191 Shares 2131 views

fonti di luce naturale e artificiale: esempi. L'uso di fonti di luce artificiale. Tipi di sorgenti di luce artificiale

Abbiamo sempre e ovunque circondati dalla luce in quanto è una parte integrante della vita. Fuoco, il sole, la luna, o lampada da tavolo – tutto questo appartiene a questa categoria. Ora il nostro compito è quello di prendere in considerazione le fonti di luce naturale e artificiale.


All'inizio la gente non erano intelligenti sveglie e telefoni cellulari per aiutarci ad alzarsi quando è necessario. Questa funzione del sole. E 'caduto – la gente inizia il lavoro, campagna – stabilire a riposare. Ma, con il tempo, abbiamo imparato a produrre fonti di luce artificiale, parleremo di loro in questo articolo in modo più dettagliato. È necessario avviare con i concetti più importanti.

luce

In senso generale – è un'onda (elettromagnetica) che viene percepito dalla visione umana. Ma v'è un quadro che si vede (380-780 nm). Prima di questo, v'è la radiazione ultravioletta. Anche se noi non lo vediamo, ma la nostra pelle ci vuole (tan), dopo che il quadro è radiazione infrarossa, alcuni organismi viventi si vede un uomo ha percepito come calore.

Consideriamo ora la domanda: perché è la luce di diversi colori? Tutto dipende dalla lunghezza d'onda, per esempio, viola è prodotto fascio di 380 nm, verde – 500 nm, e rosso – 625. Generalmente, i colori primari 7, possiamo osservare durante fenomeni come l'arcobaleno. Ma molti, soprattutto le fonti di luce artificiale emettono onde bianche. Anche se prendiamo una lampadina che pende nella vostra stanza, con una probabilità del 90 per cento, si illumina con luce bianca. Quindi, si ottiene mescolando tutti i colori primari:

  • Red.
  • Orange.
  • Giallo.
  • Verde.
  • Blu.
  • Blu.
  • Viola.

Sono molto facili da ricordare, molte persone usano queste righe: ogni cacciatore vuole sapere dove si trova un fagiano. E la prima lettera di ogni parola e indica il colore, tra l'altro, l'arcobaleno sono disposte nello stesso ordine. Una volta che abbiamo capito il concetto, offriamo girare alla domanda " luci naturali e artificiali." Analizziamo in dettaglio ogni tipo.

sorgenti luminose

Non esiste nel nostro tempo senza un ramo dell'economia, che nella sua produzione non avrebbe utilizzato fonti di luce artificiale. Quando l'uomo ha iniziato la produzione di illuminazione artificiale? Era nel lontano XIX secolo, e la causa dello sviluppo dell'industria servito come l'invenzione di lampade ad arco e ad incandescenza.

Fonti di luce naturale e artificiale – è il corpo che sono in grado di emettere luce, e più specificamente, per convertire un'energia ad un altro. Ad esempio, la corrente elettrica in un'onda elettromagnetica. Agendo sul principio di una fonte luminosa artificiale è una lampadina che è così prevalente nella vita quotidiana.

Abbiamo parlato nel paragrafo precedente, che non tutta la luce percepita dai nostri organi di visione, ma la fonte di luce è e l'oggetto che emette onde che sono invisibili ai nostri occhi.

classificazione

Per cominciare, che tutti loro si dividono in due grandi classi:

  • fonti di luce artificiale (lampade, bruciatore, candela e così via).
  • Naturale (luce del sole, la luna, le stelle brillano, e così via).

Inoltre, ogni classe a loro volta, suddivisi in gruppi e sottogruppi. Cominciamo con il primo, sorgenti artificiali si distinguono:

  • Calore.
  • Fluorescente.
  • LED.

Una classificazione più dettagliata considererà ulteriormente. Nella seconda classe è costituito dai seguenti:

  • Il sole.
  • gas interstellare e le stelle stesse.
  • scariche atmosferiche.
  • Bioluminescenza.

fonti di luce naturale

Tutti gli oggetti emettono luce di origine naturale sono fonti naturali. In questa emissione di luce può essere primario o secondario struttura. Se confrontiamo le sorgenti naturali e artificiali, esempi dei quali abbiamo già discusso, la loro differenza principale risiede nel fatto che questi ultimi emettono luce visibile nostri occhi grazie ad un uomo, o meglio la produzione.

In primo luogo che viene in mente di tutti, una fonte naturale è il sole, che è la fonte di luce e calore per l'intero pianeta. Anche fonti naturali sono le stelle e le comete, scosse elettriche (come un fulmine durante un temporale), il bagliore degli organismi viventi, questo processo viene indicato anche come bioluminescenza (esempi sono le lucciole, alcuni organismi acquatici che vivono sul fondo, e così via). fonti di luce naturale sono molto importanti per l'uomo e gli altri organismi viventi.

Tipi di sorgenti di luce artificiale

Perché abbiamo bisogno di loro? Immaginate come cambiare la nostra vita senza tutti i soliti lampada, la luce di notte, e dispositivi simili. Qual è lo scopo della luce artificiale? Nella creazione di un ambiente favorevole e le condizioni di visibilità umana, mantenendo in tal modo la salute e il benessere, ridurre l'affaticamento degli occhi.

sorgenti artificiali possono essere divise in due, piuttosto esteso, il gruppo:

  • Generale.
  • Combinato.

