717 Shares 5077 views

Dakar – la capitale del Senegal

La città più occidentale del continente africano è la capitale del Senegal, Dakar. La città si trova sulla penisola del Capo Verde, lavato dalle acque dell'Oceano Atlantico. Questo luogo è caratterizzato da un clima abbastanza favorevole, dal momento che la brezza marina ha un effetto rinfrescante tutto l'anno. Il porto di Dakar, fondato nel 1857 dai coloni francesi sulla costa occidentale dell'Africa, attualmente sta compiendo un imponente volume di trasporto internazionale di merci.


La capitale del Senegal è il principale centro politico del paese. Ospita la residenza presidenziale e varie istituzioni di strutture di potere. Come in qualsiasi altra capitale, le imprese industriali, le istituzioni finanziarie, le istituzioni educative ei centri culturali si concentrano a Dakar. La popolazione della Repubblica del Senegal, con capitale di oltre 1 milione di abitanti (con una popolazione di oltre 2 milioni), è etnicamente eterogenea e comprende più di 20 gruppi etnici: Wolof, Fulbe, Serer, ecc. Gli europei (soprattutto francesi) rappresentano circa l'1% del totale popolazione. La capitale del Senegal è il posto dove finisce uno dei più importanti attacchi di rally del pianeta, precedentemente noto come Parigi-Dakar e ora solo Dakar.

Il centro religioso di un piccolo stato africano è anche la sua capitale, Dakar. Il Senegal è un paese musulmano in cui il 90% della popolazione professa l'Islam. Una delle principali moschee della Repubblica del Senegal è nella sua capitale. Il progetto della moschea della cattedrale di Dakar , inaugurato nel 1964, è stato sviluppato da architetti provenienti da Francia e Marocco. Lo stile architettonico dell'edificio, per molti versi, ripete lo stile dei templi musulmani del Marocco e altri monumenti simili dell'architettura islamica. L'altezza della piazza nella sezione della torre è di 67 m. La superficie del minareto è decorata con un semplice motivo geometrico (secondo le tradizioni islamiche). Dal 1974, l'Islamic Dakar Institute sta operando sotto la moschea, che è impegnata nella ricerca e nella propaganda di questa religione.

Le attrazioni principali della capitale includono il Museo d'Arte Africana, chiamato Theodore Monod. La collezione del museo è diversificata e comprende circa 9 mila mostre, indicando un elevato livello di sviluppo dell'arte dei popoli dell'Africa Occidentale. I visitatori hanno l'opportunità di vedere una varietà di maschere cerimoniali (cantante, guerriero, giudice, mendicante, cacciatore), tamburi, figurine sacre, altri oggetti religiosi e rituali. Nell'esposizione del museo, gli oggetti quotidiani sono ampiamente rappresentati: attrezzi agricoli, cesti di vimini, vasi da zucca.

La capitale del Senegal è orgogliosa del fatto che è la più alta statua in Africa – il monumento rinascimentale africano, situato su un'alta collina nel punto più occidentale del continente. L'altezza del monumento, inaugurato nel cinquantesimo anniversario della firma dell'accordo sulla concessione dello stato dell'indipendenza del Senegal dalla Francia, è di 49 metri. Secondo il presidente di questo paese molto povero africano, il monumento, che include statue di bronzo di un uomo, di una donna e di un bambino, diventerà un simbolo della rinascita dei popoli del "continente nero".