645 Shares 9183 views

Leh Valensa: biografia, la famiglia, le attività politiche, premi

Leh Valensa (nato 09/29/43 in Popowo, Polonia) – un attivista che ha aiutato forma e ha portato (1980-1990), il primo sindacato indipendente del polacco comunista "Solidarietà". Il leader carismatico di milioni di lavoratori polacchi divenne presidente (1990-1995). Nel 1983 ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace.


Leh Valensa: biografia

Durante la seconda guerra mondiale in Polonia occupata padre Walesa Boleslav prima della nascita di Lech fu internato in un campo di lavoro , e nel 1945 morì di sfinimento e ha ricevuto un pestaggio prima che raggiungano 34 anni. Sua madre, Felix ha avuto una grande influenza sul suo figlio. Il prete locale la ricorda come "una donna saggia viene."

Walesa fu allievo mediocre della scuola parrocchiale, e poi laureato presso la scuola professionale statale in Lipno, dove si è specializzato elettricista. C 1961-1965 ha lavorato presso il centro di servizio dei veicoli a motore.

Per due anni ha prestato servizio nell'esercito, dove ha ricevuto il grado di caporale.

Elettricisti cantiere

Nel 1967, Leh Valensa ha iniziato a lavorare come elettricista presso l'enorme cantiere. Lenin a Danzica. Nel 1970 è stato testimone rivolte per il cibo durante il quale la polizia ha ucciso diversi manifestanti. Quando nuove proteste nei confronti della dirigenza comunista della Polonia è iniziata nel 1976, è apparso come un anti-governo attivista sindacale, con conseguente lavoro perso.

Nel mese di agosto 1980, quando il cantiere navale di Danzica è stato inghiottito dalle proteste, causata dall'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, Leh Valensa scavalcato la recinzione e si unì ai lavoratori in azienda, che lo ha scelto come capo del comitato di sciopero, autorizzata a negoziare con i leader del cantiere.

Dopo 3 giorni le richieste sono state accettate, ma quando i lavoratori in sciopero presso altre piante Danzica Lech chiesto di continuare lo sciopero, ha immediatamente accettato. Ha guidato i colpi Interplant, riunendo imprese nella regione di Danzica-Sopot-Gdynia. Il Comitato ha presentato una serie di richieste politiche audaci, compreso il diritto di sciopero e la formazione di sindacati liberi, e proclamò uno sciopero generale. Temendo una rivolta popolare, le autorità comuniste hanno concesso le principali richieste dei lavoratori, e il 31 agosto, è stato firmato un accordo, dando loro il diritto di organizzare liberamente e in modo indipendente. La firma hanno partecipato Mechislav Yagelsky, Primo Vice Primo Ministro della Polonia, e Leh Valensa. Biografia del leader del movimento sindacale ha cambiato di nuovo: è stato restaurato nel Cantiere di Danzica e si diresse verso la Commissione di Coordinamento Nazionale.

solidarietà

Una volta, in risposta a questo importante accordo di circa 10 milioni di lavoratori e contadini polacchi uniti sindacati semi-autonome, comitato di sciopero Interfactory è stata trasformata in Federazione Nazionale dei Sindacati con Walesa come suo Presidente e Chief Representative. Nel mese di ottobre, la "Solidarietà" sindacato è stata riconosciuta ufficialmente dal governo polacco, guidato dalla Federazione e il Lech negli scontri con le autorità, limita la capacità di intervento militare sovietico.

Leh Valensa: premio Nobel

Federazione vittoria si è rivelata effimera. Nel dicembre del 1981, il governo polacco è stato messo sotto la legge marziale, "Solidarietà" è fuorilegge e la maggior parte dei suoi leader sono stati arrestati, tra cui Leh Valensa, la cui biografia anno arricchito in carcere. assegnandogli in premio Nobel per la pace 1983 è stato criticato dal governo polacco. Temendo un esule indesiderato, è rimasto in Polonia, e sua moglie, Danuta Walesa, è andato a Oslo, in Norvegia, di accettare il premio a suo nome.

vittoria elettorale

Come leader del movimento clandestino "Solidarietà", Walesa è stato sottoposto a continue vessazioni, fino al momento in cui un altro deterioramento delle condizioni economiche, e una nuova ondata di agitazioni sindacali nel 1988 ha costretto il governo polacco di non negoziare con lui e gli altri leader sindacali. Il loro risultato è stato un accordo, che si rinnova status giuridico di "Solidarietà" e sanzionato libere elezioni per un numero limitato di posti nella restaurata camera alta del parlamento. Nel giugno del 1989, il movimento ha ricevuto la maggior parte di questi luoghi, e dopo Walesa ha respinto una proposta di formare un governo di coalizione con i comunisti, il Parlamento è stato costretto ad approvare il Consiglio dei Ministri sotto la guida di "Solidarietà", anche se ha rifiutato di essere il suo leader, il primo ministro.

Capo dello Stato

Nel 1989, Walesa ha aiutato il suo collega unione Tadeusz Mazowiecki diventare primo ministro di questo governo, ma ha annunciato la sua candidatura contro di lui per la presidenza nel 1990 e ha vinto le prime dirette elezioni presidenziali in Polonia con una maggioranza schiacciante.

