659 Shares 2197 views

dio della luna sumero. Il dio-luna degli Egiziani

Il mondo religioso, così come tutti gli altri aspetti della vita umana, nel nostro tempo tende ad essere un rapido sviluppo. Il retro del progresso associata con la rottura delle tradizioni stabilite, l'interazione attiva tra culture e, di conseguenza, la rapida crescita di nuovi movimenti religiosi carattere sincretico. La relativa stabilità della sfera religiosa dei precedenti periodi della storia andati. Anche oggi, v'è una costante tendenza al rialzo della domanda di beni pre-cristiana, in prevalenza contenuti pagana. Bursts neopaganizma osservati in tutto il mondo, il numero dei loro aderenti in rapida crescita. Questa circostanza rende rilevante, ciò che è più – tanto necessaria, dettagliato e approfondito studio dei culti antichi, la loro mitologia, credenze e pratiche.


Maschio e femmina nel paganesimo

Followers del paganesimo moderno e reenactors appassionati culti pagani, ispirati da immagini antiche ricostruiscono la venerazione del sistema natura, descrivendolo nel linguaggio della mitologia come un insieme complesso di relazioni tra le diverse forze dell'universo e dell'uomo. Ortodossi e universale nella maggior parte di queste costruzioni sono la figura tipologica del dio del sole – l'archetipo Padre divina dell'universo – e la dea della terra – la Grande Madre. Questi ultimi spesso anche associato con la luna, che provoca la comparsa in diversi contesti coppie stabili il sole-Terra-Luna o il Sole come manifestazioni femminili della suprema principio divino maschile e femminile. Le origini di queste immagini è molto antica, ci sono almeno diecimila anni e che risale ai giorni grigi del matriarcato. In generale, sono le immagini canoniche nella cultura occidentale, ma hanno anche prototipi in molte tradizioni religiose del mondo. Tuttavia, ci sono esempi opposti. Ad esempio, la marea divina Geb egiziana e Nut rappresentano l'inversione archetipo universale. Dea Nut – è la dea del cielo, e il dio Geb responsabile del territorio. Allo stesso modo i simboli lunari a volte assegnati personaggi maschili. Questo è il caso, ad esempio, in tengrizme – sistema sciamanico religiosa, nello stesso Egitto (rappresentata da Toth e Yaaha dei), nella cultura vedica (sotto il volto del dio Soma). Queste stesse preoccupazioni e Sin – il dio della luna antichi Sumeri.

cult luna sumero. dio Nanna

informazioni frammentate e sparse sul culto dei corpi celesti, che abbiamo denunciato alla cultura sumera, ci dice due nomi – Shin (Shin) e Nunn. A partire dal secondo di questi due personaggi – l'antico dio della luna in questa regione. Secondo la mitologia, era il figlio del dio Enlil, il nipote del cielo dio supremo Anu. Di conseguenza, Nunn – fratello Ninurta e Ishkur. Inoltre, egli generò due gemelli – la famosa dea Ishtar e il dio Shamash.

immagine mitologica Nunn

Nome Nunn significa "signore del cielo." Ma il sig sky – questo non è un dio del sole e il dio-luna. In questo caso, l'epiteto costantemente associato solo con il luminare notte. Nunn è tradizionalmente il viaggiatore sul mare celeste su una barca, che agisce come una mezzaluna. Di qui il suo soprannome di "Magura", che significa "nave".

La diffusione del culto della Nunn

imprese specifiche, secondo i dati disponibili, Nunn non ha commesso, nel campo della guerra e amore, anche, non si mosse. Tuttavia, la popolazione di Sumer, ha maturato un grande onore e il riconoscimento. Inizialmente, come la divinità protettrice della città di Ur, culto Nunn ha vinto Haran e poi è diventato dominante e Nippur – la capitale religiosa di Sumer. Così, il dio della luna è stato il leader del numero di seguaci e ammiratori nella società sumera.

Lo sviluppo del culto della Nunn

La religione degli antichi popoli con la comparsa di relazioni militari o commerciali ha cominciato a influenzare a vicenda, e immagini archetipiche simili spesso fuse in una sola. A causa di questi processi, la luna dio sumero Nanna fuse in un'unica entità con babilonese dio-luna Sin, stampata nella cultura della regione un'immagine completa delle divinità notte luminare passati attraverso i secoli.

Un altro esempio lampante di divinità maschili associati alla compagna della Terra, diamo l'Egitto.

