129 Shares 2368 views

Caratteristiche di Oblomov. La vita o l'esistenza?

Il romanzo "Oblomov" Ivan Aleksandrovich Goncharov è stato scritto nel periodo del feudalesimo, la società era piuttosto malmesso – proprietari terrieri e contadini, nobili e poveri, nobili e popolani. Chi non deve preoccuparsi di loro pane quotidiano, e poteva stare a letto fino a mezzogiorno. Così fortunati trasformato Oblomov Ilya Ilyich, ancora giovane, trentadue anni. Ritratto caratteristica Oblomov non è grande: piacevole volto, ma i suoi occhi erano molto preoccupazione, né scintille, né l'inferno, è trentadue anni, allora. L'intero corpo è morbido, mani coccolati bianco e grassoccio.


Avendo ricevuto dalla tenuta defunto di suo padre e la madre, e più di trecento servi ereditato, Ilya Ilyich stabilì a San Pietroburgo, in pieno centro, in uno spazioso appartamento. Non ho cavalcare nel nome, era molto lontano, e non volevo. Tutte le opere in un palazzo a distanza hanno cominciato a riempire il capo. In un primo momento tutto è andato bene, i ricavi c immobiliare è più che sufficiente a coprire tutte le esigenze vitali del giovane scudiero. Ma poi il sindaco ha iniziato a inviare lettere con denunce di cattivo raccolto e altre disgrazie. Il denaro è diventato sempre meno ogni anno. Chiunque sarebbe chiaro che il controllo malafede sì podvorovyvaet e Oblomov non credevano, ma lamentato il fatto che la siccità si asciuga il grano nei suoi campi. Breve descrizione del Oblomov: credulità mescolato con l'indifferenza per la propria vita.

Ha vissuto a San Pietroburgo, Ilya Ilyich Oblomov otto anni, si tratta di qualcosa senza pensare, sì, ho cenato sonno, riluttante ad alzarsi dal divano, vestita con l'aiuto del suo servo, gli anziani Zahara, che nel corso degli anni è diventato un maestro in un unico pezzo. Oblomov caratteristica non sarebbe completa senza una descrizione del vecchio servitore. Era un uomo burbero, un po 'furtiva ed estremamente testardo. Il suo padrone che amava, ma non perdeva mai la possibilità di tirare i suoi nervi. E mentre il vecchio Zahar è stato anche l'inventore pesante, oggi, diciamo che va al cancello e dice a tutti che lui era il proprietario della terza notte non ho dormito, il tutto per una vedova di correre, e l'altra sera da gioco carte ustioni, e anche bere molto, mente incomprensibile.

E il giorno dopo, alla stessa porta, assicura a tutti che il suo padrone era sulle donne che in realtà tre anni non ricordo, ma tutto è addormentato, anche se in un gioco di carte in cui i villaggi, così no. E che tipo di ragazzo questo vino per vedere anche non vuole, non quello da bere! Questo qui era Zahar. Tuttavia, il danno delle sue fantasie era poco, tutti sapevano e Talker se stesso, e che quanto egli aveva. Oblomov e l'orecchio non conduce per sé, è lui ancora che "la vedova di notte" e che "bugia, ma a dormire." Il secondo è proprio quello che è stato più vicino alla verità, Ilya Ilyich dormiva sempre. Era perfettamente sano, se la pigrizia non è considerata una malattia.

Ma Oblomov caratteristica per lui si profila poco lusinghiero. Era letargico, persona sedentaria, non troppo disturbo. Anche se prima di trasferirsi a San Pietroburgo guidato la vita di un giovane uomo ordinario, non è estraneo ai piaceri semplici. Ma a poco a poco rompere e diventare pigro, e il gusto per il movimento è perso, fuori di casa non è venuto fuori nel corso degli anni, la cerchia di amici era piccolo. Sì, ed i suoi amici, non ha messo un centesimo. Entrambi provengono tutti tormoshat, alzarsi, dicono, Ilya Ilyich, ci vanno, in modo da andare qui. E lui, se le temperature dal letto, poi si trovava di nuovo verso il basso.

Nessun interesse per Oblomov, ma aveva un cuore aperto, ed era pronto per nuove esperienze di vita a prendere in prestito, rendendo caratterizzazione di Oblomov poche vittorie. Sleepy-era, sì, ma non assonnata. E una volta, guardando l'albero fuori dalla finestra, anche sperimentato uno shock, che è quello che lascia qualcosa di vivo, fiore e poi cadere. E ogni pezzo di carta – è parte dell'albero della vita, ogni tipo di esigenza. Così ho Oblomov, come la foglia, parte della vita, abbiamo bisogno di senso. Quindi è stata una buona consapevolezza della loro utilità, anche pianto di felicità. E proprio in quel momento la stanza era Stoltz, l'unica persona che era sempre disegnato Oblomov.

Sorprendentemente come Stolz, tedesco di nascita, è stato l'esatto opposto di Oblomov, la natura del business era, impegnati in affari vicino a stato, costantemente è andato a fare commissioni ministri all'estero, ha portato uno stile di vita sano e dormito qualche sciocchezza, cinque – sei ore al giorno. E ora per voi, Stolz a tale irrequietezza palese è stata la "luce alla finestra" per Ili Ilicha. Tuttavia, tutti i tentativi di rendere Stolz e Oblomov più attiva, danno il movimento, ha rotto con successo sul divano Ili Ilicha già cadente, ma ancora forte. E che altro può essere integrato caratteristica Oblomov – lui era inflessibile.

Eppure, una volta che il suo amico Stolz tirato la luce del giorno e ha spinto a visitare Ilyinsky, amici di lunga data. Per ascoltare il canto del divino Olgi Sergeevny Ilinskoy, la figlia del proprietario della casa. Oblomov non voleva eventi sociali, e il canto di una casa. Eppure Ascolto il canto di Olga e andato, l'amore. Poi tutti rivolti in modo che Olga lo amava. E di nuovo si mise a inventare qualcosa, e tutto Porush. Olga bussò, bussò alla porta chiusa dell'anima Oblomovka, e se ne andò. Dopo qualche tempo, è diventata la moglie di Stolz.

Ma Oblomov difficile Ilya Ilyich si spostò di lato Vyborg e si stabilì in un certo vedova che era donna molto sincero e affettuoso. Ilya Ilyich, e la sposò. Ha vissuto per sette anni felici, ed è morto improvvisamente da un ictus, così come il suo medico ha predetto.