809 Shares 8471 views

V. Titov, "A tutti i decessi a malincuore": una sintesi

Poche persone attraversano così tanta sofferenza e tormento come l'eroe della storia: "Tutte le morti sono spinte". Il riassunto può essere riassunto in poche parole: una persona è diventata disabile, ma non ha rinunciato e ricostruito il destino di nuovo.


Vladislav Andreevich Titov

Questo è l'autore della storia "Tutte le morti sono fortunati". Il riassunto è scritto dalla sua vita. Questo uomo è nato nella prima metà del secolo scorso in un piccolo villaggio della regione di Lipetsk. Tutta la sua famiglia era impegnata nel lavoro contadino. Vladislav voleva, come molti giovani a quel tempo, diventare un pilota, ma per motivi di salute non era in grado di questa professione. All'incrocio del destino, ha preso l'occhio di un annuncio di reclutamento in una scuola tecnica mineraria.

A quel tempo, la professione del minatore era sufficientemente monetaria e rispettata. Vladislav cominciò a padroneggiarlo in maniera assidua. Per la professione è andato a Voroshilovgrad – ora Lugansk, c'era un'eccellente scuola tecnica di montagna. Il giovane si è laureato con successo.

A fini di giustizia, bisogna dire che la borsa di studio di uno studente di college di montagna era di 340 rubli – una somma assolutamente fantastica per quei tempi.

Spirito russo

Le prove inizialmente di un carattere forte sono descritte nella storia "A tutte le morti per dispetto". Il riepilogo contiene un riferimento al fatto che la formazione nella scuola tecnica mineraria includeva una discesa di prova nella miniera. Era lì, in totale oscurità sotto la terra, ognuno decise per se stesso che potesse percorrere la strada del minatore. Gli insegnanti non hanno nascosto agli studenti che il rischio di vita è parte della professione e che nessuno rimprovera colui che lascerà prima della fine del corso.

Vladislav non è andato via. Inoltre, i minatori a quel tempo lavoravano addormentati, e invece di un martello, il carbone è stato tagliato con una pala. Alzarsi in piena crescita non ha permesso la dimensione dell'albero. A questo bisogna aggiungere l'oscurità, dispersa solo dalla luce delle lampade dell'albero, e la ventilazione forzata. Lavorare in tali condizioni di giorno in giorno potrebbe solo fisicamente duro e forte popolo spirituale.

Terzo cambio fatale

La storia di tutta la regione è legata alla storia "A tutta la morte a malgrado". Il riassunto indica che la tragedia di una persona è avvenuta nel terzo turno, alla notte morta. Vladislav Titov era appena sceso a terra ed era al posto di un compagno in faccia.

Ho sentito un rumore e ho visto cosa stava accadendo contemporaneamente. Un carrello con carbone è sceso dai binari e si è rotto attraverso un cavo elettrico. Il cavo ha infiammato il fuoco da un cortocircuito . Fuoco scende sul cavo e poi – un potente trasformatore. L'esplosione è inevitabile.

E nella miniera – due turni, per tutta la famiglia, tutti voi sapete … Vladislav ha deciso di spegnere il trasformatore. I giornalisti in questi casi scrivono "a qualsiasi costo".

Il costo del salvataggio delle vite

I soliti casi in queste parti sono descritti da Vladislav Titov. "Tutti i decessi sono fortunati" (un riassunto) è dedicato al prezzo non ufficiale del carbone – per ogni tonnellata ci sono vittime di qualcuno. È in tutti i paesi. Ogni minatore sa che il calore e il comfort sulla terra sono pagati da morti sotterranee. Sanno e ancora scendono a terra – altrimenti tutto si fermerà.

Come Vladislav, tutti i minatori corrono per il salvataggio di altre persone – questa è una parte costitutiva della professione. Lo spirito debole non esiste.

Vladislav spense il trasformatore, ma ha preso sei mila volt. Ricordava i suoi sentimenti: come se il ragno fosse bevuto in tutte le parti del corpo con dolore intollerabile. Il fatto che lo stivale avesse incendiato, non riusciva a capire – tutto acuito.

Ha trovato degli affondamenti. L'uomo era consapevole, chiedeva di bere, le sue scarpe bruciavano, e sembrava un grosso pezzo di carbone nero.

Un vero miracolo

E 'impossibile sopravvivere dopo una scarica elettrica. Una persona che distrugge una persona è considerata come una corrente di più di 90 volt. All'epoca della tragedia, Vladislav aveva solo 20 anni e sopravvisse. Come – nessuno lo sa. Era responsabile per i suoi genitori e per la sua amata donna, che da allora aveva già incontrato. Questo è un eventuale profilo della storia, il cui autore è Vladislav Titov ("A tutti i pedaggi di morte"). Il riassunto non menziona la sofferenza fisica che quest'uomo doveva sopportare. Per salvare la vita, dovette far parte con entrambe le mani – e non immediatamente, in un solo giorno. I medici hanno cercato di salvare le loro mani, ma è finita in amputazione.