Il dio-luna degli Egiziani

Più precisamente, la tradizione egiziana sa di non uno, ma almeno tre divinità lunari maschili – Thoth Yaaha e Khonsu. Ciò è dovuto al fatto che in Egitto, la sua storia non era una sola religione. Anche se i tentativi sono stati fatti per imporla, ogni prefettura, ogni città è rimasto fedele alle proprie divinità. Naturalmente, ci sono stati anche divinità nazionale, ma i loro mitologici ruolo, pedigree, le funzioni e le pratiche del culto possono variare notevolmente da un centro all'altro di riverenza.

Gli egizi avevano una cultura comune, all'interno della quale calore una pluralità di scuole religiose indipendenti. Pertanto, il dio della luna in ogni grande città aveva il suo.

Thoth

Il più famoso e il più importante dei noti divinità lunari dell'Egitto è, senza dubbio, l'Uno. La sua immagine è così impressionabili che, anche nel nostro tempo, poche persone avevano sentito parlare del suo nome. Inoltre, sotto la bandiera del culto ermetica del dio Thoth ha vissuto fino ai nostri giorni. E 'l'unico dio egiziano antico, che il destino ha risparmiato in questo senso.

Ma in generale, la giurisdizione di questo personaggio non è stato solo la luce di notte. Quindi prima di tutto uno – non solo il dio della luna, ma il patrono delle arti e della conoscenza, la fonte di saggezza, inventore della scrittura, messaggero degli dei. Ha accompagnato l'anima del defunto al Regno dei Morti e come uno scriba era presente al suo processo Osiride.

Thoth era il centro di culto della città di Hermopolis. Tradizionalmente, il dio luna dei egizi raffigurato con la testa di Ibis, che è stato considerato il suo animale sacro. E la moglie del saggio divina era la dea Maat – patrona della verità, ed ogni tipo di ordine.

Dio Yaah

Probabilmente Yaah – è la più antica lunare, dio del egiziana pantheon. Inizialmente, il suo culto è nato a Tebe, dove fu adorato come la luna proprio come il fenomeno della natura astronomica. In realtà, il nome di "Yaah" stessa significa semplicemente "luna" o "mese".

Il culto Yaaha sbocciato in fretta, e poi altrettanto rapidamente caduto in rovina, non erano in grado di competere con altre divinità lunari. Tuttavia, una ristretta cerchia di ammiratori in Yaaha sempre mantenuto. Si sta parlando di questo comune, anche se rare immagini di questa divinità, così come i testi antichi rituali egiziani. Di questi ultimi, la prova più importante del ruolo importante Yaaha è noto Libro dei Morti.

A proposito di mitologia e altri dettagli della vita e il culto della divinità è conosciuto molto poco. Fino ad oggi, il culto Yaaha rimane uno degli aspetti meno studiati dell'antica religione egizia. Alcuni scienziati, tuttavia, suggerisce che lui e l'ebreo dio Yahweh aveva un solo prototipo, che collega le due divinità e servito come la fonte del loro culto.

dio Khonsu

Hounsou – un altro dio-luna d'Egitto. Tuttavia, la simbologia associato ad esso, accentuata, in contrasto con la Thoth e Yaaha, sul corso ciclico della vita. Il nome stesso di Khonsu significa "passaggio". Di conseguenza, il dio del calendario, il sovrano del tempo. Di qui la sua grande importanza, perché è sui cicli lunari egizi calcolato l'anno, stagioni, inondazioni del Nilo, il tempo di semina e raccolta.

pedigree mitologica attribuisce il ruolo dei genitori Khonsu dio Amon e Mut. Time Lord raffigurato nelle vesti di un ragazzo o giovane con un disco lunare sulla sua testa. E a causa di questo rapporto iconografica a volte è correlata con Arpocrate – dio in ritardo sincretica di silenzio e quiete.

Sintesi dei lunari in Egitto

Come il dio della luna sumero Nanna-Sin, divinità della luna gli egiziani anche fuse in una singola immagine, e in varie combinazioni. In tempi diversi e in luoghi diversi conosciuti immagini sintetiche della Thoth-Yaaha, Thoth e Khonsu-Yaahya-Khonsu.

In ogni caso, il dio-luna nel mondo antico è stato molto importante divinità. Ciò è dovuto al ruolo importante di terra via satellite in,, vita biologica agricola pubblica del genere umano e della natura in generale.