306 Shares 4612 views

Spese per la produzione nel settore dell'energia elettrica

Oggi, uno dei problemi più urgenti per qualsiasi economia è il problema dell'approvvigionamento energetico. Più della metà dei paesi del mondo consuma risorse energetiche importate. Ciò rende le economie dei paesi dipendenti dall'energia. Inoltre, ciò spiega la struttura dei costi per la produzione. I prezzi crescenti delle risorse energetiche richiedono costi significativi per la loro acquisizione e aggravano la situazione economica nel suo complesso. Per i paesi che non dispongono della quantità necessaria di risorse energetiche e le possibilità di attirare il loro rinnovo sono estremamente limitate, il vettore più importante del movimento economico è l'aumento dell'efficienza energetica. L'efficienza energetica, minori costi per la produzione di energia elettrica, diventano un fattore importante nella crescita economica.


C'erano due direzioni strategiche del suo aumento. Il primo è ridurre i costi di produzione migliorando l'efficienza del consumo di risorse nelle TPP e nelle caldaie per la produzione di energia elettrica. Il secondo è un aumento dell'efficienza energetica di tutto l'industria e l'agricoltura.

Per valutare quali sono i costi della produzione nel settore dell'energia elettrica, quale è l' efficienza della produzione di energia nelle centrali termiche, un indicatore del consumo specifico calcolato di combustibile utilizzato per unità di energia liberata. Questo indicatore è utilizzato per confrontare l'economia e l'efficienza delle varie centrali elettriche. Ad esempio, per le stazioni termiche con parametri di vapore sottocritico, la portata specifica è di 365 grammi di combustibile / kWh convenzionali, con parametri supercritici di 320 grammi di carburante standard / kWh, per impianti moderni a ciclo combinato – 265 g di carburante equivalente / kWh. Per le reti elettriche, l'efficienza energetica è determinata dalla quantità di perdite di energia elettrica nelle reti, che attualmente costituiscono circa l'11% dell'energia rilasciata nella rete e può essere espresso l'efficienza della trasmissione e della distribuzione dell'energia elettrica. Allo stesso modo, si calcola l'efficienza energetica delle reti di calore, con perdite di circa il 12%.

Per quanto riguarda il sistema energetico nel suo complesso, non esiste un criterio universale, quale dovrebbe essere il costo della produzione nell'industria dell'elettricità, utilizzato dall'indicatore di efficienza energetica per caratterizzare l'efficienza dell'uso dell'energia primaria fornita da questo tipo di combustibile. Sembra che questo possa essere utilizzato per misurare il consumo specifico di carburante per tutte le centrali elettriche, attribuito all'energia rilasciata ai consumatori.

Esiste una correlazione diretta tra i tassi di crescita dell'intensità energetica ei tassi di consumo di elettricità e del PIL. Ne consegue che le dinamiche del cambiamento dell'intensità energetica del prodotto lordo sono determinate sia dal ritmo e dalla crescita dell'uso delle risorse energetiche, sia dai tassi di sviluppo economico dell'economia. Se il tasso di crescita del consumo energetico supera il tasso di crescita del PIL, i costi della produzione nel settore dell'energia elettrica stanno crescendo, l'intensità energetica sta aumentando e se il rapporto è invertito, l'intensità energetica è ridotta.

Pertanto, per garantire la crescita dell'efficienza energetica dell'economia, è necessario che il tasso di sviluppo economico espresso nella crescita del PIL superi il tasso di crescita del consumo energetico. Occorre osservare due tendenze contraddittorie nelle dinamiche del consumo di energia. Da una parte, la crescita del rapporto potenza-lavoro come fattore importante per aumentare la sua produttività, d'altra parte, la riduzione dell'intensità energetica conseguente alla politica in corso nel settore dell'efficienza energetica.