304 Shares 3881 views

Soffrendo come parte di una persona.

Ciao, lettore. Voglio condividere con voi i miei pensieri su un argomento simile alla sofferenza. Probabilmente, ognuno di noi almeno una volta nella mia vita, sperimentando la sofferenza morale o fisica, ha chiesto la domanda: "Perché questo è tutto per me?". Ma nessuno ha mai pensato all'essenza della sofferenza. Cercherò di spiegare la mia idea ..


EhY credono che la sofferenza sia necessaria, è una parte integrante di una persona. Sperimentando la sofferenza, una persona va a un nuovo livello di autogestione. Darò un esempio banale: un ragazzo va in palestra. E un giorno pensa: "Vieni, sono così stanco, e ancora da affrontare, non vado oggi", e qual è il risultato? Sì, per un breve periodo di tempo si è dato piacere – si riposa, giaceva sul divano e non ha fatto niente, ma cosa succede dopo? Non si sviluppa da questo. D'altra parte, se andasse in palestra, sarebbe stanco, ma avrebbe senso, i suoi muscoli crescerebbero. Allo stesso modo, per lo sviluppo spirituale dell'uomo, per svilupparsi, è necessario superare, sperimentare ogni sofferenza.

Poco si discosta dall'argomento. Ho un amico, ha recentemente rotto con una ragazza. E un paio di giorni fa è venuto da me e ha detto: "Sono ammalato, ho bisogno di aiuto. Sì, a volte piangere di notte, ma non ho paura di ammetterlo". Sai, c'è un tipo di gente che dice: "Oh , va ' , dimentica". Dimentica questa sofferenza. " Ma perché dovrei dimenticare e cercare di nascondere, se mi sento male? Io meglio "soffrirle" ora che non si accumulerà, e poi non tutti possono far fronte a questo accumulato. La gente ha paura delle loro sofferenze, credo che la cosa più importante è non cercare di scappare da loro.

A volte una persona non può decidere per se stesso e ha bisogno di aiuto, per così dire, "spingere il ponte". Porta anche un esempio banale: un tossicodipendente. Sa che se smette di prendere droghe, dovrà soffrire e, naturalmente, non può decidere per se stesso, ma rende conto che è necessario per lui. Dico che tutto è piuttosto esagerato, ma spero che la mia idea sarà così chiara. Qui è necessario "spingere".

Un altro punto molto importante. C'è una differenza tra la compassione e la pietà. In nessun caso è possibile aiutare completamente una persona a uscire dalla sua sofferenza, quindi stai facendo un "disservizio" – è un peccato. In questo caso, una persona si abitua semplicemente ad aiutare e poi semplicemente non riesce a far fronte a se stesso. È molto importante che egli impara a farlo. Ma c'è un inconveniente. È anche necessario non perdere il momento in cui una persona ha veramente bisogno di aiuto quando già indica alcune frasi quando legge nei suoi occhi: "Vieni, adesso ho bisogno del tuo aiuto, va '." Questa è la vera arte – in realtà catturare il mezzo d'oro, per prendere il momento in cui una persona ha bisogno del tuo aiuto.

Nella mia vita c'è stato un periodo in cui sono quasi suicida e se non mi hanno aiutato allora, forse non avrei scritto qui, forse avrei davvero commesso un suicidio. Non so cosa sarebbe successo. Di solito tali persone emergono da nessuna parte, non si guardano in modo specifico per strada, non si incontrano in reti sociali, appaiono e ti trascinano da lì quando ne avete veramente bisogno. A volte queste persone non esistono nemmeno in realtà, possono essere i personaggi dei film, dei libri – non importa. La cosa principale è che dovrebbero essere.

Grazie per la tua attenzione, lettore. Ti amo. E puoi sempre avere persone che potrebbero aiutare.