387 Shares 2052 views

Favole di Leonardo da Vinci. Cosa c'è di fiaba scritta da Leonardo da Vinci?

Il nome di Leonardo da Vinci spesso associato con l'arte fine – dopo tutto, le opere di questo grande artista è giustamente considerato l'epitome del Rinascimento italiano. Per l'uomo medio della strada del famoso italiano – primo autore della celebre Monna Lisa, il cui sorriso è da tempo diventato un concetto familiare.


Una persona di talento è talento in ogni cosa

Non tutti sapevano e sanno che Leonardo ha dimostrato di essere persona straordinariamente dotato in molti settori – e interessati alle meccanica e anatomia. Genius possiede un certo numero di idee, molto più avanti del suo tempo.

Come master dilettato in forme diverse, non c'è nulla di sorprendente nel fatto che essi erano i suoi e le esperienze letterarie che brillante italiano, a quanto pare, non era intenzione di dare al pubblico: molte storie e le favole di Leonardo da Vinci ha scritto per il proprio piacere.

I tentativi di scrittura sono stati trovati solo dopo la sua morte, e subito scoperto che una persona di talento è talento in tutto davvero. La scrittura è la prosa brillante, sono concisi, originali e preciso. L'autore non ha imitare predecessori, preferendo di trovare i propri mezzi di espressione – e sempre riuscito.

Leonardo da Vinci nella letteratura

Le opere letterarie di genio sono molto diverse: ci sono descrizioni della natura, e le note umoristiche, e di puzzle anche costruita ad arte. Molto interessante e fiaba originale di Leonardo da Vinci, a volte indicato come parabole: le immagini in loro brillanti e inaspettati, un confronto apt, il che significa – in profondità. L'autore non ha limitato la loro immaginazione uno stile strano (per esempio, è diventato un devoto di lingua Esopo). eroi favole incoraggiare la diversità: riflessioni indulgere in entrambe le persone e gli animali, e persino oggetti inanimati.

Nelle sue opere, il grande artista (e, come si è scoperto, favolista) indirizzata a una serie di problemi: sembra che sia progettato in modo intelligente e le conclusioni raggiunte nel corso di molte speculazioni, e uno schizzo di un'intuizione improvvisa, visitare l'autore del. Tutte le favole di Leonardo da Vinci non piace a vicenda. Heroes, le situazioni sono sempre diverse moralità. A volte l'uscita è in superficie, a volte il prodotto consente a diverse interpretazioni. Essi sono uniti solo innegabile talento e divertente: leggere questo breve parabola almeno interessante.

Per conoscere, è necessario essere interessato a

Le Favole curriculum di Leonardo da Vinci non sono inclusi, ma sono spesso utilizzati da dei quiz intellettuali degli autori. Resta inteso che la persona il cui livello di istruzione è superiore alla media, dovrebbe essere a conoscenza dei grandi esperimenti letterari italiani. Ebbene, essi sono naturalmente, il costo.

Al centro di quasi tutte le favole di Leonardo da Vinci – la giustizia. In nome di raggiungere eroi provenienti sconveniente, sono intrappolati. E anche a volte sono mangiati (lo sfortunato roditore della favola "Il mouse e l'ostrica", cercando di divorare l'inganno di molluschi, e invece si è trovato nello stomaco del gatto).

L'idea di retribuzione

In genere, le vittime sopravvissute disposto ad accettare che essi sono stati puniti in base al merito (un mercante da una favola di Leonardo da Vinci sui monaci).

L'essenza del prodotto è la seguente: droghiere furbo, ricordando due membri erranti del clero che hanno carne in Quaresima durante la Quaresima è inaccettabile (la carta non lo permette), personalmente affrontato il pollo, che dovrebbe essere diviso in tre. monaci erranti non assomigliavano un mercante che i viaggiatori sono ammesse deroghe, e ha insegnato un mascalzone lezione.

Uno di loro ha preso di trasferire il commerciante di là del fiume, ho trasmesso a metà e lo gettai in acqua – bagnato e bagagli, e scarpe, vestiti e buttafuori. Monk ha spiegato la sua azione Gesuiti: che la Carta non permetterà di trasportare i soldi (e sono rappresentante di commercio, ovviamente, erano). La morale della favola di Leonardo da Vinci su monaci è semplice: per tutti i trucchi possono essere seguita da una retribuzione equa, come mostrato da un trucco – a rivoltarsi contro chi ricorre ad esso.

La fiducia che può disarmare

L'idea di retribuzione, in linea di principio, non è nuovo: tali pensieri facilmente reperibili in altri autori. Ma da Vinci nei suoi indirizzi di lavoro e altri aspetti della vita, a volte del tutto inaspettato. Tutti ricordano favola di Krylov "Il lupo e l'agnello", in cui il predatore grigio mangia il bambino sfortunato, sostenendo che esso semplicemente: "Tu sei la colpa di molte cose che voglio mangiare."

Nonostante l'allineamento iniziale dei personaggi (il predatore e la preda), si tratta di un significato completamente diverso nell'opera di Leonardo da Vinci. Fable "Il leone e l'agnello" – schizzo breve e succinta di un esito piuttosto inaspettato. L'autore sostiene che anche il predatore più feroce può disarmare la fiducia e l'innocenza. A differenza di Krylov lupo, leone da Vinci non poteva tradire la fiducia della piccola creatura ed è rimasto fame.

