520 Shares 6990 views

Che cosa è deja vu e perché sta succedendo? Come si verifica l'effetto deja vu?

Certamente, tutti sanno quei momenti quando sembra che un certo evento sia già accaduto o che incontriamo una persona che una volta è stata vista. Ma è così e in quali circostanze, ahimè, nessuno può ricordare. In questo articolo cercheremo di capire cosa sia deja vu e perché accade. Sono questi giochi che le nostre menti hanno cominciato, o qualche tipo di misticismo? Come gli scienziati spiegano questo fenomeno? Perché deja vu accade? Prendiamo in considerazione tutti i dettagli.


Che cosa significa deja vu?

Letteralmente questo concetto viene tradotto come "visto in precedenza". Per la prima volta questo termine è stato usato da Emile Bouarak, psicologo proveniente dalla Francia. Nel suo lavoro "Psicologia del futuro" l'autore ha sollevato e ha espresso momenti di questo tipo, che i ricercatori non hanno avuto il coraggio di descrivere prima. Dopo tutto, nessuno sapeva veramente cosa fosse déjà vu e perché stava accadendo. E poiché non esiste una spiegazione logica per questo, come può essere toccato un soggetto sensibile? Fu questo psicologo che per primo chiamò l'effetto il termine "deja vu". Prima di questo sono state utilizzate le sue definizioni, come "paramnesia", "promenezia", che significava "già testato", "visto in precedenza".

La questione del perché déjà vu si presenta, e ancora oggi rimane misterioso e alla fine irrisolto, anche se naturalmente ci sono diverse ipotesi.

Atteggiamento verso questo popolo

Se gli scienziati non sempre decidono di descrivere l'effetto e le ragioni del suo aspetto, molte persone sono addirittura spaventate da tali fenomeni. Alla sensazione di deja vu, alcuni sono trattati con grande apprensione, credendo che ci sono stati disturbi nello stato mentale. Naturalmente, una persona che ha sperimentato questo effetto su di sé, non tende sempre a condividere le sue esperienze con i propri cari, inoltre cerca di dimenticare tutto questo più rapidamente e dimenticare. Ora, se la gente sapesse cosa era déjà vu e perche 'succede, molti dei loro problemi sarebbero risolti. Dopo tutto, tutti quegli eventi, fenomeni, sensazioni che vanno oltre la spiegabile, inevitabilmente causano paura. A tali effetti appartiene e deja vu. Come scrivere la parola correttamente – la questione non è così urgente ed urgente. Dopo tutto, le persone sono molto più interessanti per scoprire cosa è – giochi di cervello o sonno, che abbiamo visto una volta. Studiamo alcune spiegazioni per questo fenomeno.

Che cosa dicono gli scienziati?

Gli scienziati americani hanno condotto diversi studi per scoprire come si sviluppa l'effetto deja vu. Hanno trovato che per il suo aspetto l'ippocampo è responsabile – una certa area del cervello. Dopo tutto, è in esso che ci sono proteine specifiche che ci permettono di riconoscere immediatamente le immagini. Nel corso di questo studio, gli scienziati hanno anche determinato la struttura delle cellule di questa parte del cervello. Si scopre che non appena arriviamo ad un nuovo posto o prestiamo attenzione al volto di una persona, tutte queste informazioni immediatamente "galleggiano" nell'ippocampo. Da dove è venuta? Gli scienziati dicono che le sue cellule in anticipo creano il cosiddetto "cast" di qualsiasi luogo o persona sconosciuti. Si scopre qualcosa come una proiezione. Cosa succede? Il cervello umano programma tutto in anticipo?

Come sono stati condotti gli esperimenti?

Per comprendere meglio ciò che è in gioco, scopriamo come gli scienziati nello stato del Colorado hanno condotto una ricerca. Così, hanno scelto diversi argomenti, fornendo loro foto di famose personalità di diversi campi di attività, persone famose, varie attrazioni, che sono note a tutti.

Dopo di che, i soggetti sono stati invitati a pronunciare i nomi dei luoghi raffigurati e dei nomi o nomi delle persone. Nel momento in cui hanno dato le loro risposte, gli scienziati hanno misurato la loro attività cerebrale. Si è scoperto che l'ippocampo (abbiamo parlato sopra) era in uno stato di piena attività anche tra quegli intervistati che persino non sapevano nemmeno la risposta corretta. Alla fine dell'intero evento, le persone hanno detto che quando guardavano l'immagine e si resero conto che questa persona o luogo non erano familiari a loro, allora alcune associazioni apparivano nella mente con quello che avevano già visto. Come risultato di questo esperimento, gli scienziati hanno deciso che se il cervello è in grado di associare ulteriori associazioni con situazioni assolutamente sconosciute, allora questa è la spiegazione dell'effetto deja vu.

