394 Shares 7822 views

Guerra con il Giappone – ha rispettato la promessa di Stalin

L'ingresso dell'URSS nella guerra con il Giappone è stato un passo prevedibile – è possibile che se la Germania di Hitler non abbia scatenato combattimenti in Europa, questa guerra si è verificata molto prima. Separati scontri armati ai confini di Manzhou-go e Mongolia si sono verificati periodicamente dalla metà degli anni '30. Alcuni di loro erano così provocatori che potrebbero servire da scusa per dichiarare guerra. Ma preoccupato per la minaccia militare dei paesi della coalizione fascista, Stalin, che non voleva separare le operazioni militari in due fronti così remoti, nell'aprile del 1941 firmò un patto di non aggressione con la leadership giapponese.


Alla Conferenza di Yalta, Stalin ha dato agli Alleati una chiara promessa che la guerra con il Giappone avrebbe cominciato due o tre mesi dopo che la Germania si arrese. E si deve notare che ha mantenuto questa promessa con una puntualità fenomenale: l'8 maggio la Germania ha disposto le sue armi e alla mezzanotte dell'8 agosto l'Unione Sovietica ha intrapreso operazioni militari, ritirandosi unilateralmente dal patto di non aggressione precedentemente concluso.

Era difficile immaginare che la guerra con il Giappone nel 1945 finisse nello stesso modo di quarant'anni fa. Ora l'esercito giapponese si oppose senza esagerazione dall'esercito più forte del mondo, con un'esperienza senza precedenti di condurre operazioni di combattimento nelle condizioni più difficili e con un avversario molto più preparato. La maggior parte dell'esercito giapponese era costituita da reclute, che non avevano nemmeno le competenze minime per svolgere operazioni di combattimento di successo. In molte parti e formazioni non c'erano armi automatiche, non c'erano abbastanza artiglierie e missili.

Inoltre, l'armamento dell'esercito sovietico a volte superiori agli aeromobili obsoleti e ai serbatoi dei giapponesi. Ebbene, e di grande importanza è stato il fatto che molti dei combattenti specificamente chiesto per l'Estremo Oriente, ricordando i nonni e i padri che sono stati uccisi una volta. Tutti 40 anni passati dal famigerato mondo di Portsmouth non hanno cancellato il dolore della sconfitta e per i soldati russi la cattura di Port Arthur non era meno importante della cattura di Berlino. Questo sarebbe il ripristino finale dell'onore delle armi russe, sgridato dai giapponesi, la guerra con il Giappone divenne una guerra con i fantasmi del passato.

Come si poteva aspettare, le azioni militari sul fronte dell'Oriente Orientale non si trascinavano – il 12 settembre nelle acque della baia di Tokyo, a bordo della nave da guerra "Missouri" fu firmato un atto di resa incondizionata del Giappone. La guerra, durata poco più di un mese, è finita e tutti gli obiettivi dell'Unione Sovietica sono stati realizzati.

La guerra con il Giappone: i principali risultati.

Il risultato principale e incondizionato della nostra vittoria è stato il ritorno di quello perduto dall'Impero russo nel 1905.

  • La Sakhalin meridionale, appartenuta in Giappone per quarant'anni, è tornata nell'Unione Sovietica.
  • Il sofferente Port Arthur, la leggendaria città, ancora una volta, anche se temporaneamente, apparteneva a noi. I soldati russi hanno ricevuto una rara occasione per arrivare all'antico cimitero e trovare qui i loro parenti, di cui hanno solo sentito che sono stati uccisi combattendo con i giapponesi. Sorprendentemente, molti di loro sono riusciti davvero, e come trofei sono stati in grado di portare a casa una manciata di terra dalle tombe dei loro antenati e una fotografia scattata accanto al monumento tomba. Era un momento unico quando si incontrarono due eserciti – russo e sovietico.
  • Anche Kvantun e Dalny sono passati temporaneamente all'uso dell'URSS.
  • Il gruppo principale delle isole Kuril, che attraversarono il Giappone nel 1875, insieme alla parte meridionale dell'arcipelago, tornarono all'uso della Russia.

E il risultato politico più significativo della vittoria dell'URSS era la caduta dell'ultimo paese della coalizione hitleriana. Il fascismo è stato completamente distrutto e l'Unione Sovietica ha confermato ancora una volta il suo titolo di paese vittorioso.