E 'improbabile che la finale di questa favola di Leonardo da Vinci può essere considerato tipico o si basano su qualcosa di simile nella vita di tutti i giorni: dopo tutto, la vulnerabilità di una persona può essere disarmato soltanto un cuore molto nobile. Tuttavia, è del tutto possibile che l'autore non è vana ha scelto la protagonista funziona esattamente il leone: chi e mostrare la grandezza dell'anima, se non il re degli animali?

Senso dell'umorismo

Altre parabole maestri dimostrare quanto profonda e peculiare senso dell'umorismo aveva un Leonardo da Vinci: la favola "ricchi e poveri", per esempio, ci attira verso l'artigiano, il quale dopo la visita di una giornata di duro è fissato connazionale vivere nel lusso. Quando finalmente ha chiesto il motivo per il frequente (e silenzioso) visite, operaio quasi beffardamente gli ha detto che viene a beneficiare delle condizioni in cui il proprietario della casa vive al fine di "alleggerire". Egli simpatizza a fondo con l'uomo ricco, di avere un posto dove andare per lo stesso scopo, perché intorno ad alcuni poveri vivono.

Il significato di questo lavoro non è evidente. Non è chiaro che cosa sta per dire ai lettori di Leonardo da Vinci. Fable "ricchi e poveri" chiama "take away e dividere", secondo il principio di una persona cara alcuni dei rivoluzionari? O semplicemente godersi l'artigiano ingegno? Esso contiene un'idea ragionevole, che è molto più piacevole di essere circondato da persone di successo? O forse l'autore sta cercando di trasmettere al lettore quanto sia importante – essere in grado di contemplare la bellezza?

Bellezza e bontà – non sono identici

Il valore degli aspetti estetici della vita Da Vinci certamente comprendere. Dopo tutto, è giusto dire che lui stesso era nella creazione della bellezza ha giocato un ruolo diretto. Tuttavia, la propensione a divinizzazione incondizionata della bellezza grande artista non rileva: riconosce che può essere consumato e la cattiva azione.

Testimonianza di questo è un altro celebre opera di Leonardo da Vinci: la favola "Panther", in cui la scimmietta ammira il magnifico panno pericoloso predatore. La madre spiega che con l'aiuto di luoghi incantevoli, simili ai fiori insoliti, assassino astuto attirando vittime credulone: in tal modo, la bellezza non è necessariamente una buona – riassume il Leonardo da Vinci. Fable "Panther" ci dice di un'altra conclusione: il grande maestro non fosse estraneo alla riflessione etica. Spesso si riferisce alla moralità e l'etica – e nella sua performance, questi concetti molto cristiana.

Presenza di spirito e del Lavoro

Più spesso, da Vinci riflette sui benefici e manodopera grandezza, che non crede umiliante per un uomo, ma una necessità. La conferma può servire come una favola del rasoio, che brillava al sole e ha ottenuto una falsa idea di se stessi, Dio sa cosa. Rifiutarsi di lavorare nel negozio di barbiere (per la rasatura guance insaponato di qualcuno indegni del suo splendore), era coperto di ruggine – e amaramente pentito, rendendosi conto di quanto sia importante il lavoro della vita. Basta – chiarisce ulteriormente l'autore – la mente umana, senza l'uso di ruggine.

La ragione, il frutto del suo lavoro in generale altamente di Leonardo da Vinci: la favola "carta e inchiostro" racconta la storia che su di esso. stupido pezzo di carta, cercando di preservare la sua purezza incontaminata, accusa il calamaio che era colpa sua che era "macchiato". Convenuto ragionevolmente sostiene che non si tratta di un testo e scarabocchi, ei messaggi della mente – e si scopre a destra. Avendo trovato la carta sul tavolo – un ingiallito, polveroso, non è più adatto per la scrittura – uomo getta via lenzuola pulite, lasciando solo uno -. Quello con i record, riconoscendo il valore di questa "mente il messaggio"

La stupidità e il genio è incompatibile

A quanto pare, la brillante mente italiana non solo apprezzato, ma anche disprezzo per le manifestazioni della stupidità umana. L'opera si chiama "lingua e denti" classifica come i recenti segnali di mente e loquace – un orso senso dipinti da favola di Leonardo da Vinci: Pensate prima, poi parlare. La parabola descrive un conflitto tra i denti e la lingua all'infinito sproloquio che, nonostante tutti gli avvertimenti, zavralsya, gape ed è stato meritatamente punito: denti mordevano la loro anima da lui.

Dal momento che sogghigna inventate da favola di Leonardo da Vinci, "pensare prima, poi parlare" – il motto del parlatore. La paura di essere morsi, ha finalmente cominciato a comportarsi decentemente.

Hollywood "lieto fine" inventato da Vinci

Devo dire che un lieto fine, quasi tutte le favole di Leonardo da Vinci: la giustizia prevale, la stupidità, l'astuzia e l'avidità vergogna, le lezioni sono gli eroi del beneficio, ecc A quanto pare, il grande maestro era un uomo molto luminoso e ha creduto nella vittoria della ragione – di stupidità .. luce – sulle tenebre, bene – sul male.

La maggior parte delle sue conclusioni sono abbastanza trasparenti e posizioni etiche sono a disposizione di tutti. Internazionalmente riconosciuto genio "essere saggio furbo." La morale di molte favole in modo chiaro e persino banale: al lavoro – buono. Imbrogliare e guizzo – male. Credo che – bene. Greedy – indegno.

Il Velikogo Leonardo ha qualcosa da imparare non solo a persone che si sono dedicate all'arte. Nella sua vita e di lavoro per trovare se stessi un favore e sfogare qualsiasi persona.