655 Shares 3547 views

Presentazione pelvica del feto: la norma o la patologia?

Presentazione pelvica del feto: la norma o la patologia?


Il feto, essendo nel ventre della madre, non "siede" sul posto, ma è in movimento continuo, quindi la sua posizione cambia sistematicamente, può anche essere sentita dalla futura mummia. Tuttavia, una certa regolarità è stata rivelata qui, secondo la quale, fino alla 28a settimana, si trova in testa, ma più vicino alla nascita, cambia la sua posizione, già in testa, più vicina all'uscita, per così dire.

Tuttavia, nella medicina moderna esiste il concetto di "presentazione pelvica del feto", dove è chiaramente dimostrato che il bambino "non ha rovesciato". Un simile fatto può essere assunto dal ginecologo leader a una consultazione periodica regolare, ma solo l'ultrasuono previsto dopo 32 settimane è in grado di stabilirlo in modo affidabile. In linea di principio, la presentazione pelvica del feto in medicina è considerata la stessa norma della testa, ma ci sono diverse sfumature che devono essere considerate prima della nascita.

La presentazione pelvica del feto ha le proprie varietà, tra le quali si distingue:

• Gluteale. All'ingresso del bacino della madre è il culo e le gambe sono inabitate nelle articolazioni del ginocchio e sono piegate all'anca;

• Glutei e piedi. All'entrata del piccolo bacino si dirigono anche le natiche, ma già con le gambe piegate alle articolazioni del ginocchio e dell'anca;

• Piede pieno. Entrambe le gambe sono puntate sull'ingresso del piccolo bacino, mentre sono leggermente piegate alle articolazioni del ginocchio e dell'anca;

• Incompleto – piede. Qui una gamba è piegata nell'articolazione dell'anca e giace leggermente più in alto, mentre l'altra è diretta verso il bacino e si sbatte nelle articolazioni dell'anca e del ginocchio;

• Il ginocchio. All'ingresso del bacino della madre sono le ginocchia piegate del bambino.

Sono proprio queste situazioni che caratterizzano la presentazione pelvica del feto, le cui cause possono essere molto diverse. Tuttavia, il principale è una notevole diminuzione del tono e dell'eccitabilità dell'utero. Questo fenomeno comporta una diminuzione della sua efficienza e la capacità di regolare la posizione del feto. Ci sono alcuni gruppi di rischio, tra questi:

• aumento della funzionalità fetale in caso di polihydramnios;

• diminuzione dell'attività fetale in caso di bassa salinità;

• bacino stretto;

• sviluppo patologico del feto ;

• Fattori che impediscono il ritorno fetale (cordone ombelicale, ecc.).

Le nascite con mal di testa sono considerate normali e per le patologie pelviche, anche se si possono verificare naturalmente, grazie a una serie di tecniche specialmente sviluppate e un'esperienza inestimabile dell'ostetrico-ginecologo. Allora perché stiamo parlando di patologia? Il fatto è che sono questi tipi di nascita che sono più spesso accompagnati da articolazioni, ad esempio, accompagnate da asfissia fetale e da altri traumi di nascita. Nella diagnosi di "presentazione pelvica del feto", il lavoro spesso richiede un intervento chirurgico diretto, in particolare una sezione cesarea.

Comunque, una donna incinta dovrebbe chiaramente rendersi conto che il frutto dovrebbe passare prima della 35a settimana, non invano per le 36 settimane fare un ultrasuono di controllo. Tuttavia, ci sono casi in cui ha eseguito il colpo di stato in termini successivi, e talvolta anche durante le battaglie dirette. Ma non sperare per un miracolo e aspettare un colpo di Stato atteso, con le mani piegate. La futura mamma dovrebbe aiutare il bambino a sistemarsi correttamente nel seno materno, per questo è stato creato un insieme speciale di esercizi, che, in verità, hanno aiutato a rivolgersi a un bambino.

Così potete mentire da un lato per cinque minuti, poi girare l'altro e aspettare allo stesso tempo. O, per esempio, giacciono sulla schiena per 20 minuti, dopo aver messo il cuscino sotto la tua vita in modo che il bacino sia al di sopra del corpo sdraiato. C'è ancora l'opzione più semplice, devi dormire di notte sul lato in cui è diretta la testa del bambino.

Se, dopo tutte le manipolazioni eseguite, la presentazione pelvica del feto rimane, gli specialisti esperti eseguono una svolta forzata del feto nella posizione abituale. Tuttavia, è importante ricordare qui che una simile procedura viene eseguita a 36 settimane solo nel reparto patologico dell'ospedale di maternità sotto la stretta supervisione dell'ecografia e presenta una serie di chiare controindicazioni che devono essere prese in considerazione anche.

Tuttavia, la mummia futura, non importa quale tipo di presentazione del feto non sia diagnosticata, non si preoccupi, perché sono i disturbi che possono influenzare negativamente il futuro bambino e non la sua attuale situazione.