175 Shares 3812 views

scuola neoclassica del monetarismo


Con l'avvento del lavoro della "teoria generale del denaro, l'occupazione, e la percentuale di" molte domande del nostro tempo di Keynes, sembrerebbe essere stato risolto. Il lavoro ha identificato le cause della crisi economica, l'instabilità macroeconomica, ha ricevuto metodi di studio per mantenere lo sviluppo economico, la politica monetaria necessaria e l'organizzazione di investimenti. Allo stesso tempo, nel campo politico keynesismo è diventato una sorta di "ponte" collega in modo sicuro e economia socialista di mercato con l'aiuto della forma del semplice principio di "quota statale" nel processo di regolamentazione. Così, le idee di Keynes' sono organicamente inseriscono nel concetto di una graduale convergenza del sistema socialista e di mercato.

Tuttavia, questi approcci non hanno trovato sostegno e comprensione degli aderenti ortodossi del libero mercato, contribuendo al restauro di giustizia sociale e di equilibrio economico. critica attiva del keynesismo è venuto dai primi seguaci dei classici, come Smith, Malthus e altri, e poi dai loro successori nei secoli 19-20 (Pigou, Marshall, Menger). Questo ha funzionato fuori a critici del concetto aggiornato. Così, ha cominciato a formare un neo-classica teoria economica.

L'oggi più comune e ragionevole è la dottrina del monetarismo. Al secondo posto è il significato della dottrina delle offerte economia. E 'anche considerato una delle aree di insegnamento.

scuola neoclassica di economia, che è considerato un leader riconosciuto Friedman promuove i principi del liberalismo e del libero mercato. Nei suoi scritti, il professor critica duramente il totalitarismo e la limitazione dei diritti umani.

scuola neoclassica del monetarismo è stato formato dopo una piuttosto lungo studio della politica monetaria americana Friedman. Il professore ha concluso che l'unico denaro ha valore. Il denaro, a suo parere, – è la quintessenza del sistema economico. Ciò ha portato nel nome dell'insegnamento – monetarismo. Questa scuola neoclassica di sviluppare l'idea, che era basato sul concetto di monetaria quantitativa Fisher. Friedman attribuito grande importanza per regolare la quantità di denaro in circolazione. Egli credeva che il modo per portare avanti il cambiamento nel comportamento degli agenti economici.

Friedman, complicando il concetto di Fisher che quando si modifica la quantità di moneta in circolazione cambia e prezzi dedotto le sue equazioni. Nel concetto di base che sarebbe aggiungere ulteriori componenti. In particolare, le sue equazioni contengono ulteriori variabili come il tasso di legame di interesse, il tasso di variazione del livello dei prezzi, il reddito su azioni e alcuni altri parametri. Così, la scuola monetarista neoclassica per sostenere la loro posizione, che aveva differenze significative rispetto interpretazioni keynesiane.

Friedman ha creduto che il motivo principale del reddito nominale (in contanti) auspica un cambiamento nella circolazione del denaro. In questa relazione che esiste fra la prima e la seconda manifesta con un certo ritardo (latenza).

Così, riducendo la quantità di denaro volume di produzione viene ridotto dopo sei a dodici mesi. Poi, dopo il verificarsi del divario tra effettivi e potenziali volumi di produzione di una riduzione del livello di prezzo, di regola, dopo sei o dodici mesi.

Come risultato della dimensione lag – circa 1-2 anni. Lo stesso ritardo si verifica tra la variazione della quantità di denaro e un indicatore di interessi bancari. Aumentare la prima riducendo il tasso iniziale del secondo, che è associato con il desiderio dei proprietari di "eccesso" della finanza per sbarazzarsi di loro (Finanze). Come risultato, si mette a comprare obbligazioni ad un importo costante che è segnalata aumento dei prezzi, riducendo la percentuale della banca.

Una certa parte della "eccesso" della finanza sarà utilizzato per l'acquisto di beni di consumo e di investimento, altri tipi di titoli. Tutto questo ha un effetto stimolante sul aumento di attività di business. Questo è il concetto di base che promuove la scuola neoclassica del monetarismo.