401 Shares 9418 views

La luce del Tabor. luce misteriosa al momento della Trasfigurazione di Gesù Cristo

Dalle pagine dei primi tre Vangeli scritti da S. Matteo, Marco e Luca, vediamo un uno degli eventi più importanti che si sono verificati durante il periodo della terra vita di Gesù Cristo. In memoria di lui è stato impostato una vacanza, che si celebra ogni anno il 19 agosto e conosciuta come la Trasfigurazione del Signore.


luce Tabor, splendente intorno agli apostoli

Gli evangelisti santi raccontano su come un giorno Iisus Hristos, portando con sé tre dei suoi discepoli Pietro, Giovanni e suo fratello, Jacob, li abbiamo ancora in cima monte Tabor, che si trova nella bassa Galilea, a nove chilometri da Nazareth. Lì, la creazione di preghiera, fu trasfigurato davanti a loro. Dal volto di Gesù ha cominciato ad assumere la luce divina, e le sue vesti divennero candide come la neve. Occhiali apostoli hanno testimoniato quanto vicino a Gesù, ci sono due profeti dell'Antico Testamento – Mosè ed Elia, che ha condotto una conversazione con lui circa il suo esodo dal mondo terreno, il tempo è già avvicinando.

Quindi, secondo gli evangelisti, c'era una nuvola che avvolgeva la cima della montagna, e da essa è arrivata la voce di Dio Padre, a testimoniare che Iisus Hristos è il suo vero figlio, e gli ordinò di obbedire in tutto. Quando la nuvola dissipata, Gesù prese il suo antico aspetto, e se ne andò con i suoi discepoli superiore, ordinò loro di tanto in non parlare di ciò che avevano visto.

Riddle Favorskogo Sveta

Qual è il significato della scena che ha avuto luogo nella parte superiore di Tabor, e perché Gesù prese una luce divina apostolo? La spiegazione più comune è il suo desiderio, alla vigilia della sua agonia sulla Croce per rafforzare la loro fede. Come sappiamo dal Vangelo, gli apostoli erano gente semplice, analfabeti, lontani dal comprendere le complesse dottrine filosofiche, e agire su di essi potevano solo parole chiare e convincenti, supportata da esempi visivi.

E 'certamente vero, ma ancora una questione da considerare è molto più ampio. Per una più profonda comprensione del suo bisogno di ricordare le parole di Gesù, pronunciato poco prima ha rivelato ai suoi discepoli il miracolo della Trasfigurazione. Gesù profetizzò che alcuni di coloro che lo seguono, anche in questa vita terrena degnato di vedere il regno di Dio.

Queste parole possono sembrare strano, se comprendiamo l'espressione "regno di Dio" nel senso letterale, perché non regna sulla terra, non solo durante la vita degli apostoli, ma fino ad oggi. Non sorprende che la risposta a questa domanda per secoli cercati per molti teologi di primo piano.

L'insegnamento dell'arcivescovo greco

Secondo i teologi ortodossi contemporanei, è stato arcivescovo di Tessalonica, Gregory Palamas, che ha vissuto e lavorato nella prima metà del XIV secolo, tra gli altri esperti del passato più vicino alla verità. Secondo lui, la luce splendente intorno a Cristo sulla cima del Tabor, non è altro che l'espressione visiva di energia divina nelle nostre azioni del creato (cioè il creato) mondo.

Gregory Palamas apparteneva ai seguaci del movimento religioso conosciuto come quietismo. Ha insegnato che in profondità, o, come si dice, "intelligente" la preghiera può portare una persona a dirigere la comunione con Dio, in cui l'uomo deperibili anche nella sua vita sulla terra è in grado di vedere, se non Dio stesso, le sue manifestazioni, una delle quali era Tabor luce.

la contemplazione a vita del Regno di Dio

Era il suo e vide gli apostoli sulla cima della montagna. Trasfigurazione di Gesù Cristo, secondo Gregory Palamas, ha mostrato ai increato (non creato) leggeri Apostoli, che era la manifestazione visiva della sua grazia e potenza. Questa luce è stato rivelato, naturalmente, solo nella misura in cui ha permesso agli studenti senza alcun rischio per la loro vita diventano partecipi della sua santità.

In questo contesto, è del tutto evidente parole di Gesù che alcuni dei suoi studenti – in questo caso, Pietro, Giovanni e Giacomo – sono destinati a vedersi durante la vita del regno di Dio in prima persona. È del tutto evidente, come la luce del Tabor, essendo increato, è come una manifestazione visibile di Dio, e, di conseguenza, il suo regno.

Composto umano Dio

Festa celebrata dalla Chiesa ortodossa in ricordo degli avvenimenti del Vangelo, è tra i più significativi. Questo non è sorprendente, dopo tutto quello che è accaduto una volta a Tabor, in forma concisa e comprensibile espresso l'intero scopo della vita umana. Ha deciso di formulare una sola parola – divinizzazione, vale a dire il composto di dell'uomo corruttibile e mortale, con Dio.

La possibilità che Cristo ha rivelato in modo chiaro ai suoi discepoli. Dal Vangelo sappiamo che il Signore apparve al mondo nella carne di uomo mortale, uniti con la nostra natura non sono insieme e non separatamente. Pur rimanendo Dio, ha in alcun modo violata la nostra natura umana, accettando tutte le sue caratteristiche, tranne che per la propensione al peccato.