Come presidente polacco Walesa ha contribuito a tenere elezioni parlamentari libere nel 1991 e ha partecipato alla trasformazione dell'economia nazionale al libero mercato. Ha mostrato capacità politiche notevoli come leader di "Solidarietà", ma la sua semplice domanda, lo stile conflittuale e il rifiuto di facilitare le severe restrizioni sull'aborto hanno minato la sua popolarità alla fine della permanenza in carica. Nel 1995, ha partecipato alle elezioni, ma è stato sconfitto da ex comunista Aleksandra Kvasnevskogo, capo della Sinistra Democratica. Ancora una volta Walesa corse per la presidenza nel 2000, ma ha ricevuto solo una frazione dei voti. Nel 1997 ha fondato e diretto un partito politico "Democrazia cristiana III Repubblica di Polonia".

Ritiro dalla politica

Come risultato della sconfitta del 2000 Walesa ha annunciato il suo ritiro dalla politica. Successivamente, ha dedicato la maggior parte del suo tempo di lavoro presso l'istituto a suo nome, da lui fondata nel 1995 per diffondere informazioni sui risultati della "Solidarietà", di promuovere lo sviluppo della democrazia e la costruzione della società civile in Polonia e nel mondo.

Nell'agosto 2006, Walesa ha annunciato il suo ritiro dal sindacato autonomo per protestare contro il suo sostegno per il partito al governo "il diritto e la giustizia» (PiS), così come Lech e Yaroslava Kachinskih, i fratelli gemelli, che una volta ha tenuto un posto di rilievo nel "Solidarietà "ed è diventato, rispettivamente presidente e primo ministro,. Secondo lui, l'organizzazione è diventato un estraneo per lui, era l'altra epoca, il problema è cambiato e la gente. In particolare, si oppose alla rimozione Kaczynski persone associate con l'ex regime comunista e tenta di pubblicare gli elenchi dei dipendenti PiS-era la polizia segreta, la Polonia.

Dal 2004, opera aeroporto di Gdansk Lech Wałęsa. Piazze e vie chiamato in onore dell'ex leader di "Solidarnosc", sono situati negli Stati Uniti, Canada e Francia. Nel 2009 è stato un monumento nel vicolo dei vincitori del premio Nobel polacco.

Nel 1981, "Time", è diventato il primo polacco ad aver ottenuto il titolo di "Man of the Year" magazine. Dalla regina Elisabetta II porge Leh Valensa è stato insignito del titolo di Membro Onorario dell'Ordine del Bagno. Inoltre assegnato molti ordini e medaglie di paesi stranieri, in Vol. H. Medaglia Presidenziale degli Stati Uniti Libertà, la Legione d'Onore francese, l'Ordine di "Merito della Repubblica Italiana", l'Ordine svedese del Serafini, decreto danese dell'Elefante, l'Ordine finlandese della Rosa Bianca, l'Ordine portoghese della Libertà e l'infante Dona Enrike, l'ordine norvegese di St. Olav, ucraino ordine del Principe Yaroslava Mudrogo, la Repubblica ordine del Leone Bianco, dell'Ordine "al Merito della Repubblica federale di Germania", l'ordine al Merito cileno, op estone ene Croce Mary terra, UNESCO medaglia e altri.

vita personale

8 novembre 1969 Leh Valensa sposato Danuta Golos. La coppia ebbe 8 figli: Bogdan (1970), Slawomir (1972), Przemyslaw (1974), Jaroslav (1976), Magdalena (1979), Anna (1980), Maria-Victoria (1982) e Brigid (1985). Yaroslav Valensa è diventato anche un politico ed è stato membro del parlamento nel periodo 2005-2009, e nel 2009 è stato eletto al Parlamento europeo.

Nel 2008, Lech Walesa è stato fatto stenting dell'arteria coronaria e pacemaker installato.

agente di Bolek

Per decenni, l'ex presidente della Polonia, è stato accusato nel fatto che nel 1970 è stato un informatore per i servizi segreti comunisti, nonostante la sua protesta categorica e la decisione del tribunale speciale nel 2000, liberandola dalle accuse di collaborazione. Tuttavia, l'hype che circonda queste accuse è aumentato di nuovo nel 2008. Poi il libro è stato pubblicato, l'eroe è giocato Leh Valensa. Leader Biografia unione è stata integrata da fatti che indicano che 1970-1976 ha lavorato come servizi di sicurezza operative sotto il nome in codice Bolek. La questione è stata sollevata di nuovo nel febbraio 2016, quando l'Istituto della Memoria Nazionale, disegnato per investigare l'epoca nazista e comunista in Polonia, si è ritirato dalla vedova dell'ex ministro degli Interni di materiali, in base alla quale Walesa era un informatore dei servizi di sicurezza. Tra le altre cose, è stato trovato a cooperare con il Consiglio di sicurezza, ha fatto la sua mano una ricevuta per i soldi, affare privato e le relazioni in materia di cooperazione agente segreto Bolek. Leh Valensa stesso ha respinto la probabilità di autenticità dei documenti e ha suggerito che ci potrebbero essere presenti registrazione confiscati da lui durante la ricerca.