739 Shares 9346 views

Lo Stato di diritto: la storia delle idee e dei principi di base

Il concetto di "stato di diritto" – un insieme di idee, concetti, teorie e credenze in cui, da un lato, ad oggi, che si riflette le basi più importanti del costituzionalismo.


D'altra parte – lo stato di diritto è l'idea giusta, è un vettore, la direzione in cui si afferma la direzione dello sviluppo di un soggetto di attività politica. Ecco perché, nel mondo di oggi non ci sono stati legali su loro fissazione, nonostante il fatto che molti della disposizione registrata nelle loro costituzioni. Non si può dire che ora questo Paese ha costruito uno stato di diritto e come tale è un vero e proprio, ma questo – no. Stato di diritto è considerato come uno che pubblicamente, legalmente e responsabilmente dichiara il suo percorso di sviluppo, che comprende i principi fondamentali dello Stato di diritto e che in realtà incarna questa affermazione nelle loro attività quotidiane.

E in uno e negli altri casi, lo Stato di diritto esprimono il desiderio eterno di umanità per la libertà, sbarazzarsi di tutte le forme di violenza e di microgestione, suggeriscono la necessità di libertà individuali e dei diritti umani.

la regola dei principi del diritto si basa sulla comprensione e l'accettazione del fatto che è lo Stato che è legalmente limitato nelle loro attività rispetto alla umana. Si riconosce che l'unica e ultima fonte di tutto il potere dello stato è un cittadino, e quindi lo stato legale è tenuto a presentare alla sua volontà.

La moderna scienza politica e giuridica e la pratica delle chiamate seguendo i principi dello Stato di diritto:

– la formazione e la presenza di forme ben sviluppati della società civile;

– lo stato limite di legge una serie di attività nel rispetto della persona;

– il riconoscimento dell'individualismo ideologica come ideologia integrale di ciascuno, fornendo la libertà alla responsabilità personale del singolo per il proprio benessere;

– una garanzia di eguaglianza giuridica nella progettazione legislativa dello stato dei diritti umani oltre l'autorità dello Stato;

– il riconoscimento del diritto di proprietà di universalità e ravnorasprostranennosti a tutti i cittadini e lo Stato stesso;

– il riconoscimento della priorità della sovranità del popolo sopra la sovranità dello Stato ;

– una vera e propria separazione dei poteri dello Stato, pur mantenendo l'integrità del sistema politico e l'unità d'azione delle autorità per il bene del popolo nella misura consentita dalla Costituzione;

– il riconoscimento del principio della limitazione della libertà solo se viola la libertà di un'altra persona.

Il rapporto tra l'individuo e le autorità stabilite dalla Costituzione.

Stato di diritto, come l'idea giusta, formato per un lungo periodo di tempo, sulla base delle prime rappresentazioni di persone sulla libertà, il potere e lo stato che si è sviluppato nei tempi antichi. Circa il potere di una legge unica e indistruttibile, ha detto nel 6 °. BC Greca re-riformatore Solon. Sui principi di parità e di interazione dei diritti umani e delle leggi statali menzionati nei suoi scritti, Aristotele e Cicerone. Concettualmente, come dottrina completo, le caratteristiche e principi dello Stato di diritto nel fondamentale sono stati formulati nel 18 ° – 19 ° secolo nelle opere dei primi teorici del liberalismo. Infine, nel suo significato, la definizione di "stato di diritto" si è affermata nel lavoro degli avvocati in Germania – Karl Welker e R. von Mohl a metà del 19 ° secolo.

Lo Stato di diritto sono in costante sviluppo, eppure così che fissa il "status legale" dello stato è praticamente impossibile per opredelnie e assume sotto un continuo miglioramento del sistema politico e giuridico Works.