82 Shares 4578 views

L'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE): la struttura, scopo

L'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa – un organismo intergovernativo importante il cui compito principale è quello di mantenere la pace e la stabilità nel continente. La storia di questa struttura ha più di un decennio. Ma la vera efficacia dell'organizzazione camminare lungo contenzioso. Scopriamo qual è l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, imparare il suo scopo e la funzione di base, così come una breve storia di attività.


La storia della creazione

Prima di tutto, scopriamo le circostanze in cui è stata fondata l'OSCE.

L'idea di convocare una riunione dei rappresentanti degli Stati che hanno lavorato i principi generali della politica internazionale nella regione, è stato annunciato prima a Bucarest nel 1966, i rappresentanti dei paesi europei del campo socialista, facevano parte del gruppo di ATS. In seguito, l'iniziativa è stata sostenuta da Francia e alcuni altri paesi occidentali. Ma dato un contributo decisivo alla posizione della Finlandia. Questo paese ha offerto di ospitare questi incontri nella sua capitale – Helsinki.

fase di consultazione preliminare si è svolta giugno 1973 novembre 1972. L'incontro è stato condotto da delegati di 33 paesi europei, così come il Canada e gli Stati Uniti. In questa fase, ha tenuto a fornire una guida generale sul proseguimento della cooperazione, le regole elaborate interno e l'agenda dei colloqui.

Immediatamente il primo incontro si è tenuto ai primi di luglio 1973. Questa data è accettato di contare l'OSCE. In questa fase della discussione dei ministri degli Esteri ha partecipato a tutti i paesi europei ad eccezione di Albania, e due paesi del Nord America. Sono stati trovati un terreno comune sulle principali questioni, che si riflette nelle "raccomandazioni finali".

Nella seconda fase, che ha avuto luogo a Ginevra dal settembre 1973 al luglio 1975, i rappresentanti dei paesi contraenti chiarire i punti più importanti della cooperazione generale, in modo da soddisfare pienamente gli interessi di tutti i partecipanti, e coordinato tutte le questioni.

La firma immediata dell'atto finale ha avuto luogo a fine luglio – inizio agosto 1975 a Helsinki. Vi hanno partecipato i principali leader di tutti i 35 paesi contraenti. L'accordo finale è stato ufficialmente nominato "L'atto finale della CSCE," e si è deciso in modo informale per riferirsi agli accordi di Helsinki.

Le principali disposizioni degli Accordi di Helsinki

Il documento finale degli accordi di Helsinki sono stati formalizzati i risultati della seconda guerra mondiale. Inoltre, sono state sviluppate 10 grandi principi delle relazioni giuridiche internazionali. Tra di loro dobbiamo mettere in evidenza il principio della inviolabilità dei confini territoriali esistenti dei paesi europei, non interferenza, uguaglianza degli Stati, il rispetto delle libertà fondamentali, il diritto delle nazioni a decidere il loro destino.

Inoltre, gli accordi sono stati sviluppati per le relazioni generali nella sfera politica, legali e umanitarie culturale, militare,.

L'ulteriore sviluppo dell'organizzazione

in Europa (CSCE) D'ora in poi la Sicurezza e Consiglio di cooperazione ha cominciato a raccogliere regolarmente. Riunione a Belgrado (1977-1978), Madrid (1980-1983), Stoccolma (1984), e di Vienna (1986).

Uno dei più significativi è stato l'incontro a Parigi nel settembre 1990, a cui hanno partecipato alti dirigenti dei paesi partecipanti. Ha adottato la famosa Carta di Parigi, che ha segnato la fine della guerra fredda, ha firmato un accordo in materia di armi, nonché importanti questioni organizzative enunciati ulteriori consultazioni.

Nel corso della riunione di Mosca nel 1991, ha adottato una risoluzione sui diritti umani hanno la precedenza sulle leggi nazionali.

Nel 1992, in una riunione a Helsinki è stato quello di riformattare il CSCE. In precedenza, ha, infatti, era un forum di gestione della comunicazione da parte degli Stati membri, che da quel momento ha cominciato a trasformarsi in un'organizzazione permanente a tutti gli effetti. Nello stesso anno a Stoccolma ha introdotto un nuovo post – CSCE Segretario Generale.

Nel 1993, in una riunione tenutasi a Roma, è stato raggiunto un accordo sulla creazione del comitato permanente, in cui i paesi partecipanti hanno inviato i loro delegati a rappresentare.

Così, la CSCE sono sempre più ha cominciato ad acquisire le caratteristiche di organizzazione funziona in modo permanente. Per portare il nome ha preso la decisione in linea con il formato effettivo nel 1994 a Budapest, che è ora la CSCE non sarà chiamato altrimenti che per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). Questa disposizione è entrata in vigore a partire dall'inizio del 1995.

Dopo questo importante incontro dei delegati dell'OSCE si sono svolti a Lisbona (1996), Copenaghen (1997), Oslo (1998), Istanbul (1999), Vienna (2000), Bucarest (2001), Lisbona (2002), Maastricht (2003), Sofia ( 2004), Lubiana (2005), Astana (2010). Su questi forum per discutere questioni di sicurezza regionale, il terrorismo, il separatismo, le questioni dei diritti umani.

