262 Shares 9953 views

"Mele Antonov": una sintesi della storia Ivana Bunina

La storia di "Mele Antonov" Bunin ha scritto nel 1900. L'autore immerge gradualmente il lettore nei loro ricordi nostalgici, creando la giusta atmosfera, descrivendo le sensazioni, colori, profumi e suoni.


"Mele Antonov": riepilogo (capitolo 1)

eroe Lyrical ricorda come vivevano prima nella casa padronale. Egli ricorda l'inizio dell'autunno caldo. Nel giardino è asciutto, è assottigliato. Sento il delicato profumo di foglie cadute e aroma Antonovka. Mele giardinieri vendono direttamente in giardino, poi versato in carri e inviato alla città.

Ran nel giardino di notte e parlare con le guardie, l'eroe guarda in un profondo, blu scuro del cielo, tempestato di stelle. Alza lo sguardo fino a quando la terra comincia a girare sotto i suoi piedi. E non avrà un senso di felicità.

"Mele Antonov": sintesi (Capitolo 2)

Se un buon raccolto di mele Antonov – e il pane sarà resa. Così, l'anno sarà buono.

Eroe ricorda il suo insediamento villaggio, che durante la vita di suo nonno tutto sembrava ricchi. Ci lunga durata di età di vecchi uomini e donne, che è stato considerato il primo segno di benessere. A casa, i contadini erano robusto, mattoni. reddito medio yard La vita non è molto diverso dalla vita degli uomini ricchi. Anna Gerasimovna, zia del protagonista, la tenuta era un piccolo, robusto, seppur vecchio. Era circondata da alberi secolari.

Giardino zia era noto per i suoi meravigliosi alberi di mele, il canto degli usignoli e gorlinok e tetto di paglia della sua casa era incredibilmente fitta e molto alta. Sotto l'influenza del tempo indurito e diventato nero. C'era un odore in casa soprattutto mele, e poi sentire e altri sapori: l'odore della mogano vecchi mobili e il colore della calce.

"Mele Antonov": riepilogo (capitolo 3)

Ricordò l'eroe-narratore e suo fratello in ritardo in diritto – Arsenij Semenovich. Era un proprietario terriero e un cacciatore disperata. Nella sua spaziosa casa stavo andando a un sacco di gente. In primo luogo abbiamo cenato insieme ermeticamente, e poi siamo andati a caccia. Ora suonò il clacson nel cortile, si sente il cane abbaiare rumorosa. Preferito maestro levriero nero saltato sul tavolo e mangia direttamente dal piatto al forno con sugo di lepre. Eroe ricorda come egli cavalca su una forte, tozzo e terribilmente male del Kirghizistan: la vista di alberi e flash e sentito un cane abbaiare in lontananza e le grida degli altri cacciatori. Dalle gole profonde tira umidità, odore e funghi grezzo corteccia degli alberi. Comincia a far buio, tutta la banda di cacciatori asciuga in idle fattoria qualcuno della società e vivere con lui a volte un paio di giorni.

Se si trascorre una giornata intera a caccia, poi riscaldare la casa affollato è particolarmente piacevole.

Se accidentalmente dormire troppo cacciare tutta la giornata poi passare nella biblioteca ospite, sfogliando riviste e libri degli anni precedenti, considerando il precedente marchio di lettori nei campi. Riempirà l'anima dei tristi ricordi di Polacche di mia nonna, che ha svolto il clavicembalo, e le sue languide lettura versi di Pushkin.

E lunga vita nobile sogno sta davanti agli occhi dell'anima … Belle donne e le ragazze vivevano in più grandi e più ricchi possedimenti della nobiltà! Ritratti di oggi guardano dalle pareti.

"Mele Antonov": riepilogo (capitolo 4)

Ma il vecchio è morto nella Transazione, sbiadito e Anna Gerasimovna, una pallottola in fronte Arsenij Semenovich.

Arriva un momento poveri, nobili impoveriti che possiedono piccole proprietà. Ma questa vita, meschino, bene! L'eroe è stato in grado di guardare la vita del prossimo, di essere a casa sua. Rosa presto, ordina subito messo il samovar. Poi, obuvshis stivali, esce al portico, dove correva i cani. Sì, il giorno promette di essere meraviglioso per la caccia! Ma, lamenta cacciatore necessità chernotropu a caccia con i cani, non con i cani, ma non lo sono! Non appena arriva l'inverno, ancora una volta, come ai vecchi tempi, venite tutti sbarcati insieme. Bevono il resto del denaro e hanno trascorso intere giornate nella caccia invernale nei campi. E a tarda sera lontano visto incandescente nelle finestre scure di una fattoria cieco. In un'ala di un fuoco instabile poco illuminato, vorticoso fumo, c'è il canto, e suoni di chitarra …

"Mele Antonov" … sintesi non è in grado di ricreare il mondo dell'antica tenuta nobiliare. E 'possibile, leggendola, di penetrare in profondità la più bella lirica Bunin, dove tutti i vecchi eventi sono vissuti dal lettore come se si svolge davanti ai suoi occhi?