200 Shares 4912 views

Il significato lessicale della parola oggi "pace" e nel passato. L'origine del nome

Il sostantivo "pace" è uno dei più comunemente usato nel discorso moderno. Ciò è facilitato dal fatto che essa ha non uno, ma più valori. Diamo loro trovano, così come guardare l'etimologia del termine.


L'origine del nome

Prima di considerare il significato della parola "pace", è necessario conoscere l'origine del termine. Le radici di questo nome risalgono ai tempi della lingua proto-slavo. E 'stato il sostantivo "mіr", che era la vecchia parola slava "mir".

Successivamente, il termine è rimasto nella maggior parte delle lingue slave, che hanno subito modifiche minori.

Così nell'oggi ucraino utilizzato attivamente il sostantivo "pace" in Bielorusso – "realizzato da Mir" in polacco – mir in bulgaro – "pace" nella Repubblica Ceca e Slovenia – Mír in Lettone – mieras etc.

Il significato lessicale della parola "pace"

Nonostante il fatto che il termine in questione si trova nella maggior parte delle lingue slave, solo in Russia, egli ha così tante interpretazioni.

Il significato di base della parola (una caratteristica non solo russa, ma anche per l'ucraino, bielorusso, bulgaro, polacco, ceco, slovacco e sloveno) – uno stato di riposo, l'assenza di ostilità o di guerra.

Probabilmente, è l'interpretazione del termine in questione aveva in lingua proto-slava.

Altri significati della parola "pace"

Questo sostantivo in russo spesso usato in un senso diverso. E 'usato quando si parla di l'universo, sul pianeta Terra, di umanità, la società, e termini simili.

Inoltre, la parola "pace" – non è aggiornato, ad oggi, il nome della comunità rurale.

Oltre a tutto quanto sopra, il termine usato in psicologia per citarne contenuto soggettivo della psiche umana. In questo senso, i diversi mondo esterno ed interno.

Nella religione, come è ampiamente usato questo concetto, e, inoltre, non nello stesso senso. Hanno chiamato la dimora delle anime dei fedeli defunti. Questo cosiddetto aldilà, o di un mondo migliore. Un fenomeno simile esiste nella stragrande maggioranza delle religioni del mondo.

In aggiunta a questa interpretazione, la parola soggetto è usato per indicare l'unione del cristiano con Dio – è il mondo spirituale o il mondo a Dio.

Con i miglioramenti nella tecnologia informatica è venuto un altro concetto legato al sostantivo studiato. Questo cosiddetto mondo virtuale – programmato universo sintetico con le proprie leggi e regolamenti. Ogni utente di PC che dispone di Internet possono aderire a qualsiasi ambiente virtuale online. E questo fenomeno non è solo per divertimento, ma anche per le imprese.

Nella maggior parte altra lingua slava, in tutta l'interpretazione di cui sopra, il termine non viene utilizzato. Così nel ucraino invece utilizza il nome "Mondo" in polacco – Świat in Bielorusso – "luce", e il bulgaro – "santo".

L'unica eccezione è il concetto di "pace con Dio." In Ucraino (pace di Dio), bielorusso (realizzato da Mir degli Dei), bulgara (la pace con Dio), Repubblica (mír s Bohem), Slovacco (mier s Bohom) e la Slovenia (mir z bogom) sembra simile. Ma in Polacco (Camera z bogiem) – n.

"Guerra e mir" o "Guerra e mіr"?

Dopo aver considerato ogni significato della parola "pace", è necessario conoscere un interessante paradosso della scrittura pre-rivoluzionaria tale sostantivo.

Così, nella grammatica russa ai vecchi tempi c'era 2 il termine "mir" e "mіr". Hanno suonato la stessa, ma hanno diverse interpretazioni. Il primo di questi ha illustrato il significato della parola "mondo", come descritto nel paragrafo II. Allo stesso tempo, secondo diversi concetti medi descritti nel paragrafo III.

Dopo la rivoluzione del 1917 (quando l'ortografia è stato cambiato) sono entrambi nomi ricevuti identico ortografia "mondo". Tale modo che il termine combina i diversi significati.

In relazione a questa situazione, nel XX secolo. filologi cominciarono a discutere sul significato delle parole "Guerra e Pace" Lev Nikolaevich Tolstoy sono utilizzati nel titolo del suo romanzo più volume. Alcuni di loro hanno affermato che il titolo del libro dovrebbe essere non trattata come una "guerra e la sua assenza" e "Guerra e della società / persone."

Per far fronte a questo problema, le edizioni pre-rivoluzionarie del romanzo di Tolstoj sono stati trovati negli archivi. Sulla maggior parte di loro a sopportare il nome di "Guerra e mir". Solo in uno dei libri, "Guerra e mіr" è stato stampato sulla prima pagina, anche se il coperchio hanno partecipato l'ortografia tradizionale.

Da questo possiamo concludere che il titolo del romanzo "Guerra e pace" non può essere interpretata come una "guerra e il popolo", perché l'uso del sostantivo "mіr" – è uno sfortunato stampa lavoratori errore di battitura.

Toponimi, che porta il nome di "pace"

Questa parola è anche un nome di famiglia non solo un sostantivo, ma anche la propria.

Durante il periodo sovietico, uno degli slogan più comune era – "La pace. Lavoro. Maggio.". In relazione a tutti questi tre termini sono spesso usati nei nomi di insediamenti, così come i vari elementi.

Per questo motivo, la parola "pace" – è anche una serie di nomi. Così è stato chiamato diversi villaggi e cittadine sovietici. Oggi, solo uno di loro è rimasto nella Federazione Russa – nella regione di Kemerovo, distretto di Novokuznetsk. Gli altri due – è il territorio della moderna Bielorussia, e un altro si trova in Kazakistan.

Stazione "Alekseevskaya" metropolitana di Mosca in 50-60 anni. "Pace" è stato chiamato.

Degno di menzione è la tradizione sovietica di chiamare questo termine teatro. Alcuni di loro portano ancora questo nome, anche se si trova in diversi paesi – Bielorussia, Russia e Ucraina.

Quali soggetti e gli oggetti di cui al presente parola

In aggiunta a tutto quanto sopra, considerata un sostantivo chiamato segno di frigorifero sovietica, la fotocamera e l'obiettivo. E la nave, il batiscafo, e anche la stazione spaziale.

Nonostante l'uso troppo frequente del termine in esame, come un nome proprio, che significa nel mondo moderno non ha perso la sua rilevanza come il primo significa un sacco di idee positive.