Va notato che, dal 2003, la posizione della Russia OSCE è spesso diversa da punto di vista della maggioranza degli altri paesi partecipanti. Per questo motivo, molte delle soluzioni comuni sono bloccate. Un tempo si era parlato di un possibile ritiro della Russia da parte dell'organizzazione.

obiettivi

Gli obiettivi principali, che ha fissato stessi paesi dell'OSCE, è quello di raggiungere la pace e la stabilità in Europa. Per eseguire questa attività, l'organizzazione è attivamente coinvolto nella risoluzione del conflitto tra i poteri e negli Stati membri, controlla la proliferazione delle armi, lo svolgimento di attività diplomatiche di natura preventiva al fine di evitare possibili conflitti.

L'organizzazione monitora la situazione economica e l'ambiente nella regione, così come il rispetto dei diritti umani in Europa. attività dell'OSCE sono finalizzate alla realizzazione del monitoraggio delle elezioni nei paesi partecipanti inviando i propri osservatori. L'organizzazione incoraggia lo sviluppo di istituzioni democratiche.

I paesi partecipanti

La rappresentazione più grande nell'organizzazione d'Europa ha naturalmente. OSCE in generale, ha 57 paesi membri. Oltre che in Europa, l'organizzazione ha coinvolto direttamente i due paesi in Nord America (Canada e Stati Uniti), così come un certo numero di paesi asiatici (la Mongolia, l'Uzbekistan, il Tagikistan, il Turkmenistan, e così via. D.)

Ma lo stato del partito – non è l'unico che esiste nell'organizzazione. Partner di cooperazione sono considerati in Afghanistan, Tunisia, Marocco, Israele e molti altri paesi.

La struttura degli organi dell'OSCE

per la sicurezza e la cooperazione in Europa ha abbastanza una vasta struttura di gestione.

Per affrontare le questioni più importanti di natura globale, andando al vertice dei capi di Stato e di governo. Questa è la decisione di questo corpo sono di fondamentale importanza. Ma va notato che l'ultima tale riunione si è tenuta nel 2010 ad Astana, e prima ancora – solo nel 1999.

In contrasto con il vertice, il Consiglio dei Ministri degli esteri si riunisce ogni anno. Oltre a discutere le questioni più importanti, il suo compito è l'elezione del segretario generale dell'organizzazione.

Il Consiglio Permanente dell'OSCE – il corpo principale della struttura, che opera su base permanente e si riunisce settimanalmente a Vienna. Egli è impegnato in una discussione delle questioni sollevate e le decisioni su di essi. Dirigere l'autorità del presidente ff.

Inoltre, importanti enti strutturali dell'Assemblea parlamentare dell'OSCE è, l'Ufficio per le istituzioni democratiche sul Forum di cooperazione di sicurezza.

Alti funzionari dell'OSCE considerata presidente ff e segretario generale. Il significato di questi posti e su alcuni dei corpi strutturali dell'OSCE, ne parleremo più avanti.

Il Presidente in

Gestione e organizzazione dell'OSCE è impegnata in attività in corso presidente ff.

Questa posizione è detenuta dal Ministro degli Affari Esteri di quel paese, che presiede quest'anno l'OSCE. Nel 2016, questa missione onorario svolge in Germania, il che significa che il presidente dell'OSCE è il ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier. Nel 2015, la posizione è stata occupata dal detto rappresentante della Serbia Ivitsa Dachich.

Il presidente del compito è quello di coordinare il lavoro degli organi dell'OSCE, nonché la rappresentazione dell'organizzazione a livello internazionale. Ad esempio, Ivitsa Dachich nel 2015 prese parte attiva nella soluzione del conflitto in Ucraina.

Segretario Generale

Il secondo post più importante per l'organizzazione – Segretario Generale. L'elezione per la posizione si tiene ogni tre anni, il Consiglio dei Ministri. Al momento, il segretario generale è l'italiano Lamberto Zannier.

I poteri del Segretario Generale comprende gestione dell'organizzazione della segreteria, che è, in realtà è il capo dell'amministrazione. Inoltre, la persona che funge da rappresentante dell'OSCE durante l'assenza del Presidente.

L'Assemblea parlamentare

L'Assemblea Parlamentare dell'OSCE composta da rappresentanti di tutti i 57 partecipanti. Questa struttura è stata fondata nel 1992 come organizzazione interparlamentare. Esso comprende più di 300 deputati, che i delegati dei parlamenti degli Stati membri.

La sede di questo organismo ha sede a Copenaghen. Alti funzionari dell'Assemblea parlamentare del presidente e del segretario generale.

permanente e tre commissioni specializzate che operano nel quadro della PACE.

critica

Recentemente, sempre più intensificato le critiche dell'organizzazione. Molti esperti dicono che in questo momento l'OSCE non è in grado di risolvere le sfide davvero fondamentali e deve essere riformato. A causa della natura del processo decisionale, molte risoluzioni sono supportate dalla maggior parte dei membri della minoranza possono essere bloccati.

In aggiunta, ci sono dei precedenti, quando anche le decisioni OSCE non vengono eseguite.

Significato OSCE

Nonostante tutte le carenze, è difficile sopravvalutare l'importanza dell'OSCE. Questa organizzazione è una piattaforma in cui i paesi partecipanti possono trovare un terreno comune su questioni controverse, risolvere i conflitti, per concordare una posizione comune sulla soluzione di un problema specifico. Inoltre, l'organizzazione ha compiuto notevoli sforzi per garantire i diritti umani nei paesi europei e la democratizzazione della società.

Non dimenticare che, al momento della guerra fredda è stato abbandonato non da ultimo a causa delle consultazioni nell'ambito della CSCE. Allo stesso tempo, dobbiamo cercare di garantire che le nuove sfide politiche e umanitarie, l'organizzazione ha anche preso a testa alta. E richiede per effettuare la riforma dell'OSCE.