802 Shares 7379 views

Il livello di sviluppo economico dei paesi limitrofi in Francia. Con quali paesi confina la Francia?

Oggi parleremo del livello di sviluppo economico dei paesi limitrofi della Francia. Questo è lo stato più grande d'Europa dopo la Russia e l'Ucraina. Oggi il paese è in un'onda di recupero. In esso sono sviluppati settori industriali-agrari.


Tuttavia, un'influenza notevole nell'Unione europea l'uno sull'altro ha Stati confinanti.

A proposito di quali opportunità e problemi ci sono tra i vicini dei francesi, parleremo ulteriormente.

Vicini francesi

Prima di considerare il livello di sviluppo dei paesi confinanti in Francia, vale la pena parlare con chi, di fatto, questo confine statale.

I paesi vicini in Europa sono 8 paesi: Monaco, Andorra, Lussemburgo, Germania, Italia, Svizzera, Belgio e Spagna. Ma ci sono anche tre "vicini d'oltremare" vicini.

Questi paesi confinano con i beni della Francia in America Latina. Soprattutto è un'isola. Tra di loro vale la pena ricordare la Guadalupa, la Martinica, la Riunione e il Mayotte. C'è anche lo stato continentale della Guyana.

Belgio

L'alto livello di sviluppo economico in Belgio ha cominciato a svilupparsi e ad aumentare grazie alle industrie medievali. Non è per niente che questo paese sia stato chiamato "stato del seminario". Le città di Liegi e Anversa sono famose per armieri e maestri del settore di diamanti, la Fiandre è il centro dell'industria tessile in Europa.

In linea di principio, parlando del Regno del Belgio, non si può non menzionare una caratteristica. Fino alla fine della seconda guerra mondiale, vi era una chiara divisione dell'industria in tutte le regioni. Quindi, alcuni erano abbastanza ricchi, la popolazione di altri aveva redditi più modesti.

Dal 1945, soprattutto grazie alla dottrina di Galopin, c'è una forte crescita economica dello stato. Praticamente ovunque ci sono fabbriche di industria leggera, in Fiandre l'industria di raffinazione inizia a svilupparsi, Anversa diventa il terzo porto più grande d'Europa. Inoltre, la sede della NATO e di altre comunità sono trasferite a Bruxelles.

Il paese ha sperimentato due recessioni. Nel 1980-1982, quando il disavanzo di bilancio raggiunge il livello del 13% del PIL, il debito dello Stato è aumentato in modo significativo, così come la disoccupazione. La seconda recessione si è verificata nel 1992-1993. Nel corso di questa crisi, il prodotto interno lordo del paese è cresciuto di quasi il due per cento.

Ma dal 1994, il livello di sviluppo economico in Belgio ha cominciato ad aumentare. Oggi, il regno sta vivendo una striscia bianca in questa zona. Nonostante la crisi politica del 2007-2010, il PIL sta crescendo e il disavanzo di bilancio e la disoccupazione stanno diminuendo.

Oggi, il PIL pro capite oscilla circa 38-40 mila dollari. Secondo la valutazione del 2010, era a livello di 38.700 dollari.

Spagna

Oggi, il livello di sviluppo economico in Spagna è ad alto livello. Secondo le statistiche per il 2012, lo stato è il quattordicesimo posto nella classifica mondiale dei paesi.

Il settore principale dell'economia, tradizionalmente inerente al Regno di Spagna dal Medioevo, era l'agricoltura. La maggior parte delle date, delle mandorle, della canna da zucchero e delle olive sono ancora esportate da questo stato. Sarai sorpreso, ma la resa del riso spagnolo è il più alto su tutto il pianeta. Inoltre, lo stato fornisce elevati volumi di frumento, vino e agrumi. Allo stesso tempo, solo il tre per cento della popolazione in grado di lavorare è coinvolto nella sfera dell'agricoltura.

Ma il ruolo guida di questo ramo dell'economia in questa fase è notevolmente ridotto. Oggi, la crescita rapida si verifica nella produzione di calzature, pezzi di ricambio per automobili, macchine utensili, apparecchiature audio e video, prodotti chimici.

Se parliamo di statistiche internazionali nelle quattordici sfere di produzione, la Spagna è nelle prime cinque di ogni segmento.

Sorprendentemente, il livello dello sviluppo economico in Spagna non è praticamente influenzato dalla disoccupazione. La norma per il Paese è il suo tasso di 8-10%. Per molti paesi questo sarebbe un colpo potente. La Spagna è risparmiata da un livello piuttosto alto di posti di lavoro illegali e da un'economia ombra.

Italia

Il livello di sviluppo economico in Italia è molto diverso a livello regionale. Se le regioni settentrionali sono più sviluppate a scapito delle imprese industriali, allora le regioni del sud sono molto lontane in questo senso. Nelle zone meno sviluppate, l'economia ombra è fiorente.

