831 Shares 7785 views

Qual è la massa del fotone?

Le persone sono state a lungo abituati al fatto che una delle caratteristiche di qualsiasi materiale è la massa. È insito non solo in tali oggetti di grandi dimensioni come i pianeti e le stelle, ma anche i loro omologhi dei microcosmo invisibile – protoni ed elettroni. Sir Isaak Nyuton nel suo tempo brillantemente dimostrato il rapporto di forze gravitazionali e delle masse, che ha un corpo. Come parte della sua teoria ancora eseguito con successo i calcoli di meccanica celeste. Dopo un certo tempo dopo l'istituzione della teoria di Newton, è stato necessario miglioramenti sostanziali, come alcuni eventi rimangono inspiegabili. Questo problema è stato risolto da Einstein, formulò la sua "teoria speciale". Poi è arrivata la famosa formula E = m * (c * c ), che indica il rapporto di energia, massa e la velocità della luce. Applicando la formula di particelle diventato rapidamente chiaro che la massa del fotone (particella di luce) è zero. A prima vista, è contraria al senso comune, ma tutto è bene. La massa del fotone a velocità zero del suo moto nullo. Ma quando la particella supera 300,000 km / s -. Diventa peso abituale. Tuttavia, recentemente si ritiene che la massa del fotone, ma zero. E successivamente un valore che risulta dalla formula H * v = m * (c * c ), è una massa relativistica. Allora, che cosa è in realtà la massa del fotone? La formula è in realtà. Solo che è più complessa e calcolo viene eseguito utilizzando il valore della quantità di moto delle particelle.


Poiché l'energia E del fotone è uguale a H * v, allora la formula può determinare la massa di:

m = (H * v) / (c * c)

Tuttavia, poiché il fotone, infatti, essendo la luce in principio non può esistere a velocità inferiori a "C" (300 mila. Km / s), la massa superiore trovato è corretta solo per lo stato di movimento.

Impulse possono essere trovati attraverso

p = (m * v) / sqrt (1- (v * v) / (c * c))

L'impulso presenza indica l'energia. In effetti, se sostituiamo le mani sotto i raggi del sole, si sentiva chiaramente il calore in una giornata estiva. Questo fenomeno può essere spiegato con il trasferimento di energia ogni particella avente una massa specifica che si muove ad alta velocità. Questo è ciò che si osserva nel rispetto del mondo. Pertanto, massa e quantità di moto del fotone è così importante, anche se in questo caso non è sempre possibile operare con le solite concetti.

In molti forum su Internet c'è un dibattito sulla natura della luce e come eseguire i calcoli. Ovviamente, la questione di ciò è la massa del fotone, non può ancora essere considerata chiusa. I nuovi modelli consentono un modo completamente diverso per spiegare i processi osservati. Nella scienza, come è sempre il caso: ad esempio, la teoria del primo di Newton era completa e logica, ma ben presto divenne chiaro che ci dovrebbe essere un certo numero di emendamenti. Nonostante questo, nulla impedisce utilizzare le proprietà già conosciute del flusso luminoso: uomo apprese con l'ausilio di dispositivi da vedere nel buio; porte aperte supermercati automaticamente il visitatore; reti ottiche hanno portato a velocità di trasmissione dati digitali inediti; e speciali dispositivi permettono di convertire l'energia della luce solare in energia elettrica.

Perché il fotone a riposo ha massa (e inesistente)? Ci sono diverse spiegazioni. In primo luogo – questa conclusione deriva dalle formule. La seconda – poiché la luce ha una duplice natura (come un'onda e flusso di particelle), è ovvio che il concetto di massa completamente inapplicabili alle radiazioni. Terzo – logica: immaginate una ruota in rapida rotazione. Se si guarda attraverso di essa, al posto dei raggi può essere visto una nebbia, foschia. Ma è necessario per iniziare a ridurre la velocità di rotazione, come la nebbia a poco a poco scompare, e solo i raggi sono ad una fermata completa. In questo esempio, la foschia – una particella, chiamato "fotoni". Esso può essere osservata solo in movimento, e con una velocità ben definita. Se la velocità scende al di sotto 300 mila. Km / s, il fotone scompare.