La persona si rese conto di diventare un profondo invalido, talvolta persino chiese alla sua amata donna di lasciarlo, ma la ragazza si è rivelata una corrispondenza per lui – è diventata una moglie.

Fuori dall'ospedale

Al momento del rilascio sembrava che tutto il peggio fosse finito. Così pensò Vladislav Titov. "A tutti i decessi spia" (sintesi breve) mostra che la totale mancanza di domanda e di inutilità era molto più difficile della sofferenza fisica. Sì, i suoi colleghi di lavoro si ricordavano della sua abilità e lo onoravano come uomo, ma la vita – così diversa, tempestosa, piena di notizie e eventi – passò. Che cosa è stato per un uomo da fare, per il quale anche il solito self-service è diventato un problema? Vestire, mettere le scarpe, accendere una sigaretta – tutto questo non può essere fatto senza mani. Trovarti è un'azione più significativa di superare il dolore fisico.

Capacità di scrivere

Il racconto "A tutta la morte a dispetto" (un breve sommario che diciamo) racconta la forza dello spirito dell'uomo comune. La moglie dello scrittore notò il momento in cui si rese conto delle sue nuove possibilità. Titov ruotò le pagine di libri con le labbra e poi cominciò a farlo con una matita. Dalla matita c'era una traccia sulla carta. Così la persona si rese conto di poter scrivere. Ma è ben detto: scrivere. Dal primo punto sulla carta alle frasi leggibili è stato separato quasi un anno. Ha passato quello che passa tutti i primo grader: bastoni e ganci, tenta di tenere lettere su una riga, i quaderni in una linea obliqua. Ha padroneggiato la lettera con una matita bloccata nei denti.

Oggi, nel periodo delle reti sociali e delle protesi bioniche, è difficile immaginare tutto questo. Quelli più importanti sono tali risultati dell'uomo. Da solo, sostenuto solo dalla moglie, un uomo potrebbe trovare un nuovo posto nella vita.

Prima pubblicazione

Oggi, molti sanno chi è Titov Vladimir. "Tutte le morti sono fortunate" – un lavoro famoso. Per la prima volta questo libro sorprendente è stato pubblicato nella regione di Lipetsk, dove nacque Titov.

Le recensioni sulla pubblicazione hanno superato tutte le aspettative. Il telefono domestico non si fermò. Le lettere scorrevano. La gente ha condiviso le proprie situazioni quotidiane, ha chiesto consiglio, hanno solo voluto sostenere e in qualche modo aiutare.

Vladislav ha deciso di inviare la sua storia a Mosca. L'allora redattore della rivista "Gioventù" è stato Boris Polevoy. Fu lui a decidere di stampare il lavoro senza banconote e nel 1967 un paese enorme imparò la storia di un uomo eroico.

Più forti di molti sani

Dopo il riconoscimento a livello nazionale, le lettere provenienti da tutto il paese cominciarono a essere portate in macchina – c'erano tanti di loro. Molti hanno raccontato le loro storie amare, rendendosi conto che questa persona li capirà meglio degli altri. Ha scritto sani e disabili. Ha scritto madri disperate, uomini sbagliati, giovani che scelgono il destino. Per un numero enorme di persone, il libro "A tutti i decessi alla morte" è stato un vero esempio di quello che non puoi mai disperare, che c'è sempre una via d'uscita e che è possibile portare benefici anche con tali ferite.

La storia descrive coloro che hanno aiutato Titov a rimanere umani. Questo è un chirurgo che è dedicato alla sua professione. Una moglie che letteralmente mette la spalla nella disperazione. Un amico che è diventato una persona da un vicino letto d'ospedale. Titov descrive sinceramente tutta l'esperienza, ed è la verità della vita che attrae maggiormente le persone.

Scelta morale

Oggi questa storia viene raramente ricordata. Vladislav ha scritto molti altri libri, ma questo (Titov VA, "A tutti i decessi a malincuore") rimane il miglior monumento morale.

A un certo punto, devi rispondere alla domanda del perché dovresti vivere. Cioè, letteralmente – vivere per benefici materiali o aiutare le persone? Naturalmente nessuno chiama a rendere la penitenza un significato dell'esistenza. La ricchezza materiale rende la vita confortevole e dà la libertà di scelta del movimento, dell'occupazione. Ma l'abbondanza materiale non può sostituire la sensazione di bisogno per le persone. Vivere per Titov significava portare benefici alle persone.

Gli attuali eventi del mondo e del nostro paese confermano l'esistenza di un nucleo morale in molti di noi. Le cose stanno avvenendo, e la fortezza è lì, e "morire per gli amici" è anche su di noi.