731 Shares 6427 views

L'uomo che ha sputato in faccia del Buddha: una parabola filosofica

La saggezza ha un'incarnazione pluralità di cui, in particolare, in diverse dottrine religiose. Uno dei principali temi di interesse per le persone fin dai tempi antichi, è il problema di frenare la propria rabbia, a volte traboccante anima di ciascuno di noi. Cosa fare se la persona che sta cercando di male? Sia per dargli un rifiuto o pazientemente portare questo dolore? Il cristianesimo insegna "sostituire la guancia." Come ordine di comportarsi in momenti di buddhismo rabbia?


Tale domanda difficile decidere ognuno per conto proprio, e, ancora una volta, tutto dipende dalla situazione. approccio buddista illustra parabola di seguito. lettore paziente stesso familiarizzare con questa storia, la fonte originale di cui rimane sconosciuta.

conflitto

Un uomo ha insultato il Buddha. Lo ha fatto nel modo più oltraggioso.

Non tutti sarebbero in grado di svolgere tale umiliazione senza lamentarsi, era troppo grande un insulto, e molti si sarebbe sentito in questo modo si comportano proprio codardi. Non giudicare in modo semplice, forse c'è un motivo razionale per comportarsi in questo modo.

E 'stato così: un giorno il Buddha era seduto con i suoi discepoli sotto l'albero di diffusione, e predicò la sua dottrina, e forse solo parlando con loro. A questo punto, mi sono avvicinato uno sconosciuto e improvvisamente sputato in faccia del maestro. Tutti i presenti erano intorpidite, troppo improvviso e inspiegabile era questo atto. Solo il Buddha non ha perso la calma, con calma asciugò e ha chiesto un estraneo: "Quali sono le prospettive? Cosa vuoi dire con questo? "

L'uomo che ha commesso questo atto oltraggioso e offensivo, a questo punto è stato scoraggiato. Si aspettava tutto nulla – giurare, colpendo, ma certamente non una domanda tranquilla. Lui prima, ovviamente, mai offendere le persone, e la loro risposta era prevedibile – codardi e deboli sorrise, cercando di placarlo, e forte salirono nella mischia. Il Buddha non sembrava spaventato, seduti attorno a lui l'ira degli studenti ha mostrato un pari con la volontà di alzarsi in piedi per gli insegnanti e erano in attesa solo per la sua squadra per punire l'autore del reato. E Buddha solo chiedere: "Che cosa è il prossimo?"

Parla con gli studenti

Quando lo straniero ha lasciato, non ha mai avuto quello che si meritava, insegnante di rimprovero rivolto ai discepoli, dicendo loro che il loro comportamento gli faceva male molto più che le azioni di quest'uomo. "Non è così, mi ha fatto male come te. Lui è sconosciuto a me, e probabilmente sentito da persone qualcosa su di me. Forse mi ha mentito e ha chiamato un criminale, un ateo, un avventuriero, a sedurre gli altri dalla retta via, rivoluzionaria o corrompere-taker. è probabile che si sono formate qualche idea su di me. non ha sputato su di me, ma sulla strada, sulle proprie illusioni, perché so che non l'ha fatto.

Non ho nulla a che fare con le sue idee su di me, e così ho chiesto che cosa, in effetti, il povero ha da dire – la sua saliva è anche un modo per dire qualcosa. Ci sono momenti in cui le persone si sentono che la loro lingua è impotente: nella preghiera, amore profondo e grande rabbia. Ci sono momenti in cui i deboli discorso più vivido, considerando la necessità di agire in qualche modo. Lo posso capire. Lui, ovviamente, ha voluto dire qualcosa, così gli ho chiesto, che cosa è il prossimo?

Ma a voi mi sento male – discepoli del Buddha aggiunto – per molti anni, non si è capito l'essenza del mio insegnamento ".

Nel frattempo, l'autore del reato …

Perplesso e confuso, l'uomo è andato a casa. Non aveva dormito tutta la notte. Ancora una volta ha vissuto l'incidente, lui trovare una spiegazione. Mai prima d'ora aveva non aveva mai incontrato una persona così.

La mattina è tornato verso l'albero e cadde ai piedi del Buddha, e ancora una volta gli chiese: "Che cosa è il prossimo? Il tuo arco – anche un modo per dire qualcosa che non mette in parole ".

L'uomo guardò Buddha occhi pieni di lacrime, e disse: "Mi dispiace per quello che ho fatto ieri."

La risposta di Buddha

"Mi dispiace? Ma io non sono la persona che torto. Ganga continua a scorrere, ed è sempre degli altri Gange. Ogni persona è come un fiume. Non più, nel quale non vi interessa. Mi piace, ma ho un altro! Ho anche non si può perdonare, perché non c'è risentimento in me. e voi, troppo nuovo. vedo che non sei l'uomo che è venuto ieri, perché era arrabbiato e sputare, e si piego ai miei piedi. Quindi cerchiamo di dimenticare anche di questo. Avvicinati. Parliamo di qualcosa di diverso. "