129 Shares 9725 views

La partecipazione politica dei cittadini

La partecipazione politica – la categoria è piuttosto complicato e significativo. Essa implica, prima di tutto, l'attività o inattività del singolo o di gruppo nella società.


La partecipazione politica in senso generale – un gruppo o azioni private finalizzati ad influenzare il potere, non importa quale livello sia. Allo stato attuale, questo fenomeno è considerato come complesso e multidimensionale. Esso comprende un gran numero di tecniche che aiutano a influenzare il governo. La partecipazione dei cittadini alla vita politica, il grado di attività dipende da fattori della vita sociale, psicologico, culturale, storico, economico o di altra natura. L'individuo si rende conto che quando si entra in, relazioni ordinate formali con diversi gruppi o con altre persone.

La partecipazione politica è di tre tipi:

  • inconscia (non-free), cioè quello che si basa su forzatura, o abituali nell'azione spontanea;
  • cosciente, ma anche non-free, quando una persona è costretta a seguire per significato alcuni regolamenti, norme;
  • consapevole e allo stesso tempo libero, che è, l'individuo è in grado di fare una scelta in proprio, ampliando così i limiti delle proprie capacità nel mondo della politica.

Sidney Verba e Gabriel Almond creato un modello teorico della cultura politica. La politica di partecipazione del primo tipo sono chiamati parokialnym, vale a dire ciò che è limitata agli interessi elementari; secondo tipo – poddannicheskoj e il terzo – partecipativo. Inoltre, questi scienziati hanno identificato le forme transitorie di attività, che combinano le caratteristiche di due tipi confinanti.

La partecipazione politica e le sue forme sono in continua evoluzione. Migliorare le sue vecchie idee, e di nuovo in qualsiasi processo storico-sociale che ha valore. Si tratta di punti particolarmente vero di transizione, come il paese da monarchia a un sistema multipartitico da una mancanza di tali organizzazioni per l'indipendenza delle disposizioni colonia alla democrazia dall'autoritarismo, e così via. D. Nei 18-19 secoli sullo sfondo di una generale modernizzazione ha avuto luogo e l'espansione della partecipazione politica dei diversi i gruppi e le categorie della popolazione.

Dal momento che l'attività delle persone è determinato da molti fattori, e la classificazione uniforme delle sue forme non esiste. Uno di loro si propone di prendere in considerazione la partecipazione politica dei seguenti indicatori:

  • legittimi (elezioni, petizioni, manifestazioni e incontri, coordinati con le autorità) e illegittima (terrorismo, colpo di stato, insurrezione, o altre forme di disobbedienza dei cittadini);
  • istituzionalizzata (partecipazione ai lavori del voto di partito) e istituzionalizzati non (gruppi che hanno obiettivi politici e non sono riconosciuti dalla legge, disordini di massa);
  • con il carattere locale e nazionale.

Tipologia può avere altre opzioni. Ma in ogni caso, essa deve soddisfare i seguenti criteri:

– la partecipazione politica deve essere manifestata nella forma dell'atto, e non solo sul piano delle emozioni;

– deve essere volontaria (fatta eccezione per il servizio militare, il pagamento delle imposte o di una manifestazione di festa sotto il totalitarismo);

– in quanto si prevede di completare vera scelta, che non è di essere fittizia, ma reale.

Alcuni scienziati, tra cui Lipset e Huntington ritengono che il tipo di partecipazione direttamente influenzata dal tipo di regime politico. Ad esempio, se si verifica apparato democratico volontariamente e autonomamente. E quando un politico regime totalitario partecipazione mobilitato, costretto, quando le masse sono coinvolti solo simbolicamente, per simulare il supporto di potenza. Alcune forme di attività possono anche alterare la psicologia dei gruppi e degli individui. Una chiara indicazione di ciò è specie di fascismo e totalitarismo.