Il principale flagello dell'economia italiana è in particolare gli immigrati clandestini e tutto l'immigrazione in generale. Le persone vengono qui dai paesi del "terzo mondo" alla ricerca di migliori condizioni di vita. Le regioni meridionali sono considerate particolarmente popolari, poiché lì si può trovare rapidamente un lavoro nel settore dell'agricoltura. I datori di lavoro sono anche soddisfatti di questa situazione. I legali impongono una piccola tassa per i loro servizi in contanti, quindi è possibile effettuare grandi quantità di finanziamenti senza la conoscenza delle autorità fiscali.

Oggi, il livello di sviluppo economico dell'Italia è il terzo posto in Europa. I principali rami che mantengono il paese sono i seguenti: autoveicoli e veicoli a motore, grandi elettrodomestici (frigoriferi, ecc.), Scarpe, vestiti, pasta, olive, formaggio, vino, frutta in scatola.

Oggi il PIL pro capite (dati 2013) è di circa 30.000 dollari. Il tasso di disoccupazione ufficiale fluttua intorno al sette per cento (2006) e all'inflazione – 1,5% (2006).

È grazie alla lunga storia e all'esperienza unica delle imprese del nord Italia che il paese può sopportare una crisi permanente nelle regioni meridionali e un potente flusso di immigrazione legale e clandestina.

Germania

Il livello di sviluppo economico della Germania è il più alto in Europa e il quinto nella classifica dei paesi del mondo. Perde solo di quei giganti come gli Stati Uniti, la Cina, il Giappone e l'India.

Come repubblica post-industriale sviluppata, la Germania riceve la maggior parte della capitale dal settore dei servizi. È in questo settore che c'è un massimo di posti di lavoro. Inoltre possiede il 78% del PIL (per il 2011).

La peculiarità della situazione economica tedesca è il follow-up a lungo termine del modello sociale e del mercato. Questo paradigma comprende la stretta interazione tra sindacati e lavoratori, un tasso d'imposta elevato. La caratteristica principale di tale modello è la politica commerciale e statale posta all'angolo dell'angolo, che assicura lo sviluppo del mercato e la distribuzione più equa della ricchezza.

Da un lato, ha prodotto enormi risultati e ha contribuito alla rapida crescita del paese dopo due sconfitte nelle guerre mondiali. Oggi, il livello di sviluppo economico in Germania è molto alto, ma questo fenomeno ha un lato oscuro.

Un livello molto elevato di imposte genera un gran numero di dipendenti. Per esempio, a metà degli anni '90, le detrazioni fiscali in Germania hanno raggiunto il 65% e negli Stati Uniti – circa il 32%. Secondo le statistiche, 100 dollari sono stati detratti da 100 dollari di stipendio netto per deduzioni alle istituzioni sociali.

Oggi, l'imposta sui profitti non distribuiti è del 50%. Il PIL nel 2013 è di circa 40 mila dollari pro capite, il tasso di disoccupazione è del 5,5% e l'inflazione è del 2,1%.

Svizzera

Continuiamo a considerare il livello di sviluppo economico dei paesi confinanti in Francia. Studiati brevemente furono i grandi vicini, come l'Italia, la Spagna, la Germania. Ora parleremo di piccoli Stati. Il primo è una panoramica della Confederazione svizzera.

Anche se questo paese è abbastanza ricco, è direttamente dipendente dalla politica estera e dalle relazioni internazionali. L'area principale da cui arrivano enormi flussi finanziari è la banca. Fino ad oggi, in Svizzera esistono più di quattrocento banche. Grazie alla neutralità e al segreto del paese per quanto riguarda le informazioni sui clienti, l'afflusso di denaro cresce ogni anno.

Oltre a questa sfera, il livello dello sviluppo economico in Svizzera è influenzato dalle industrie farmaceutiche, chimiche, alimentari, dalla produzione di orologi, formaggi e cioccolato.

Strano come potrebbe sembrare, l'agricoltura è anche importante. Gode di un accordo speciale da parte del governo. Sono gli agricoltori che sono impegnati nella produzione di prodotti ecologici di origine vegetale e animale, sono concessi benefici fiscali significativi.

Sono anche molto sviluppate in Svizzera le sfere dell'assicurazione e del turismo. Quest'ultima, in particolare, porta lo stato più di un miliardo e mezzo di franchi l'anno.

Lussemburgo

In questo articolo, consideriamo il livello di sviluppo economico dei paesi confinanti in Francia. Ora stiamo parlando di un piccolo stato, che occupa una delle posizioni principali in termini di sviluppo e prosperità della popolazione.

Il Ducato occupa una superficie di soli due mila e mezzo chilometri quadrati. La popolazione è di circa mezzo milione di persone. Ma il PIL pro capite è di circa 129 mila dollari.

L'industria principale, che colpisce il livello di sviluppo economico a Lussemburgo, è l'industria pesante. In particolare, fino al 1997 il fatturato massimo è stato realizzato dalla metallurgia e dalla produzione di acciaio. Oggi, non funziona l'altoforno, l'acciaio viene riciclato da rottami.

