore. Per questo motivo, cominciarono a essere chiamati proiezione.

Zone secondarie

Altrimenti sono chiamati periferici e questo non è accidentale. Si trovano nelle sezioni nucleari della corteccia, nelle loro regioni periferiche. Le zone secondarie differiscono da quelle primarie, o centrali, nelle manifestazioni fisiologiche, nell'organizzazione neuronale e nelle caratteristiche degli architetti.

Quali effetti vengono osservati quando sono elettricamente irritati o colpiti? Questi effetti si riferiscono principalmente a tipi più complessi di processi mentali. Se le zone secondarie sono interessate, le sensazioni elementari sono relativamente preservate. Soprattutto, la capacità di riflettere correttamente i rapporti reciproci e complessi complessi di elementi compositi di vari oggetti che percepiamo è sconvolto. Se le zone secondarie della corteccia uditivo e visiva sono irritate, si osservano allucinazioni uditive e visive, dispiegate in una certa sequenza (temporale e spaziale).

Queste regioni sono molto importanti per la realizzazione dell'interconnessione degli stimoli, il cui isolamento avviene con l'aiuto di zone primarie. Inoltre, svolgono un ruolo significativo nell'integrazione delle funzioni dei campi nucleari di diversi analizzatori quando si combinano i ricevimenti in complessi complessi.

Le zone secondarie sono quindi importanti per la realizzazione di forme più complesse di processi mentali che richiedono un coordinamento e sono associati ad un'accurata analisi dei rapporti degli stimoli oggettivi, nonché orientandosi nel tempo e nello spazio circostante. Allo stesso tempo vengono stabilite le connessioni, denominate associazioni. Gli impulsi afferenti, che dai recettori di diversi organi sensoriali superficiali sono diretti alla corteccia, raggiungono questi campi attraverso una moltitudine di ulteriori operazioni di commutazione nei nuclei associativi del talamo (collina visiva). A differenza di questi, gli impulsi afferenti che seguono nelle zone primarie li raggiungono in modo più corto attraverso il relè-nucleo della collina visiva.

Che cos'è il talamo?

Le fibre di nuclei talamici (uno o più) si adattano ad ogni parte degli emisferi del nostro cervello. La collina visiva, o il talamo, è nella forebra, nella sua regione centrale. È costituito da un insieme di nuclei, ognuno dei quali trasmette un impulso ad una sezione strettamente definita della corteccia.

Tutti i segnali che vengono ad essa (tranne quelli olfattivi) passano attraverso il relè e nuclei integrativi del talamo. Poi le fibre vanno da loro nelle zone sensoriali (nel lobo parietale – al gusto e al somatosensorio, nel temporale – all'udito nell'occipitale – alla visuale). Gli impulsi provengono dal complesso ventro-basale, rispettivamente dai nuclei mediali e laterali. Per quanto riguarda le aree motorie corticali, esse hanno un legame con i nuclei ventralaterali e anteriori ventrali del talamo.

Desincronizzazione di EEG

Cosa succede se una persona che è in stato di riposo improvvisamente presenta un forte stimolo? Naturalmente, immediatamente pricked e concentrato la sua attenzione su questo stimolo. La transizione dell'attività mentale, svolta da riposo allo stato di attività, corrisponde alla sostituzione dell'alfa-ritmo dell'EEG con il beta-ritmo, così come altre fluttuazioni, più frequenti. Questa transizione, chiamata desincronizzazione dell'EEG, appare come un risultato di eccitazioni sensoriali provenienti dai nuclei non specificati del talamo nella corteccia.

Attivazione del sistema reticolare

I nuclei non specifici formano una rete nervosa diffusa, situata nel talamo, nelle sue parti mediali. Questa sezione anteriore dell'APC (attivazione del sistema reticolare), che regola l'eccitabilità della corteccia. I vari segnali del sensore possono attivare l'APC. Possono essere visivi, vestibolari, somatosensori, olfattivi e uditivi. APC è il canale attraverso il quale questi segnali vengono trasmessi agli strati superficiali della corteccia attraverso nuclei non specifici situati nel talamo. L'eccitazione dell'APC svolge un ruolo importante. È necessario mantenere uno stato sveglio. Negli animali sperimentali, in cui questo sistema è stato distrutto, è stato osservato un comato, stato soggettivo.

Zone terziarie

Le relazioni funzionali che vengono tracciate tra gli analizzatori sono ancora più complesse di quanto sopra descritto. Morfologicamente, la loro ulteriore complicazione è espressa nel fatto che nel processo di crescita lungo la superficie dell'emisfero di campi nucleari di analizzatori, queste zone si sovrappongono. All'estremità corticale degli analizzatori si formano "zone sovrapposte", cioè zone terziarie. Queste formazioni si riferiscono ai tipi più complessi di combinazione dell'attività degli analizzatori cutaneo-cinestetici, uditivi e visivi. Le zone terziarie si trovano oltre i confini dei loro campi nucleari. Pertanto, la loro irritazione e danni non portano a fenomeni di falsi accentuati. Inoltre, non si osservano effetti significativi rispetto alle funzioni specifiche dell'analizzatore.

Le zone terziarie sono aree speciali della corteccia. Possono essere chiamati insieme di elementi "sparsi" di vari analizzatori. Vale a dire, sono elementi che da soli non sono più in grado di produrre sintesi complesse o analisi di stimoli. Il territorio che occupano è abbastanza esteso. Si divide in vari settori. Descrivere brevemente.

La regione parietale superiore è importante per integrare i movimenti di tutto il corpo con gli analizzatori visivi e anche per la modellazione dello schema del corpo. Per quanto riguarda il parietale inferiore, si riferisce all'unificazione di forme astratte e generalizzate di segnalazione associate a azioni verbali e obiettive complesse e sottilmente differenziate, la cui esecuzione è controllata dalla vista.

Anche l'area della regione temporo-parietale-occipitale è molto importante. È responsabile dei complessi tipi di integrazione degli analizzatori visivi e uditivi con discorso scritto e orale.

Si noti che le zone terziarie hanno le più complesse catene di comunicazione rispetto ai primari e secondari. Le relazioni bilaterali sono osservate in essi con un complesso di nuclei di talamo, che a sua volta sono collegati con nuclei relè mediante una lunga catena di legami interni presenti direttamente nel talamo.

Sulla base di quanto precede, è evidente che le zone in umani primari, secondari e terziari porzioni sono corteccia, che sono altamente specializzato. In particolare va sottolineato che 3 gruppi aree corticali sopra descritti, in un cavo normalmente di impiego del sistema di comunicazione e la commutazione tra loro e con funzione di strutture sottocorticali come un insieme differenziato difficile.