695 Shares 6953 views

Spazio economico europeo: formazione, partecipanti e relazioni con la Comunità economica eurasiatica

Lo Spazio economico europeo (o SEE) è stato istituito nei primi anni '90. L'idea di unire l'Europa letteralmente è salito nell'aria e nelle menti di importanti politici di quel tempo dagli anni '20. La serie di conflitti ha spinto la creazione effettiva dell'unione nella sfera dell'economia per un periodo piuttosto lungo. Ma i processi di unificazione sono stati in gran parte attivati subito dopo la seconda guerra mondiale. Oggi il SEE è un settore distinto nell'economia mondiale, ma per molti aspetti inferiore alla Comunità economica eurasiatica (Comunità economica euroasiatica).


Storia della formazione dell'unione economica

La creazione dello Spazio economico europeo è strettamente connessa alla formazione dell'Unione europea nel suo complesso. La formazione dell'Unione europea è legalmente sancita nel contratto legale del 1992. Ma la creazione dell'Unione Europea e della zona economica furono precedute da diverse organizzazioni e concetti di unificazione più disparati espressi da importanti politici, sociologi ed economisti del primo e medio secolo.

Così, nei primi anni '20, la parola "Stati Uniti d'Europa" apparve nella stampa tedesca. Un anno dopo, il filosofo austriaco promuove la creazione di un'organizzazione paneuropea e uno dei ministri francesi di alto rango nel 1929 invita i cittadini e gli apparati statali ad aderire all'Unione federale europea.

Negli anni successivi alla guerra, una dopo l'altra, emergono nuove alleanze e associazioni: il Movimento per un'Europa unificata, l'Unione europea di pagamento e l'Unione europea, Euroatom, l'Associazione europea di libero scambio e la Comunità economica europea, che sono i precursori del SEE moderno. Allo stesso tempo, tutte le organizzazioni hanno poca connessione tra loro, nessuna di esse unisce tutti i paesi europei.

Sono venuto al sistema comune un po 'più tardi, ma non era perfetto neanche. Negli anni '60, l'Europa è stata unita da un mercato comune e dalla politica agricola e, nei circoli più alti, comincia a formare un'unione monetaria e una riorganizzazione economica. I piani per i politici sono grandiosi, ma ad oggi l'SEE non è ancora una organizzazione così influente per regolare tutti gli aspetti delle relazioni economiche tra i paesi partecipanti.

Attività del SEE e dei paesi partecipanti

Fino ad oggi, lo Spazio economico europeo ha 28 paesi dell'UE, così come la Norvegia, il Liechtenstein e l'Islanda – tre su quattro (+ Svizzera) membri dell'Associazione europea di libero scambio. La Svizzera non entra legalmente in SE, ma il paese ha tutti i diritti e gli obblighi del membro dello Spazio economico europeo. I paesi partecipanti sono inoltre completati da San Marino, Andorra, Monaco e dal Vaticano, che de jure non sono membri dell'unione, ma a causa dell'associazione con la Spagna, l'Italia e la Francia sono effettivamente situati nel territorio del SEE. L'elenco dei partecipanti ha subito poche modifiche dopo l'istituzione dell'organizzazione nel 1992 e l'avvio effettivo del lavoro nel 1994.

Di conseguenza, lo Spazio economico europeo comprende:

  • Paesi dell'Unione Europea: Gran Bretagna, Grecia, Germania, Austria, Ungheria, Danimarca, Italia, Irlanda, Spagna, Cipro, Lussemburgo, Lettonia, Lituania, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Polonia, Romania, Belgio, Bulgaria, Slovacchia, Slovenia, Croazia, Repubblica ceca, Svezia e Estonia;
  • Tre stati dell'associazione di libero scambio: Norvegia, Liechtenstein e Islanda;
  • Andorra, il Vaticano, Monaco e San Marino, che fanno parte del SEE solo territorialmente, non dispongono dei diritti e degli obblighi dei paesi partecipanti (ad eccezione del diritto dei cittadini di questi stati di lavorare in alcuni paesi dell'UE).

Le attività dell'organizzazione sono finalizzate alla formazione e alla manutenzione di un mercato comune, che prevede: il libero scambio e la prestazione di servizi, la libera circolazione del capitale e delle risorse finanziarie (compreso il lavoro). La legislazione degli Stati dello Spazio economico europeo viene portata al generale in materia di ecologia, commercio, politica sociale, regolazione dell'opera di persone giuridiche e individui e statistiche.

EEZ e Russia, EurAsEC

Lo Spazio economico europeo è per una serie di ragioni una entità meno integrata rispetto all'EurAsEC in collaborazione con l'Unione doganale e l'Organizzazione di cooperazione CACO (Paesi dell'Asia centrale).

La libertà di cooperazione economica e l'instaurazione di relazioni commerciali tra i partecipanti sono l'obiettivo principale definito dallo Spazio economico europeo. La Russia, in alleanza con il Kirghizistan, il Kazakistan, la Bielorussia, il Tajikistan e l'Uzbekistan (tra il 2006 e il 2008), nonché i paesi osservatori che l'Ucraina, la Moldavia e l'Armenia hanno in diversi tempi, formano confini comuni doganali e generano tariffe comuni, Prezzi e politica economica estera.

Il potenziale di EurAsEC è oggettivamente più significativo di quello dello Spazio economico europeo. Soprattutto l'affermazione si riferisce alle materie prime, alle risorse naturali e al fattore demografico. Le prospettive di ulteriore sviluppo della Comunità economica eurasiatica e dell'unione doganale, nonché del CACO, sono molto più ottimistiche del futuro dell'organizzazione europea. Lo Spazio economico europeo è un'entità chiusa, mentre la Comunità economica eurasiatica è un'organizzazione aperta che attrae l'interesse di molti Stati (non solo lo spazio post-sovietico).