450 Shares 3944 views

la divisione dei beni dopo il divorzio, il periodo di limitazioni sul credito, un appartamento, auto e altri beni

Divorzio – Procedura sgradevole e difficile per la maggior parte delle coppie. Se gli ex coniugi sono rivendicazioni di proprietà, il processo è complicato. La divisione dei beni dopo il divorzio, il termine di prescrizione che non è ancora passata, può essere meno doloroso se v'è un contratto di matrimonio o la buona volontà delle parti. Se né l'uno né l'altro, dovrà andare in tribunale. Ma deve prima capire che cosa proprietà deve essere divisa in un divorzio, e in quale periodo di tempo ha senso chiedere aiuto.


Ciò che è da dividere

Divisione dei beni dopo il divorzio congiunto si svolge in base alle regole stabilite. Diviso tutti i beni mobili e immobili acquisiti durante il matrimonio. Tra le parti sarà divisa:

  • Tutto l'immobiliare: appartamento, garage, casa, stanza, palazzo.
  • Terra, edificio equità, la quota.
  • Veicoli.
  • Commerciali, obbligazioni, titoli.
  • I depositi bancari.
  • Elettrodomestici e mobili.
  • gioielli di lusso.

Se i coniugi separati, ma il divorzio non è emesso, tutti i beni acquisiti da entrambe le parti in questo periodo può essere considerato argomento comune e soggetto. la divisione dei beni dopo il divorzio, la prescrizione non è fuori, si comprende solo che ha acquistato prima della conferma ufficiale della separazione.

È impossibile dividere i mobili e abbigliamento per bambini acquistati per le esigenze dei loro oggetti o contribuito a proprio nome. titolarità dei bambini rimane con il genitore con il quale i bambini sono. Inoltre, la divisione dei beni dei coniugi dopo il divorzio non comprende oggetti personali, ad eccezione di gioielli. Ma questa regola può essere eccezioni se cappotto di pelliccia venduti, un coniuge ha il diritto di chiedere di partizione ottenuto per i suoi soldi.

Nella divisione dei beni dopo il divorzio appartamento appartenente ad uno dei coniugi prima del matrimonio, non può entrare, così come qualsiasi altra proprietà ottenuta prima del matrimonio. Se durante il matrimonio uno dei coniugi ha ricevuto valori materiali ereditati, non sono da dividere.

prestito sezione

credito oggi – un modo molto popolare per ottenere denaro. E se una grossa somma può essere presa solo con il consenso scritto del coniuge, poi una piccola banca di aiuti finanziari fornisce solo uno di loro. Avvio della divisione dei beni dopo il divorzio, attribuisce la sua moglie non sono disposti a condividere, se non vale la pena la loro firma sul contratto. La Corte ritiene ciascuna situazione individuale. Se il denaro viene preso con il consenso di entrambi i coniugi e speso per esigenze familiari, il debito sarà diviso in parti uguali tra i coniugi.

Ma cosa succede se il prestito è stato preso da una delle parti per soddisfare le esigenze personali senza preavviso coniuge? Più di recente, i tribunali hanno condiviso tali debiti e diviso a metà nella maggior parte dei casi. Tuttavia, i prestiti congiunti 13.04.2016 sono riconosciuti solo quando sono stati spesi per la famiglia. Dimostrando queste spese dovrebbe essere il lato che ha bisogno di includere la divisione dei beni dopo il divorzio prestiti.

sezione debiti

sezione proprietà coniugale dopo il divorzio avviene in parti uguali. Se è successo in modo diverso, e una delle parti ha vinto in gran parte, il debito sarà anche disuguale. Quindi, se il marito è stato assegnato 2/3 del totale dei beni e dei debiti vi sarà dato 2/3.

Documenti per processo

Se il credito è inferiore a 50 000, è necessario rivolgersi ad un magistrato. Se il valore è superiore, si impegnano presso la Corte Distrettuale.

I seguenti documenti devono essere allegati:

  • Passaporto o altro documento d'identità.
  • о разводе (копия должна быть заверена нотариально). Divorzio certificato (copia deve essere autenticata).
  • sui documenti di proprietà controversi: assegni, ordini, passaporti tecnici, ricevute, certificato di proprietà.
  • Informazioni sulla composizione della famiglia.
  • bollo.

La testimonianza non ha influenzato significativamente la divisione dei beni dopo il divorzio.

prescrizione

pratica giudiziaria nel caso di frazionamento proprietà non è del tutto chiaro. Ai sensi dell'art. 9, p. 7 codice di famiglia, la Corte può essere presentata entro tre anni. Ma l'intoppo è che questi anni sono calcolate dal momento dello scioglimento del matrimonio.

Dove conta

Sembra che la divisione dei beni dopo il divorzio, che la prescrizione non è scaduto, deve avvenire entro e non oltre tre anni dopo la ricezione del documento che dimostra la disgregazione della famiglia. Tuttavia, non tutti così facile con questo problema.

