677 Shares 5294 views

induttanza della bobina

Un importante significato pratico è un caso speciale di fenomeno dell'induzione elettromagnetica, chiamato auto-induttanza. Così, quando la bobina di induzione forma una corrente, poi simultaneamente con essi provengono ed il flusso magnetico che aumenta con l'aumentare della corrente. Con il cambiamento nella bobina flusso magnetico induce forza elettromotrice (EMF), che è proporzionale alla velocità di variazione del flusso magnetico.


Poiché in questo caso il conduttore induce una forza elettromotrice di per sé, è chiamato autoinduzione. Il fenomeno di auto-induttanza in circuiti elettrici è talvolta confrontata con la manifestazione di inerzia meccanica.

La forza elettromotrice indotta nella bobina di induzione sotto l'influenza delle variazioni del proprio flusso magnetico è chiamato autoinduzione forza elettromotrice.

Secondo la legge di Lenz, durante tutta la crescita flusso magnetico permeato l'avvolgimenti della bobina, EMF autoindotta nella bobina è diretto contro la sorgente forza elettromotrice, è incluso in questo circuito e contrasta l'aumento della corrente nel circuito della bobina.

Quando la corrente nella bobina raggiunge un valore costante il flusso magnetico cessa di cambiare e EMF autoindotta nella bobina diventa zero.
Con un auto-induzione, come in qualsiasi processo di induzione elettromagnetica, forza elettromotrice indotta è proporzionale alla velocità con cui il flusso magnetico concatenato con il circuito attraverso il quale la corrente scorre, è cambiato. L'entità del flusso magnetico in assenza di ferro nel proporzionale bobina al tasso al quale modifiche correnti (ΔI / At), generando il flusso.

Pertanto, il valore della forza elettromotrice di autoinduzione che si pone in un conduttore è proporzionale alla velocità con cui modifiche correnti in essi.
Se si prende i fili di forme diverse, si scopre che avere la stessa velocità di variazione della corrente, la forza elettromotrice di autoinduzione, con conseguente loro sarà diverso.

Così, se prendiamo la bobina e poi elastici in una sola volta, poi alla stessa velocità alla quale si verifica la variazione di corrente, l'auto-induzione forza elettromotrice della bobina sarà più lungo. Ciò è dovuto al fatto che ogni linea di alimentazione della bobina prinizyvaya giri, si impegna con il maggior numero di volte che un singolo ciclo.

La quantità, che caratterizza il collegamento tra la velocità con cui la corrente varia in catena, e questo pone in autoinduzione EMF – circuito induttanza.

Lasciare l'induttanza della bobina dalla lettera L; mentre la dipendenza della forza elettromotrice di tasso autoinduzione in cui la corrente viene cambiata può essere espressa dalla seguente formula:

E = – L (ΔI / At)

qui

u L = (ed.E · unità. T) / (ed.I)

Supponendo che in questa formula, At = 1 secondo, ΔI = E 1 ampere e volt = 1, si ottiene:

u L = 1 (in ˖ sec / pozzetto)

Questa unità è chiamata henry (H).

di conseguenza,

1 Gn = 1 (in ˖ sec / pozzetto)

Così Henry – è l'induttanza della bobina, la quale corrente variazione di 1 ampere al secondo eccita la forza elettromotrice autoinduzione pari a 1 volt.
mH (MH) o milionesimi di Henry – – uH (uh) per misurare piccole induttanze millesimi di Henry utilizzato.

Inoltre, frequentemente utilizzati, e altre unità – induttanza centimetro, di 1 cm = 1000 uH induttore.

Così,

1 mH Mr = 1000 = 1.000.000 = 1.000.000.000 uH cm

L'induttanza della bobina dipende dal suo numero di giri, forma e dimensione. Maggiore è il numero di spire della bobina auto-induttanza, maggiore è la sua induttanza.

Inoltre, l'auto-induttanza, gli aumenti induttanza bobina considerevolmente quando introdurlo nel nucleo di ferro o qualsiasi altro materiale magnetico.
Grandi elettromagneti induttanza hanno avvolgimenti nei generatori e motori, circuito aperto nel momento in cui la velocità di variazione della corrente elettrica (ΔI / At) è molto elevato in questi avvolgimenti può essere grande autoinduzione forza elettromotrice che, se non evitata, causerà ripartizione avvolgimenti.