885 Shares 4106 views

Curare – un veleno che può uccidere o immobilizzare temporaneamente

Curaro – il nome generalizzata di potenti tossine prodotte da evaporazione degli estratti acquosi di alcune piante tropicali. Questi veleni hanno a lungo utilizzato gli indigeni che vivono in Sud America, per aver avvelenato punte di freccia in ostilità e durante la caccia. Sapevano che la dose necessaria a morte istantanea o immobilizzazione temporanea, se è necessario il nemico vivo.


Veleno curare, una volta nel sangue, ha sul nervo. In primo luogo, blocca gli impulsi nervosi, paralisi muscolare si verifica. Poi fallisce il sistema respiratorio, la pelle diventa blu, il fegato si infiamma – e la morte si verifica come conseguenza. Dopo il contatto con la carne con un mortale effetti pozione per lo stomaco non avviene, cioè, animali uccisi da una freccia avvelenata, che può essere mangiato. Inoltre la loro carne, secondo i nativi, è più saporito e tenero.

La composizione di questo veleno mortale per gli europei per lungo tempo è rimasto un mistero. Menzione di esso ha provocato un brivido terrificante. Diverse famiglie di curare il veleno ottenuti da una varietà di piante e persino le tracce. Ci sono diversi tipi di pozione letale hanno effetti diversi sul corpo e vengono memorizzati in condizioni diverse. Ad esempio, curare – un veleno da Chondrodendron tomentosum – agisce molto rapidamente. Conservarlo in tubi cavi dei gambi. Veleno da Strychnos toxifera agisce lentamente, simile alla stricnina. E 'stato conservato in vasi di terracotta.

Chondrodendron tomentosum – vite, uno di una famiglia Loganiaceae e diffusa in Sud America. Suo stelo lignificata può raggiungere una sezione trasversale di 10 cm. Foglie di piante di grandi dimensioni (fino a 20 cm), sertsevidnye con venature ben visti. Il lato superiore delle foglie liscia, e la parte inferiore è ricoperta da un pelo luce. Fiori dioica, piccolo, verde-crema, sono raccolti in infiorescenze. Frutti piccoli (2 mm), oblunga, rastremata verso il basso.

La prima menzione di piante che si trovano nei registri di uno spagnolo prete d'Akunya che sono fatti a loro nel 1693 in campioni di veleno Europa e la tecnologia di produzione hanno portato lo scienziato francese Charles Marie de la Kordamenom (da una spedizione in Perù). Gli indiani, naturalmente, non la data curare. scienziati Yad sono venuti a rubare e spiare, come i nativi fanno.

Le foglie, radici e steli Chondrodendron tomentosum schiacciato, versare acqua e cotto a fuoco lento per qualche tempo, fino a quando il composto addensato. Allo stesso tempo viene costantemente agitato. A volte, per birra aggiunto il sangue di rane velenose e altri animali. Meno potente veleno aveva un colore chiaro, è stato usato per la caccia. veleno più efficace e letale era piena di un odore di resina di cattivo gusto. E 'stato utilizzato contro il nemico, trattando le spine, che vengono poi soffiate dal tubo. Solo lo sciamano della tribù aveva il diritto di fare il curaro, un veleno per la disobbedienza di morte presunta.

Il principio attivo il curaro-veleno è D-tubocurarina – alcaloide attivo. Se usato in dosi micro, è in grado di esercitare un effetto terapeutico. Questo materiale è stato utilizzato per il trattamento con edema, urolitiasi, la pazzia, la febbre, ecc, e può essere utilizzato in caso di gravi lesioni esternamente come un impacco. sciamani indiani sapevano di questo molto tempo, e sapientemente utilizzati e continuano ad usare il curaro, un veleno.