799 Shares 5630 views

Arkady Kamanin: biografia e foto

Molti anni fa, la Grande Guerra Patriottica finì, spiegò spietatamente le anime delle persone e portò via milioni di vite umane. In ogni famiglia è entrata senza bussare, ha distrutto il solito modo di vita, aggiungendolo nuovo, irreversibile nel suo campo di applicazione, gli emendamenti. Fu in questo momento che il patriottismo dell'uomo russo, pronto per la sua patria, per un futuro brillante di discendenti, si ripagò con la propria vita si manifestava il più possibile. Nella battaglia con la morte, tutti entrarono: uomini e donne, fratelli e sorelle, madri e padri, adulti e bambini. Bambini di guerra …


Arkady Kamanin, la cui attività ha contribuito all'approccio della Grande Vittoria, in pace era un ordinario ragazzo sovietico, che, come la maggior parte dei colleghi, amava lo sport, leggeva, suonava strumenti musicali (bayan e fisarmonica). E il cielo lo strisciava: blu, pulito, lontano …

Il suo cielo brillava

Nasce Arkady Kamanin, la cui biografia e foto suscitano interesse sincero della generazione moderna, il 2 novembre 1928. Il padre del futuro eroe Nikolai Petrovich Kamanin, un ufficiale sovietico, un esperto pilota che è stato un vivo esempio di un uomo reale per un giovane, è servito all'aeroporto, e suo figlio ha sempre avuto l'opportunità di stare con lui e fornire tutto il possibile aiuto adolescente.

Arkady Kamanin è un eroe pioniere la cui biografia rappresenta un vivo esempio di amore per la patria, una prontezza per proteggere la sua patria dai nemici in nome di un futuro più brillante. Nato nell'Estremo Oriente, il ragazzo e la sua famiglia (come dovere di un padre) hanno cambiato la propria residenza più volte, vivono a Mosca per qualche tempo e sono scomparsi all'aeroporto durante le vacanze estive, padroneggiando la professione di un meccanico di aviazione. In questa capacità egli riuscì anche a lavorare presso l'impianto di capitale aviazione nel 1941.

Siamo stati in guerra

Nello stesso anno, suo padre continuò il suo servizio a Tashkent (Uzbekistan), dove rimase con la famiglia fino al 1943. Nel mese di febbraio è stato nominato comandante dei corpi d'assalto e 14 anni Arkady Kamanin ha iniziato a lavorare come meccanico d'aria presso l'unità militare del padre. Essendo ancora minore, è stato minacciato di inviare alla parte posteriore, ma rifiutò decisamente di lasciare l'unità militare. Inoltre, l'elevato livello di qualificazione non ha permesso alla direzione di rilasciare facilmente uno specialista competente. Dopo tutto, durante la guerra, la necessità di lavoratori tecnici qualificati era costante.

Partenza riuscita

Arkady Kamanin è stato arruolato come meccanico di attrezzature speciali nel 423rd Squadron Aviation (Kalinin Front), che è stato un successo di partenza nella carriera aerea di un giovane che ha deciso di imparare a volare. È stata la pratica di volo che ha dato un'esperienza inestimabile e ha aiutato a capire la teoria. Per la prima volta nel cielo, Kamanin, il più giovane, si è arrampicato su una formazione a due posti U-2.

All'inizio ha volato come meccanico dell'aria e navigatore-osservatore, e nel luglio 1943 ha ricevuto una licenza ufficiale per volare indipendentemente. La ragione di questo era il caso in cui, durante uno dei voli, un proiettile smarrito ha smascherato la visiera della cabina di pilotaggio per smithereens e i frammenti che si sono accatastati hanno accarezzato Arkady. Il giovane ha convocato un pilota esperto dal suolo, sotto la guida remota di cui è riuscito a coltivare professionalmente l'auto. Dopo questo successo, il giovane talento ha cominciato a formare una formazione formale. Due mesi dopo, Kamanin, Jr., ha superato gli esami al rigido e impegnativo generale maggiore N. Kamanin, che non ha potuto trovare motivi per non permettere al figlio di volare indipendentemente.

Salva amico

La guerra è una guerra, e il generale Nikolai Kamanin ha mandato il sergente Arkady Kamanin al volo, rischiando di non aspettare il figlio dal prossimo incarico. Nei voli di ricognizione, i "volantini" (come i colleghi adulti che soprannominavano il ragazzo) si sono mostrati eroici, offrendo ordini ai comandanti delle unità avanzate, ottenendo informazioni preziose sotto i nasi dei fascisti e svolgendo altri compiti complessi.