Ad esempio, un primo gruppo di tutti i lotti di produzione dello stesso tipo sono sempre lampade illuminate, disposte alla stessa distanza l'uno dall'altro e la stessa potenza della lampada. Se parliamo del secondo gruppo, poi ha aggiunto a quanto sopra alcuni infissi che si distingue qualsiasi superficie di lavoro come un tavolo o di una macchina. Queste risorse aggiuntive sono chiamati illuminazione locale. Allo stesso tempo, se usiamo solo copertura locale, interesserà notevolmente la fatica, ma il risultato sarà una riduzione di efficienza, inoltre, possibili incidenti e infortuni sul lavoro.

Lavorando in servizio e l'illuminazione di emergenza

Se consideriamo la classificazione delle sorgenti artificiali in termini di funzionalità, è possibile distinguere i seguenti gruppi:

  • lavoro;
  • casa;
  • Emergenza.

Ora un po 'di più su ogni. Fari di lavoro sono ovunque, in cui è necessario mantenere la salute delle persone o per l'illuminazione della via per la venuta del trasporto. La seconda classe di luce inizia a funzionare dopo il tempo di lavoro. è necessario Quest'ultimo gruppo di mantenere il funzionamento della produzione in caso di disconnessione del (di lavoro) fonte principale di luce, è minimo, ma è in grado di sostituire temporaneamente le luci di lavoro.

lampada incandescente

Nel nostro tempo, per coprire i siti di produzione che utilizzano lampade ad incandescenza dei seguenti tipi:

  • Alogena.
  • Scarico.

E che cosa è che una tale lampada ad incandescenza? La prima cosa che si dovrebbe prestare attenzione – che si tratta di una sorgente elettrica, e la luce che vediamo attraverso il corpo rovente, chiamato corpo filamento. Precedentemente (nel XIX secolo) corpo incandescente era fatto di una sostanza come tungsteno, o una sua lega. Ora è in fibra di carbonio più accessibili.

Tipi, vantaggi e svantaggi

Ora l'industria produce un gran numero di differenti lampadine, tra i quali i più popolari:

  • Vuoto.
  • Lampade con ripieno krypton.
  • Coiled-coil.
  • Riempito con un gas misto di argon e azoto.

Consideriamo ora l'ultima domanda, che si riferisce ad incandescenza lampade, vale a dire i vantaggi e svantaggi. Pro: sono poco costosi da produrre, sono piccole, se sono inclusi, non c'è bisogno di aspettare fino alla pausa nella produzione di lampadine a incandescenza non utilizzare componenti tossici, funzionano come una costante, così e corrente alternata, è possibile utilizzare il dimmer, buona senza problemi funzionamento anche a temperature molto basse. Nonostante questo grande numero di vantaggi, ci sono ancora svantaggi: non sono molto luminosa, la luce ha una tinta giallastra, molto calda durante il funzionamento, portando talvolta al fuoco a contatto con il materiale tessile.

lampada a scarica

Tutti loro sono divisi in lampade ad alta e bassa pressione, la maggior parte di loro lavorano sul vapori di mercurio. Hanno sostituito le lampadine a incandescenza, a cui siamo così abituati, ma lampade a scarica hanno una massa di svantaggi, uno dei quali abbiamo già detto, ed è l'occasione per il veleno del mercurio, anche qui possiamo includere rumore, sfarfallio, portando a più di fatica, lineari spettro di emissione e così via.

Queste lampade che possono servire fino a venti mila ore, ovviamente, se la lampadina è intatto, e la luce emessa da esso, ha sia un caldo o bianco neutro.

L'uso di fonti di luce artificiale è abbastanza comune, per esempio, lampade a scarica, e molto spesso ancora usato in negozi o uffici, illuminazione decorativa o artistico, per inciso, è un apparecchio di illuminazione professionale, non è anche senza una lampada a scarica.

La produzione di lampade a scarica di gas è molto comune, che porta ad un gran numero di specie, il più popolare vedremo ora.

lampada fluorescente

Come detto è un tipo di lampada a scarica. Vale la pena notare che essi sono spesso utilizzati per la sorgente di luce primaria, lampadine fluorescenti sono molto più potente e quindi consumano la stessa potenza. Poiché abbiamo già avviato un confronto con lampade ad incandescenza, è opportuno seguente fatto – la vita di fluorescenza può superare venti volte la durata delle lampade ad incandescenza.

Per quanto riguarda le loro specie, il più propensi a usare una lampada al mercurio, tube-like, e l'interno e sono vapori di mercurio. Si tratta di una fonte molto economico di luce, che è comune nelle istituzioni pubbliche (scuole, ospedali, uffici e così via).

Fonti di luce naturale e artificiale, i cui esempi abbiamo preso in considerazione, sono essenziali per gli esseri umani e le altre creature viventi sul nostro pianeta. Le risorse naturali non ci permettono di perdersi nel tempo, e la cura artificiale sulla nostra salute e il benessere delle imprese, riducendo la percentuale di incidenti e di decessi.