I redditi fondamentali che la popolazione riceve dalla sfera del servizio, del turismo, della banca e del commercio. Più di metà della popolazione attiva del duchese è impiegata in questi settori.

Il turismo è dominato da due aree – resort e sentieri per lo slittino. Nell'ambito della finanza, l'offshore è il più attraente. Pertanto, nel duchese di Lussemburgo ci sono più di duecento banche internazionali.

Con un così alto sviluppo, stranamente, l'agricoltura continua ad esistere. I più tradizionali sono i seguenti rami: bestiame, uva e orticoltura.

Monaco

Se cerchiamo di capire con quali paesi confini la Francia sulla solita mappa politica d'Europa, è possibile non notare due stati, di cui parleremo ulteriormente.

Il primo di questi è il Principato di Monaco. È un piccolo paese, uno dei più piccoli in Europa. La sua area è a soli due chilometri quadrati, e la popolazione è di circa 36 mila persone. Il PIL pro capite è di 170 mila dollari.

Dove questo piccolo stato ha un grande volume di capitale? Vediamo di più questo dettaglio.

Come abbiamo detto in precedenza, il livello di sviluppo economico dei paesi limitrofi della Francia dipende principalmente dall'industria, dall'agricoltura, dai servizi e dalle banche.

Ma in questo piccolo stato c'è così poco spazio e molti abitanti che né l'industria né qualsiasi altra produzione di beni sarebbero semplicemente in grado di fornire finanziariamente il paese.

Nel Principato di Monaco si sviluppano solo le sfere di intrattenimento e turismo dell'economia. Ecco alcuni dei più ricchi casinò del mondo (nella città di Montecarlo), così come lo stadio della corsa "Formula 1".

Oltre a queste aree, il reddito viene anche dalla copertura della vita della famiglia dei principi nei media e del turismo d'elite. L'alloggio a Monaco è considerato il più costoso del mondo. Ad esempio, affittare un appartamento con una camera da letto oscilla circa 4.000 euro al mese, con un salario medio di 3200-3500 euro. E il costo per metro quadrato di immobili in vendita inizia da 20 000 euro.

andorra

Se si guarda alla mappa politica, con i paesi che confina con la Francia, non si può notare questo principato nano sul confine con la Spagna. Il territorio di Andorra occupa solo 468 chilometri quadrati. La popolazione è di circa 70 mila persone. PIL – media di 35.000 pro capite.

L'80% del prodotto interno lordo del paese è fornito dal settore del turismo. Ogni anno circa nove milioni di persone vengono qui, la parte principale attratta dalle stazioni sciistiche.

Solo circa il 2% del territorio è adatto all'agricoltura. Crescere in patate Andorra, orzo, tabacco e segale. Non c'è da meravigliarsi che il nome della lingua basca venga tradotto come "desolato".

Il principale problema del Principato di Andorra è che il livello di sviluppo economico dei paesi confinanti – Francia e Spagna – influenza direttamente la sua posizione. Questa situazione è dovuta al fatto che questo stato di dwarf importa cibo e materie prime.

I vantaggi indubitabili sono una politica fiscale morbida, un intervento minimo nell'economia da parte dello Stato. Quest'ultimo, in particolare, offre agli imprenditori un'opportunità di agire con quasi nessuna restrizione.

Anche qui è la zona del commercio duty-free. Pertanto, nel Principato di Andorra, dopo aver raggiunto un centro sciistico locale, è possibile acquistare prodotti di qualità francese e spagnolo a un costo del 25-40% in meno rispetto ai loro prezzi negli stati vicini.

Vicini "d'oltremare"

Alla fine menzioneremo gli stati che confinano con i possedimenti d'oltremare della Francia. Questi includono Brasile, Suriname e le Antille.

Il Brasile è un gigante economico riconosciuto in America Latina. Essa occupa una posizione di leader nel Mercosur (il mercato unito del Sud America). Il fuoco principale dell'industria sono le regioni meridionali. Producono aviazione, automobili, acciaio, caffè, zucchero, scarpe, stoffa e altri beni.

La popolazione delle regioni nordorientali è molto più povera. Tuttavia, queste città stanno cominciando ad attirare grandi investimenti a causa del miglioramento della politica economica del Paese.

A differenza del gigante precedente, Suriname è il paese più povero dell'America Latina. L'economia dello stato si basa sull'industria e sull'agricoltura.
Produce olio dal fondo marino, bauxite, oro e alluminio. Tagliano la foresta.

Crescere le noci di cocco, il riso, le arachidi e le banane. Ci sono agricoltori coinvolti nell'allevamento di bestiame e pollame.

Complessivamente, secondo fonti ufficiali, circa un quarto della popolazione abile del paese è coinvolto in queste aree.

Le Antille Olandesi sono considerate le più antiche offshore del mondo. Questo stato vive a spese dei servizi, la trasformazione e il trasporto di prodotti petroliferi, nonché la riparazione delle navi.

Così, in questo articolo abbiamo analizzato la situazione economica in cui si trovano i paesi limitrofi della Francia.

Buona fortuna a te, cari amici. Viaggi più spesso!