186 Shares 1973 views

lingua catalana – caratteristiche. Dove si parla catalano

Catalano appartiene alla oksitano-Romance sottogruppo della famiglia indoeuropea. Si tratta di uno stato nel Principato di Andorra. Il numero totale di persone che parlano catalano, è pari a circa 11 milioni. Il più delle volte, questo linguaggio può essere ascoltato sul territorio delle comunità autonome in Spagna (Isole Baleari e Valencia), Italia (Alghero, che si trova sull'isola di Sardegna) e la Francia (Pirenei orientali).


Informazioni generali e una breve descrizione

Nel XVIII secolo ebbe molti nomi catalani in relazione a ciò che è stato utilizzato in diversi territori. Fino ad oggi, conservati altri due termini che denotano questa lingua – Catalano-Valencia-Baleari (utilizzato principalmente nella letteratura scientifica) e di Valencia. Quest'ultima opzione viene utilizzata solo popoli che vivono nella comunità autonoma di Valencia (parte della Spagna). V'è anche il titolo rara di "Mallorquina", che viene utilizzato in occasioni informali (Isole Baleari, Regno di Maiorca).

Catalana ha avuto un sesto posto di tutto rispetto nel gruppo Romance di numero di parlanti (non meno di 11,6 milioni di persone). E avanti di spagnolo, italiano, francese, portoghese e rumeno. Il catalano è il 14 ° posto nell'Unione europea secondo la purità di utilizzo nel linguaggio quotidiano.

Per la scrittura viene utilizzato adattato Latina: per esempio, le combinazioni di lettere -ny-, -l ∙ l-, -ig, che non si trovano da nessun'altra parte. Tratti caratteristici del linguaggio legate alla fonetica e la grammatica, circa il numero delle vocali (nel gruppo Romanzo di sette, in catalano – otto) e nell'uso di articolo speciale prima dei nomi.

Nel gennaio 2009, il record per il monologo più lungo del mondo (124 ore di parlato continuo) è stato installato. Il più delle volte pronunciato in catalano. record di autore è stato perpinyanets Lewis Kulet.

La storia della nascita e lo sviluppo

Si ritiene che la lingua catalana ha cominciato a prendere forma nel X secolo come i primi monumenti che usano il dialetto "magistero", che sono stati trovati data anteriore di questo secolo. Essa è sorta sulla base di latino volgare nella parte settentrionale della penisola iberica. Nel tardo Medioevo era considerato un prestigioso catalana ed è stato spesso usato in letteratura (quindi preferisco scrivere in occitano), la filosofia e anche la scienza.

Dal XIII secolo, il dialetto rafforzando progressivamente la propria posizione al fine di diventare un linguaggio autonomo. Mentre Ramon Lully con l'uso del catalano ha creato lavori sui temi teologici, filosofici e artistici. età veramente d'oro per il linguaggio è diventato XV secolo. Il maestro più consumata e luminosa che è uno dei primi ad utilizzare questo linguaggio nella poesia, divenne Auzias Marco. Superiorità in prosa, ovviamente, appartiene al romanzo "The White Tyrant" e "Curia e Guelph," il cui autore era lo Zhuanot Martorell.

Agli inizi del XIX secolo, la lingua catalana ha perso il suo antico splendore. La ragione di questo è stato l'elite politica e sociale, che ha cominciato a utilizzare attivamente il castigliano (l'antico nome degli spagnoli). A causa del popolo e del clero comuni, continuato ad usare catalana nella loro vita quotidiana, la lingua non diventa morta.

Dopo la guerra civile del 1936-1939. e la vittoria di Franco è stato vietato l'uso del dialetto nella lingua parlata e scritta. In Spagna, in quel momento c'era anche una legge in base alla quale una persona che utilizza catalana, sottoposto a sanzioni penali. L'avvento della democrazia nel paese ha portato alla autonomizzazione di alcune regioni, in modo che il linguaggio è diventato di nuovo uno stato.

ortografia

sistema di scrittura catalana utilizza l'alfabeto latino con segni diacritici. Tra le caratteristiche di questo incantesimo è ripartito come segue:

  • utilizzare Interpoint tra il doppio della lettera L: intel • ligente – intelligente;
  • l'impiego di combinazioni -ig-, che indica sonoro [ʧ] in parole come il maig, faig ecc.;
  • Utilizzare le lettere t, che indica la prossima esteso consonante tl, TLL, tn e tm: setmana – settimana, bitllet – biglietto;
  • accoppiamento tz, ts, tj, Tg usato per designare affricate.

Caratteristiche dei vocali

Una delle caratteristiche di questo tipo di suoni – questa scomparsa delle vocali alla fine di parole di origine latina, tranne la lettera s. Questa caratteristica si distingue principalmente per la lingua catalana italo-romana e sottogruppo iberica. Il linguaggio di questi sottofamiglie conservano tutte le vocali finali. Catalano e occitano condividono un certo numero di parole monosillabiche e numerosi dittonghi. La differenza tra questi due lingue è la riduzione del dittongo AU per aprire il suono O.

Catalana è diversa dalla pronuncia spagnola della conservazione della aperti vocali breve stressati di origine latina e Õ ê. -Atto combinazione di lettere nel mezzo di parole subisce una riduzione e si trasforma in -et. Questa caratteristica è comune per la lingua catalana e il romanticismo occidentale (occitano e Languedoc dialetto).

Caratteristiche consonanti

Questo tipo di suono caratterizzato dalla transizione -T sordi, -C, -P ronzio -d-, -g-, -b. Questa caratteristica si combina con il romanico catalano ovest-sottofamiglia. C. gallo-romanico gruppo linguistico che unisce conservazione FL suoni iniziali, PL, CL, cambio di consonanti sorde corrispondente espresso se la parola successiva inizia una espresso vocale consonante o una. Processo Goccia -N intervocalica, che è come un latino volgare e mozzafiato combina consonanti finali con il catalano e occitano dialetto linguadociano.

  • Considerate le caratteristiche originali che non si trovano nelle lingue romanze:
  • consonante Latina diventa -u -D;
  • fine -TIS entra -u (solo per la seconda persona plurale);
  • Latina combinazione finita di suoni -C + E, I → -u (circa. CRUCEM → creu).

specie

In vari momenti sul territorio delle regioni in cui le persone parlano in catalano, sotto la sua influenza, ci sono vari dialetti. Si consideri il più importante, così come il luogo di ritrovamento:

  • lingua siciliana nel sud Italia;
  • dialetto patuet, che fino alla seconda metà del secolo scorso ha parlato degli immigrati, e più tardi – i loro discendenti dal Sud di Valencia, Minorca. Per quanto riguarda la lingua, è diventato la base delle parole arabe e francesi;

  • la formazione di un panotcho dialettale (Comunità autonoma di Murcia) è influenzata dalla catalana. Paese di origine – Spagna;
  • lingua siciliana, Italia meridionale;
  • churros dialetto, le aree di lingua spagnola del territorio della Comunità autonoma di Valencia;
  • lingua napoletana, Paese – l'Italia.