97 Shares 6232 views

Hussey Olivia è la migliore Juliet. Filmografia e biografia di Olivia Hussey

I genitori della futura star Olivia Hussey, nata nel 1951, il 17 aprile, erano cantanti lirici argentini, famoso tenore Andreas Osuna e cittadino britannico Joy Hussy. Hanno divorziato quando Olivia era molto piccola, dopo di che la madre ha portato il bambino da Buenos Aires in Inghilterra. Da quel momento in poi suo padre cessò di svolgere un ruolo significativo nella formazione della personalità di sua figlia.


formazione

La scuola elementare Hussi Olivia si è laureata a Kent e poi si trasferisce alla Scuola di Drammatica di Londra. Ha sognato una carriera di recitazione dopo l'infanzia e ha ammesso in seguito che la ragione di questo era piuttosto un amore puro per l'esecuzione, piuttosto che un desiderio di riconoscimento e di approvazione. Durante l'allenamento la ragazza è riuscita a stare in un paio di spettacoli televisivi e di film come "La battaglia a Villa Fiorita" e "Cup Fever".

"Romeo e Giulietta"

Nel 1966, Hussey Olivia, una bruna elegante e corta, con occhi chiari, era già diventata popolare a Londra come attrice teatrale. In una coppia con la brillante Vanessa Redgrave ha svolto un ruolo nel gioco "The Rise of Miss Jean Brody". Fu allora che il suo modo diretto di gioco interessava il maestro italiano del cinema, diretto da Franco Zeffirelli, che stava cercando un'attrice per il ruolo di gentile Giulietta per la versione cinematografica della tragedia immortale di William Shakespeare. Il film "Romeo e Giulietta" (1968) ha portato molti premi alla giovane attrice, tra cui "Golden Globe" e "David Donatello". Sull'ondata di successo dell'immagine, la quantità di speculazioni e pettegolezzi sugli attori principali è cresciuta come i funghi dopo la pioggia. Si diceva che Olivia e il suo partner nelle sparatorie di Leonard Whiting (Romeo) non tollerassero la società dell'altro. Olivia Hussey nega questo fatto, anche se ha ammesso che a volte entrambi gli attori, mentre il film "Romeo e Giulietta", 1968, agivano come bambini.

Tra le numerose versioni cinematografiche della tragedia, la versione di Franco Zeffirelli (1968) è considerata la più riuscita, spettacolare e storicamente convincente. Gli eroi erano simpatici per i visitatori di tutto il mondo, e l'immagine divenne improvvisamente un classico del cinema. Il regista ha scelto di svolgere il ruolo di famosi amanti degli attori che non sono più esperti, ma che stanno giovando giovani e non hanno perso. Il diciassette anni Leonard Whiting e Olivia Hussey hanno giocato in maniera così commovente e senza dubbio che i critici li abbiano perdonati per una certa modernità del comportamento, non molto appropriata nel film storico e anche una scena sincera (per quei tempi). Sia gli spettatori semplici che sofisticati hanno convenuto che l'immagine è semplicemente grandiosa. Una musica memorabile per il film è stata composta dal compositore Nino Roth. Le riprese hanno avuto luogo in tutta l'Italia, ma non nelle città più famose, ma in quelle che conservavano ancora lo spirito medievale necessario per creare l'atmosfera di Verona durante la guerra delle famiglie (a proposito, a Verona Olivia viaggiò solo). Nel 1969, la pittura è stata premiata con due Oscar: per la produzione di telecamere e il design dei costumi, anche il pubblico e Olivia Hussey non sono rimasti incustoditi. La pellicola dell'attrice, vale la pena notare, non include una dozzina di film.

Problemi di salute

Le riprese hanno durato diversi anni, il programma era denso e dopo il rilascio dell'immagine era necessario presentarlo, e tutti questi carichi non potrebbero avere un effetto positivo sulla salute dell'attrice. La colossale popolarità del dramma del film storico ha portato al fatto che Olivia si sentiva esausto e devastato sia fisicamente che moralmente. Dopo tutto, ora sia il pubblico che il kinobogma lo percepivano esclusivamente come Juliet Montague! Questo ha lasciato un'impronta sulla sua futura carriera cinematografica. Il ruolo dei "cani di paglia" di Sam Peckinpah poteva, secondo Hassi, risolvere la situazione, ma non arrivò mai all'attrice. Hussey Olivia si ritirò nella casa di sua madre e, nell'arco di un anno, si riposò dalla fama e aumentò la sua attenzione alla sua persona. Si sentiva depressi, vulnerabili e necessitava di una costante assunzione di sedativi.