Ed è questa percepito la loro carne – la morte, il decadimento e la sofferenza – era in grado di emettere luce di Tabor, che è la manifestazione di bozhestvennoyenergii. Di conseguenza, si unito a Dio nel regno dei cieli ha trovato l'immortalità. Questa è una promessa (promessa) della vita eterna a noi – uomini mortali, intriso di peccato, ma comunque è una creazione di Dio, e, di conseguenza, i suoi figli.

Ciò che è necessario al fine di tutti noi è stata illuminata dalla luce del Tabor, e lo Spirito Santo adempiuto con la sua grazia, fatti partecipi del regno di Dio per sempre? La risposta a questa più importante di domande della vita è contenuta nei libri del Nuovo Testamento. Tutti loro sono considerati come legge divinamente ispirato che è stato scritto da persone comuni, ma per un capriccio dello Spirito Santo. In esse, in particolare nei quattro Vangeli, viene specificato l'unica strada, la possibilità di connettersi uomo con la sua bozdatelem.

Santi, durante la vita di brillare di luce divina

La prova che la luce del Tabor, che è la manifestazione visibile di energia divina, è una realtà del tutto oggettiva, un bel po 'nella storia della chiesa. A questo proposito, è opportuno ricordare la russa San Giobbe di Pochaev, spazzato la sua vita terrena per un secolo 1551-1651 anno. Da record contemporanei è noto che, glorificando Dio con una prodezza di ascetismo, ha costantemente pregato in una grotta di pietra, e numerosi testimoni in questo caso è stato osservato in fuga dalle fiamme. Che cosa è questo se non l'energia di Dio?

Dalla vita di San Sergio di Radonez noto a loro durante il servizio della Divina Liturgia circondato visto che emana da essa luce. Quando venne il momento della comunione del Santissimo Sacramento, è visibile, ma la parte del fuoco neopalyayuschy della sua ciotola. Questa divina fuoco del Rev. e della comunione.

Un esempio simile si può trovare in un periodo storico in seguito. E 'noto che i santi diletti e venerati – San Serafim Sarovsky – ha partecipato anche alla luce del Tabor. Ciò è dimostrato dal registrando il suo compagno a lungo termine e biografo, Simbirsk proprietario terriero Nicholas Alexandrovich Motovilova. Non c'è quasi un uomo ortodosso, per non sentire come pregare il fuoco immateriale illuminato il volto di "padre Serafimushki" – come viene spesso chiamato dal popolo.

l'interpretazione occidentale della Trasfigurazione del Signore

Ma nonostante tutto quanto sopra, la dottrina di Tabor luce oggi accettato solo nella Chiesa d'Oriente. Nel cristianesimo occidentale ha adottato una diversa interpretazione degli eventi che si sono verificati sulla cima di una montagna, e descritto evangelici. Secondo loro, la luce che emana da Gesù Cristo, è lo stesso del creato, come il resto del mondo.

Non era l'incarnazione visibile di energia divina, che è una particella di Dio, ed era solo una delle sue innumerevoli opere, la sua nomina era limitato al solo scopo di fare impressione sugli apostoli, e confermare nella fede. Questo è esattamente il punto di vista, che è stato menzionato in precedenza in questo articolo.

Secondo gli studiosi occidentali, Trasfigurazione del Signore non è anche un esempio della deificazione dell'uomo, ciò che è detto anche in precedenza. Infatti, anche il concetto stesso – il legame tra l'uomo e Dio – per la maggior parte delle zone occidentali del cristianesimo è straniero, mentre in Ortodossia è fondamentale.

controversia teologica

Dalla storia della Chiesa sappiamo che il dibattito su questo tema iniziata nel Medioevo. Nel XIV secolo, il Monte Athos, e quindi tutta la Chiesa greca divenne teatro di un acceso dibattito sulla natura della Favorskogo Sveta. Tra i sostenitori della sua essenza divina increata ed erano leader e teologi rinomati di quel tempo, e tra gli oppositori di questa teoria era abbastanza grandi nomi.

Proprio in questo momento sono arrivate le parole Grigoriya Palamy. Per tutta la vita rimase un convinto sostenitore della cosiddetta orazione mentale, così premuroso e profondità, che il suo risultato è un uomo con la comunicazione interna Dio. Inoltre, l'esecuzione di suo ministero pastorale, ha insegnato il suo gregge contemplazione orante, che è destinato a raggiungimento del Creatore attraverso la sua creazione – il mondo intorno a noi. Il suo parere è stato decisivo nella disputa teologica, e nel 1351 in occasione del Consiglio di Costantinopoli alla luce della dottrina del Tabor è stato finalmente approvato dalla chiesa greca.

Ex posizione errata della Chiesa russa

La chiesa occidentale rimane ancora sulla posizione degli avversari Grigoriya Palamy. Devo ammettere che in Russia per secoli, i suoi insegnamenti non sono ben compresi, anche se il giorno della memoria di San Gregorio ha celebrato regolarmente. Le pareti dei seminari russi, ma anche, e le accademie teologiche, prima non c'era posto per lui.

Solo i migliori figli della Chiesa, come ad esempio Iov Pochaevsky, Sergiy Radonezhsky, Serafim Sarovsky, e molti altri santi, in pratica, che incarnano i principi dell'Ortodossia, divennero i suoi portavoce, ma non sono stati in grado di spiegare in teoria quello che stava accadendo a loro.