Un'altra ipotesi

Come abbiamo detto, ci sono diverse versioni su ciò che è deja vu e perché succede. Secondo questa ipotesi, l'effetto si riferisce alle manifestazioni della cosiddetta falsa memoria. Se, durante il lavoro del cervello, si verificano fallimenti in alcune aree del cervello, inizia a prendere tutto l'ignoto per quello che è già noto. Come credono esperti, la falsa memoria "funziona" in nessun tempo, è caratterizzata da alcuni picchi di attività – da 16 a 18 anni, nonché da 35 a 40.

La prima spruzzata

Il primo picco di attività degli scienziati di memoria falsa spiega il fatto che il periodo dell'adolescenza è molto emotivamente espresso in tutti gli aspetti. Le persone in questo momento sono abbastanza drammatiche e reagiscono bruscamente agli eventi che stanno avvenendo. La mancanza di molte esperienze di vita svolge anche un ruolo importante nel perché déjà vu accade. Questa è una sorta di risarcimento, un indizio. L'effetto si manifesta quando un adolescente ha bisogno di aiuto. In questo caso, il cervello "si trasforma" in memoria falsa.

La seconda spruzzata

Il secondo picco è proprio la crisi dell'età media. Questo è un punto di svolta nella vita di una persona, quando si sentono nostalgia per il passato, ci sono certi rimpianti o un desiderio di tornare negli anni passati. Qui il cervello arriva nuovamente al salvataggio, si rivolge all'esperienza. E questo ci dà una risposta alla domanda: "Perché deja vu?".

Il punto di vista degli psichiatri

Devo dire che questa ipotesi differisce significativamente da quella precedente. I medici non dubitano per un secondo che il significato di deja vu non può essere ignorato, perché questo è un disturbo mentale. E più spesso si manifesta l'effetto, più grave è la situazione. Essi sostengono che nel tempo questo si svilupperà in allucinazioni prolungate, pericolose sia per la persona che per il suo ambiente. I medici dopo gli studi hanno notato che questo fenomeno è principalmente in persone che soffrono di tutti i tipi di difetti di memoria. I parapsicologi non escludono un'altra versione. Quindi, tendono ad associare deja vu con la reincarnazione (trasferimento dell'animo umano dopo la morte ad un altro corpo). Naturalmente, la scienza moderna non accetta una tale versione.

Quali altre opinioni esistono su questo punteggio?

Per esempio, negli anni XIX gli psicologi tedeschi hanno spiegato l'effetto in modo elementare, come conseguenza della semplice fatica. La cosa è che quelle parti del cervello che sono responsabili della coscienza e della percezione non sono coordinate tra di loro , cioè si verifica un fallimento. E si esprime in forma di effetto deja vu.

Il fisiologo americano Burnham ha affermato il contrario. Quindi, credeva che il fenomeno in cui riconosciamo determinati oggetti, azioni, volti, è associato al completo rilassamento dell'organismo. Quando una persona si riposa completamente, il suo cervello è libero da difficoltà, esperienze, emozioni. È in questo momento che il cervello può percepire tutto a volte più rapidamente. Si scopre che il subconscio già sperimenta momenti che possono accadere a una persona in futuro.

Molte persone sono sicure di sapere come avviene il déjà vu, credendo che questo sia il risultato dei sogni che abbiamo visto una volta. Vero o no, è difficile da dire, ma un pensiero esiste tra gli scienziati. La mente subcosciente è in grado di fissare i sogni che abbiamo visto anche molti anni fa, e poi riprodurli in parti (molti lo considerano come predizioni del futuro).

Freud e Jung

Per capire meglio che cosa è deja vu, ricordiamo il film su Shurik, quando era così assorbito nella lettura dell'astratto che non si accorse della sua presenza nell'appartamento di qualcun altro, torte con senape, né il ventilatore né la ragazza Lida. Ma quando è apparso già coscientemente, ha vissuto quello che chiamiamo l'effetto deja vu. Semplicemente in questo caso, lo spettatore sa che Shurik è già stato qui.

Sigmund Freud una volta ha descritto questo stato come una vera memoria, che è stata "spazzata" nella mente sotto l'influenza di diversi fattori sfavorevoli. Potrebbe essere un trauma o un'esperienza. Una certa forza ha costretto una certa immagine a spostarsi nell'area subconscia, e successivamente arriva il momento in cui questa immagine "nascosta" improvvisamente esce.

Jung, tuttavia, ha associato l'effetto con l' inconscio collettivo, infatti, con la memoria dei nostri antenati. E questo ci porta ancora alla biologia, alla reincarnazione e ad altre ipotesi.

Si scopre, per buona ragione dicono che tutto il mondo è interconnesso. Forse, anche in questo caso, non ha senso cercare l'unica risposta corretta, se solo perché non esiste garanzia che esista. Non è per niente che anche gli scienziati non avessero presentato una versione che potesse essere pienamente dimostrata e dichiarata per tutto il mondo, che la risposta venisse trovata.

In ogni caso, non temere se si verifichi un tale effetto. Prendi come suggerimento, come qualcosa di vicino all'intuizione. Ricorda la cosa principale: se ci fosse qualcosa di spaventoso o veramente pericoloso nel fenomeno, lo sapresti già.