Costa il suo duro lavoro per superare se stessa e tornare alla vita attiva. Maidanand, che ha accompagnato Hassi nella coltivazione spirituale per lungo tempo e ha assunto il ruolo del padre di Olivia, è diventato il mentore della ragazza di quell'anno.

Non tutti i nastri in cui la giovane attrice hanno suonato in quel periodo, hanno attirato la simpatia del pubblico e sono diventati colpi del noleggio. Ma il film "Estate – il tempo degli omicidi" può essere chiamato abbastanza successo, così come l'immagine "The Lost Horizon".

Vita personale

Nei primi anni settanta, Olivia sposò un americano, Dean P. Martin, e nel 1973 avevano un figlio, che divenne poi un attore. Pochi anni dopo, seguì un divorzio, ma buone relazioni tra gli ex coniugi persistevano fino a che Martin non abbandonasse la vita.

"Nero Natale"

Nel 1974, il pubblico ha visto Olivia nell'orrore "Black Christmas", in cui ha interpretato l'eroina Jessica Bradford. La trama del film non era originale: gli abitanti dell'ostello femminile stavano finendo preparazioni per una vacanza luminosa, ma poi una campana misteriosa suonò e la mattina successiva una delle ragazze si è persa e questo è stato solo l'inizio …

"Gesù di Nazaret"

Tre anni dopo, Franco Zeffirelli ha pubblicato il suo nuovo film, in cui ha ancora usato l'attrice, amata da milioni di spettatori. Olivia Hussey non aveva meno di una Vergine Maria. Il film fu chiamato Gesù di Nazareth. Non era di natura religiosa e fu dedicato alla persona di Gesù Cristo come uomo mortale. La foto tracciava tutta la storia della vita del Figlio di Dio tra le persone – da una nascita meravigliosa a una dolorosa scomparsa. Con questo film, il maestro Zeffirelli ei suoi attori hanno guadagnato ancora maggiore fama. Non era senza incidenti, tuttavia, senza critiche feroci, come sempre con i nastri dei temi biblici.

L'immagine successiva, in cui Hussey Olivia si mostrò, era un detective della serie sulle avventure del detective Poirot. Qui, si è conquistata con successo in un cast brillante, guidato da Peter Ustinov. Un po 'più tardi Hussey ha interpretato "Gatti e Canarie" e "Pirati".

Nel 1980, l'attrice si sposa ancora, questa volta per la cantante giapponese Akira Fuse. Hanno un figlio, ma anche questo non protegge i coniugi dal divorzio nove anni dopo il matrimonio. A causa di questo, molti tifosi stanno diventando più interessanti Olivia Hussey, la cui biografia è piena di sorprese.

"Caccia ai tacchini"

Nel 1981, Olivia è suonata in un quadro di flop di "Escape 2000", che l'attrice ha preferito non ricordare, ma l'anno successivo le ha portato il ruolo principale nel fantastico film Trenchard-Smith "Caccia ai tacchini". La sua trama si svolge in un paese fittizio e disfunzionale in cui regna la dittatura militare, e tutti gli insoddisfatti vengono mandati alla rielaborazione in campi speciali, dopo di che anche i più orgogliosi diventano schiavi. Di tanto in tanto importanti funzionari governativi vengono nei campi, e per loro l'amministrazione organizza una crudele "caccia ai tacchini", in cui i prigionieri svolgono il ruolo di "tacchini" indifesi. Il divertimento continua finché le vittime potenziali non lo sono

Prigionieri Chris Walter (Olivia Hussey) e Paul Anders (Steve Railsback), che non sono d'accordo con il destino che ha preparato. Naturalmente, fanno i "cacciatori" rimpiangere il loro aspetto nel campo.

E nello stesso anno sugli schermi c'è un brillante adattamento del romanzo classico "Ivanhoe" sul ritorno del nobile signore della crociata e delle avventure che cadono al suo lotto. In esso Olivia Hussey ha anche giocato un ruolo memorabile per il pubblico come Rebecca.