Arkady Kamanin – un eroe pioniere, è stato caratterizzato da un'incredibile strage e rischiato in parità con gli adulti. A conferma di questo, esiste un caso in cui, ritornando alla sede centrale della sesta squadrona, Arkady vide sul suo stunt sullo schieramento un attaccante che giaceva sul ventre, sdraiato sul ventre. Guardando alla cabina chiusa dell'aereo, il giovane si rese conto che il pilota era dentro e, a quanto pare, era ferito. Ricordando la legge scritta – l'assistenza reciproca di un amico, Arkady Kamanin, senza esitazione di tempo, sbarcò professionalmente vicino ad un aereo disceso, sapientemente "parcheggiato", chiudendosi dai tedeschi con un aereo di attacco disceso, nella cui cabina il tenente Berdnikov ferito in testa. Dopo aver completato il compito, non aveva tempo per trasportare i risultati della fotografia aerea alla base. Il giovane fragile riuscì a trasportare una macchina fotografica con un film al suo aereo e poi il corpo limpido del pilota salvato.

Il primo premio

Kamanin, il più giovane, è riuscito a rimanere incolpato nella posizione della sua unità, oltre che i suoi colleghi lo hanno aiutato, distogliendo l'attenzione dei tedeschi dalla sparatoria di un corridore coraggioso e arrogante. Per la perfetta azione di 15 anni Arkady è stata premiata con il suo primo Ordine della Stella Rossa.

Per conto di Arcadia, il salvataggio di un altro compagno – un meccanico che volò sulla coda dell'aereo. Allontanandosi su un terreno bagnato, i tecnici si posero deliberatamente sulla coda dell'apparecchio, premendolo in modo tale che non si "spuntava" nel terreno. Allora è stato richiesto di saltare con abilità e tempestività, che in questo caso il meccanico non ha avuto il tempo di fare.

Arkady, in attesa del permesso di sbarcare, notò un uomo in aria, di cui lanciò delle pistole a un pilota imprudente, che aveva già riuscito a nascondere il telaio. L'uomo è stato rimosso dalla coda dell'aereo.

"Flyer" senza paura

La seconda Red Star, Arkady Kamanin, fu assegnata nel 1944: quando il nemico fu attaccato alla sede principale, il giovane, sotto il fuoco, prendeva l'aria sul suo aereo, chiamò aiuto e soffocò gli ospiti invitati con le granate.

Ordine del Red Banner Arkady guadagnato all'inizio del 1945 per la consegna di documenti segreti e cibo per il distacco radio partigiano. Il giovane doveva effettuare un volo di 1,5 ore al di là della linea frontale su un percorso sconosciuto, caratterizzato da un complesso terreno montuoso, che a volte complicava l'adempimento del compito.

Il record complessivo del pilota Kamanin Jr. ammonta a 283 ore nell'aria (che è più di seicento puntate). Molti di loro sono stati prodotti in condizioni climatiche difficili, sotto le punte delle armi tedesche. Durante questo periodo, il giovane è stato assegnato sei premi governativi, tra cui le medaglie "Per la cattura di Vienna", "Per la vittoria sulla Germania", "Per la cattura di Budapest".

Davanti a una vita pacifica

La guerra è finita. Sembrava che davanti a Arkady Kamanin avrebbe aspettato un bel futuro. Abbandonato sostanzialmente dai suoi studi dai pari, il giovane con la sua consueta volontà e zelo iniziò a studiare attivamente il materiale perduto. Questo è stato sufficiente per lui un anno accademico. Dopo aver ricevuto un diploma scolastico, nel 1946 Arkady Kamanin (foto può essere visto nell'articolo) è stato iscritto al corso preparatorio della Air Force Academy. Zhukovsky, in cui suo padre ha studiato una volta. Anni di formazione, servizio nell'esercito sovietico, una vera opportunità per entrare nel distacco dei cosmonauti sovietici … Ma …

Per sempre giovane

All'età di 18 anni, Arkady cadde gravemente malato di meningite e morì improvvisamente per tutti. Il 13 aprile 1947 – l'ultimo giorno di vita del pilota più giovane, passò senza paura alla Grande Guerra Patriottica dall'inizio alla fine. Arkady fu sepolto al cimitero di Novodevichye a Mosca. Così ricordava i suoi coetanei: giovani, allegri, intenzionali, sempre pronti a venire in aiuto di un amico. Innamorato del cielo …