149 Shares 5372 views

Dov'è il Mar Bianco e come arrivarci?

Se rispondiamo brevemente alla domanda su dove si trova il Mar Bianco, la risposta risulterà piuttosto semplice – nel Nord. Ma cerchiamo di dare una risposta più significativa. Il punto è che il nord russo è un intero mondo separato, l'esistenza di cui molti non sanno nemmeno. Molti residenti della capitale non hanno la minima attività a tutto ciò che è al di là della Moschea di Mosca dal lato nord-orientale.


nord

Ma se qualcuno sarà seriamente interessato alla questione del luogo dove si trova il Mar Bianco, allora è meglio andare a cercarlo dalla stazione ferroviaria di Yaroslavsky a Mosca. Questo mare non è così grande. Di tutti i mari che lavano il territorio della Russia, solo Azov è più piccolo nella zona. Ma nel suo significato per la Russia, non è affatto l'ultimo. Non sarà una grande esagerazione per dire che la civiltà russa è partita dalle sue coste. Ha ancora una specie di dimensione spirituale nella coscienza nazionale russa. Se una persona cerca qualcosa di più che scattare foto di se stesso, suo amato, sullo sfondo delle attrazioni turistiche riconosciute a livello mondiale dei mari caldi, dovrebbe andare qui per scoprire dove si trova il Mar Bianco. Qui la storia russa è ancora viva. Ha congelato la pietra degli antichi monasteri ortodossi e degli antichi esempi di architettura di legno tradizionale. Molte opere di costruttori antichi sconvolgono l'immaginazione fino ad oggi, specialmente quando si scopre che sono stati costruiti senza un unico chiodo. Nella storia della Russia questa terra è speciale perché non conosceva mai il culto e la coscienza schiava che gli corrispondeva. E questi luoghi non sapevano né l'invasione mongolico-tatica. In particolare, questo è anche il motivo per cui la Russia settentrionale è un po 'diversa da quella dell'altra Russia. In generale, ci sono tante ragioni per scoprire dove si trova il Mar Bianco.

Isole del Mar Bianco

Le più significative – sia di dimensione che di patrimonio storico – sono le Isole Solovetsky, situate all'ingresso della baia di Onega. I risultati degli archeologi indicano che le persone vivevano in queste terre fin dai tempi antichi. Ma solo sei di queste isole sono diventate veramente famose nella storia russa, e dalla metà del Quattrocento, quando i primi monaci apparvero su di loro. Erano questi antichi eremiti che fondarono i primi quadri. Grazie a queste persone, il Mar Bianco, dove si trova il Monastero di Solovetsky, è diventato una sorta di centro di pellegrinaggio per i credenti dell'intero mondo ortodosso. Il complesso del monastero di Solovetsky è stato costruito dalle opere di molte generazioni di monaci per diversi secoli. Ma ha guadagnato la sua gloria nel ventesimo secolo, quando il monastero è stato trasformato dai bolscevichi nel primo campo di concentramento. Da qui è iniziata la repressione sanguinosa stalinista, e molti popoli russi hanno trovato la loro morte sulle isole di Solovetsky. Ma oggi il monastero di Solovetsky è stato restaurato nel suo stato originale, molte chiese e edifici storici sono restaurati o restaurati. Le isole di Solovki sono ancora un luogo dove aspirare sia i credenti ortodossi che i turisti ordinari.