690 Shares 3771 views

Perché le persone si combattono a vicenda?

Perché la gente combatte? Sarà la pace e la pace attesi, o la nostra civiltà si distruggerà? Perché mercenari e volontari scorrono in Siria? Non importa chi combattano, se solo per combattere prima. Perché i militanti siriani cercano sempre di destabilizzare la situazione in tutta la regione? L'uomo ha combattuto fin dall'inizio della sua storia, da questo momento in poi, i conflitti sulla Terra sono costanti, non c'è stato un giorno senza guerra, nemmeno in un punto del pianeta, ma una battaglia è in pieno svolgimento.


Recentemente, gli scienziati stanno trovando ulteriori prove che non siamo i primi a vivere su questo pianeta. Gli antichi storici hanno scritto molto sulla perdita di Atlantide e Lemuria. La scoperta della mitica Troia di Schliemann dimostra che gli antichi Greci possono essere affidati. Ma se queste grandi civiltà esistevano veramente, allora cosa è successo a loro? Come sono morti? L'analisi del suolo e delle pietre nelle città antiche dimostra che sono state distrutte a causa del bombardamento nucleare. Il tempo cancella molte tracce e riluttante rivela i suoi segreti. Per rispondere alla domanda "perché la gente è in guerra", solo un profondo studio del nostro passato preistorico aiuterà.

Ogni nazione è pronta per la guerra, ha solo bisogno di un leader luminoso e carismatico. Le tribù selvagge dei Mongoli e dei Tatari conquistarono sviluppati Rus, Khorzm e la Cina, i loro cavalli marciarono migliaia di chilometri attraverso l'Europa orientale, anche se solo poco tempo prima le tribù mongole combattevano solo tra loro, cercando di cogliere il potere. Gengis Khan ha messo tutti sotto il suo banner, era un uomo saggio che sapeva che la forza era in unità. E una piccola, inappellabile nel suo sviluppo, la tribù cominciò a dominare la maggior parte del continente eurasiatico. I leader brillanti sono in grado di guidare la gente dietro di loro, anche nel caldo.

Ma perché si combattono le persone? Perché è il loro desiderio di distruggere il proprio tipo di crescita ogni minuto? La natura ha posto in noi gli istinti di base, la "disconnessione" che è impossibile. Aiutano una persona a sopravvivere nelle situazioni più estreme. Ma la principale era, ci sono e rimangono solo tre di loro – questo è l'autoconservazione, il desiderio di moltiplicarsi e il desiderio di eccellenza. Se gli istinti che si trovano nelle profondità di ogni coscienza disturbano, la persona comincia ad impegnarsi per raggiungere l'obiettivo, non importa quale sia. Personaggi brillanti, come Lenin o Hitler, sono stati in grado di fare folla di persone con i loro slogan. Erano queste persone che hanno creato la storia. Naturalmente, le loro azioni portarono alla guerra. Ma questo, a sua volta, è anche un potente motore di progresso. La guerra sta spingendo il paese non solo nell'abisso del caos e della rovina – impone al governo di investire nello sviluppo del complesso difensivo, che da parte sua colpisce positivamente lo sviluppo scientifico globale del paese. È possibile che la guerra sia una sorta di sangue sul corpo enorme di una civiltà gigante. E forse questo è l'unico modo per aumentare la sopravvivenza di tutta la civiltà. La popolazione del pianeta sta crescendo e è difficile garantire che ci saranno risorse sufficienti per tutti. Già, un terzo del mondo soffre di fame. Chi può essere sicuro che un altro politico pazzo che dichiarerà la guerra per tutto il mondo non verrà al potere?

La guerra è il disastro più terribile sulla terra. Qual è la storia della prima guerra? Il desiderio di una persona di dominare l'altro è stato in noi inerente dalla nascita, per cui le persone sono in guerra. Nei tempi antichi si poteva dimostrare la sua forza e la giustizia solo in battaglia. Nel tempo, il desiderio di eccellenza ha cominciato a riflettere nella scala dei primi insediamenti, poi nelle loro associazioni, e nel ventesimo secolo già nel conflitto mondiale mondiale, durante il quale le armi nucleari furono utilizzate . La prima guerra iniziò subito dopo l'incontro in una radura di due uomini antichi, due padri di famiglie che contemporaneamente scelsero lo stesso posto per alloggiare.