Tre anni inizia a ticchettare dal momento in cui il partito è venuto a conoscenza della violazione dei suoi diritti di proprietà. Inoltre, la data di riferimento è il giorno in cui il marito ha dovuto imparare a questo proposito. Un tale approccio per cambiare in modo significativo la situazione, perché la divisione dei beni dopo il divorzio, il termine di prescrizione (5 anni e 10, o anche 30, i diritti non può essere violato), che ipoteticamente esteso – è tutta un'altra cosa. Accade spesso che un uomo lascia la moglie tutto, il ragionamento che la proprietà dovrebbe ottenere i bambini e abbandonato dalla moglie. Ma con il passare del tempo e l'avvento di una nuova famiglia di sue priorità possono cambiare, questioni abitative irrisolte richiedono di andare in tribunale per la divisione dei beni.

Devo fare in fretta alla sezione

Immaginate che l'uomo moderno non ha idea dei tempi di prescrizione, è difficile. Tuttavia, ci sono casi in cui uno o entrambi i coniugi non hanno alcuna fretta di dividere la proprietà.

Nonostante la possibilità di condividere le loro cose, e dopo tre anni, le ragioni di questo dovrebbe essere molto buona. La maggior parte degli esperti consiglia di non ritardare la divisione dei beni dopo il divorzio. Il termine di prescrizione si conclude dopo 36 mesi, e il destino di una causa intentata in seguito, dipende dal giudice. Inoltre richiede una forte evidenza che il coniuge non ha in precedenza a conoscenza della violazione dei loro diritti.

Se, per esempio, dopo il divorzio, il marito ha lasciato l'appartamento alla moglie, ma dopo qualche tempo, ha scoperto che la proprietà viene venduta o estinto ad altre persone, ha il diritto di chiedere la partizione. E il conte di tre anni a partire dalla data in cui l'ex marito ha scoperto per la sorte dell'appartamento.

Deve essere chiaro che la sezione scaffalatura è in aumento non solo il prezzo degli immobili, ma anche la dimensione delle spese processuali. Inoltre, il più a lungo uno dei coniugi da solo utilizza la proprietà comune, tanto più difficile sarà quello di convincerlo a dividere la proprietà. Pigrizia, speranza nobile o nazionale "forse" può costare una parte considerevole del totale dei risparmi. Non tirare la sezione, è meglio presentarlo insieme al divorzio.

Casi di studio

La giurisprudenza in sezione varie attività e debiti degli ex coniugi è molto ampia. Per capire la tendenza generale è da considerarsi il più possibile di esempi di casi simili. Di seguito prenderemo in considerazione diversi casi.

ESEMPIO Accredito

Durante il matrimonio, i coniugi è stata presa di credito per. Il contratto è stato firmato a nome di sua moglie, che ha usato la macchina prima del divorzio. pagamenti di prestito effettuati a partire dal bilancio familiare.

Qualche tempo dopo la moglie ha presentato una richiesta per la sezione di credito. Ha dimostrato che il debito da pagare a parte, e ha chiesto di dividere il resto equamente diviso tra lei e l'ex marito.

Dopo aver studiato le circostanze, il giudice ha deciso di soddisfare la domanda in pieno, lasciare l'auto alla moglie, ma ha ordinato il marito a pagare un importo pari al costo della vettura.

Nello studio degli ex coniugi hanno firmato un accordo. Il loro accordo ha permesso alla donna di tenere la macchina, di non pagare il denaro, ma il coniuge non paga il prestito. L'accordo approvato dal tribunale.

ESEMPIO 2 №

appartamento Sposato, auto, bambini nati è stato acquisito dai coniugi. Dopo 20 anni di matrimonio, la moglie ha detto che se ne stava andando ad un altro, e ha chiesto il divorzio. Soggiornare in uno stato di shock ex marito si trasferisce ai loro genitori, dimenticando l'appartamento condiviso. Per sé sono voluti solo una macchina.

Dopo 4 anni l'ex marito ha scoperto che l'appartamento viene venduto. Egli ha chiesto al tribunale di dividere i fondi ricevuti sotto l'accordo di proprietà congiunta. Tuttavia, il giudice ha negato la sua richiesta perché la prescrizione è scaduto.

ESEMPIO 3 №

donna non sposata si trasferì in un'altra città perché il padre aveva bisogno di cure. Un anno dopo, il marito la mandò i documenti per il divorzio, che sono stati firmati da esso. Torna alla tua città che poteva 5 anni più tardi, dopo la morte del padre. Il acquisito congiuntamente un appartamento con il marito, lei non poteva arrivarci, perché la sua nuova moglie la sua cacciato.

Una donna è andato in tribunale con una richiesta per ripristinare i termini di prescrizione. Un avvocato esperto è in grado di dimostrare il suo diritto, con la conseguenza che il giudice ripristinato il termine e la ex moglie era in grado di ottenere la metà della proprietà comune.

conclusione

Non importa quanto sia pesante il divorzio da un punto di vista morale, non possiamo cedere alle emozioni. Prima di tutto è necessario rispettare i propri interessi e di ottenere tutto ciò che è necessario in tali casi secondo la legge. L'uscita ottimale – un elenco di proprietà comune e andare con lui a uno specialista che con freddezza e con competenza raggiungere un accordo volontario.

Se i negoziati con il secondo lato saranno gli avvocati che non avrebbero mai oscurare un certo senso, è possibile evitare controversie, costi aggiuntivi e pacificamente condividere tutti i loro averi di back-rottura del lavoro.