Dopo di che, l'attrice da molto tempo ha avuto episodi e non i ruoli più importanti (ad esempio nel film seriale "Ha scritto l'omicidio" o "Fratelli corsi"), ma nel 1989 è stata offerta il ruolo principale nell'immagine "Negozio di gioielli" basato sul gioco Karol Wojtyla (a quel tempo – già Giovanni Paolo II).

Film famosi con Olivia

Ora Hussey ha giocato molto, con volontà e assiduità, quasi senza abbandonare ruoli. Il suo track record è molto diverso in stile. Nei primi anni '90 ha interpretato i film horror "Psycho-4: Beginning" e "It", e nel 1995 – in orrore di commedia "Morozhenshchik". Nell'attrice "Psycho" Olivia Hussey ha interpretato Norma Bates, madre di Norman Bates, che è arrabbiato a causa della sua ossessione. Norman uccide sua madre, ma la sua presenza accanto continua a disturbarlo per molti anni e porta a nuovi attacchi di follia. "It" è un adattamento cinematografico del romanzo di culto di Stephen King dedicato a una creatura demoniaca che era ai bambini sotto la sembianza di un clown frivoloso per divorarli. Qui Olivia Hussey ha affrontato brillantemente il ruolo di Odra. Oltre ai dipinti sopra citati, tra le opere dell'attrice di questo periodo, si possono citare i film "A Guy Knows the World", "Save! Mi prego "," il voto del cavaliere del Delta "e" la guerra non dichiarata ".

Nel 1996, Olivia Hussey non ha vinto il ruolo principale ma lucido nella storia della fantasia del "Lord Defender" con accessori magici, costumati e battaglie a spada. Alla fine degli anni '90, l'elenco delle sue opere è stato ampliato con i nastri "Memories Forgotten" e "Silent Scream".

Lavora all'inizio del secolo

Il periodo di due millesimi nell'opera di Hussey è stato aperto da uno dei ruoli significativi del film "Il sacrificio dell'isola", basato sull'idea che ogni piccolo errore fatto da una persona possa cambiare completamente la sua vita successiva.

E nel 2003, nella carriera di Olivia Hussey, c'è il terzo ruolo famoso – una figura iconica del XX secolo, una suora di Madre Teresa, dedicata al lavoro missionario e ad aiutare i poveri. L'italiano Fabrice Costa è stato direttore del biopic bi-partico "Madre Teresa di Calcutta".

Devo dire che a questo ruolo Olivia Hussey, una foto di cui si può vedere in questo articolo, era sicura fin dall'inizio della sua carriera. La personalità di Madre Teresa ha attirato e ammirato l'attrice e si è impadronita di creare un'immagine convincente e credibile. Gli sforzi sono stati valutati al livello più alto: il suo lavoro è stato approvato dalla nipote di Madre Teresa, e l'allora pontificato Giovanni Paolo II ha benedetto . I partner di Olivia nelle riprese sono stati S. Somma (ha giocato la guida spirituale Teresa) e M. Mendl. Il film si è rivelato eccezionale e ha ricevuto il premio CAMIE.

Tiro in thriller

Nel 2005, Olivia ha recitato nuovamente in un thriller, chiamato "Il mistero della ragione", nel 2007 – in "The Tortilla celeste". La sua apparizione sullo schermo non è mai andata inosservata. Ha recitato in un enorme numero di film di varia qualità e vari gradi di successo. Olivia Hussey sapeva cosa voleva, e considerava la più importante nella sua carriera stellare come crescita personale, e non le commissioni per i box di film dei film in cui era stata protagonista. Ma, come l'attrice spesso ha osservato in un'intervista, vorrebbe che i veri ammiratori del suo talento ricordassero innanzitutto le immagini di maggior successo di lei: la tenera e appassionata Olivia Hussey (Romeo e Giulietta) come Juliette Montague, la triste Vergine Maria E la misericordia Madre Teresa.

Oggi Olivia Hussey

Oggi l'attrice è felice di essere sposata con l'ex cantante rock David Glen Eisley; 1993 nella vita di Olivia è stato caratterizzato dalla nascita di sua figlia, Joy (in onore della madre di Olivia), Aisli. La famiglia vive a Malibu, in una pittoresca villa su una collina. Olivia non è contro nuovi sparatorie, ma è grato al destino e ai ruoli che erano nella sua vita. Va notato che la ricca biografia creativa di Hassi non è limitata alla recitazione. La sua voce è parlata dai personaggi di diversi film animati: "Superman", "Batman del futuro" e "Pinky e il cervello".