740 Shares 3017 views

Vladimir Monomakh. La politica estera e il suo risultato

Per la Russia alla fine del XI e del primo trimestre del 12 ° secolo, l'apparizione di un tale governatore come Vladimir Monomakh era una salvezza in molte direzioni: cultura, politica estera e nazionale, letteratura. Secondo i testimoni oculari, non era solo un uomo politico saggio, ma anche una persona molto gentile, anche se molte delle sue azioni sono trattate in modo diverso. Vladimir Monomakh, la cui politica estera è stata caratterizzata da metodi piuttosto duri, ha costretto tutti gli Stati vicini a rispettare le terre russe unite da lui. Di conseguenza, tale qualità, come la gentilezza, si estese solo ai compagni tribali, che a sua volta sono stati completamente sottomessi alla volontà del principe di Kiev.


Lunga strada al potere

Il nipote del famoso Yaroslav the Wise, figlio del suo amato Vsevolod e (presumibilmente) la figlia di Costantino Monomakh, l'imperatore di Bisanzio, da cui ereditò il suo soprannome, Vladimir Vsevolodovich cominciò presto a gettare le sottigliezze del governo. A Pereyaslavl-Sud, ha iniziato la sua carriera come comandante, gestendo il parto di suo padre. In questa capacità, ha subito diverse sconfitte sul campo di battaglia. Questo gli dava un'ulteriore esperienza di fare guerra e negoziare con il nemico. Durante il regno dei paesi di Smolensk e Chernigov, acquisisce autorità tra la popolazione e forma una squadra, chiaramente organizzata e capace.

Già in questa fase l'adesione all'idea della divisione feudale è vista nella comunità degli interessi di tutte le terre russe, che saranno successivamente attuate dal futuro principe di Kiev Vladimir Monomakh. La sua politica estera consiste nella rigorosa soppressione degli sconfitti nei territori subordinati da steppe e statue influenti, anche come il Bizantino. Dopo la morte di suo padre, che ha governato Kiev, potrebbe prendere il potere con la forza, ma ha preso la decisione saggia di seguire l'ordine di eredità creato da Yaroslav il Saggio e non incitare il già complicato rapporto tra i fratelli principe. Secondo il principio di anzianità, Svyatopolk cominciò a governare le terre di Kiev e Vladimir ricevette il regno di Pereyaslavl. In questo momento ha sostenuto attivamente il suo cugino. Le tradizioni erano i congressi dei principi russi dominanti, in cui si discusse problemi comuni e sono state stipulate azioni congiunte sulla difesa dello Stato contro le polizie di Polovtsian.

Politica estera e domestica durante il regno di Vladimir Monomakh

Dal 1113, dopo la morte di Svyatopolk, Vladimir Monomakh viene convocato nelle terre di Kiev, ma il principio di anzianità è violato, Oleg dovrebbe diventare il principe successivo. In futuro, questa circostanza comporterebbe notevolmente i rapporti tra i parenti e portare alla guerra. La regola del suo predecessore ha causato diffuso scontento, soprattutto tra i poveri. I disordini che si sono sviluppati a questo proposito sono diventati una confusione, che abbastanza rapidamente sopprimeva il nuovo principe di Kiev Vladimir Monomakh.

La politica di Vladimir Monomakh può essere tracciata abbastanza chiaramente. È l'unificazione di tutte le terre slave sparse sotto il dominio di un governatore. I Principati, gestiti dai fratelli e dai figli, devono essere chiaramente subordinati a Kiev nel campo economico e politico. L'unificazione delle terre russe ha portato ad un significativo aumento del potere militare dello stato e della sua nascita come potenza europea, con la quale le altre nazioni non potevano essere ignorate. La politica del governatore Vladimir Monomakh all'interno del paese era dura contro i principi, il cui potere limitava e concesse alcune indulgenze ai lavoratori. La sua "Carta" era rivolta al mantenimento di artigiani, smerds, che per la loro opera assicurarono la stabilità economica del paese.

D'altra parte, il principe ha agito duramente e sul campo di battaglia. Polovtsy per lungo tempo ha spaventato i loro figli con il suo nome (Vladimir Monomakh). La politica estera del suo governo è definita come condotta di guerre continue sanguinarie volte a mantenere l'autorità dello Stato e proteggere i suoi confini. Esegue una lotta costante con gli abitanti della steppa, vince molte vittorie e conclude i trattati di pace. Dal 1116, le sconcerte Polovtsian su Rus hanno completamente cessato. La politica estera di Vladimir Monomakh contro il Bizant è anche aggressiva. Dal 1116 è in guerra con i Greci, conquistando diverse città sul Danubio. Il risultato della campagna è la pace, concluso nel 1123. Nipote di Monomakh diventa la moglie dell'imperatore bizantino. Allo stesso tempo, i trattati di pace sono firmati in parallelo e i matrimoni dinastici sono conclusi con i governanti di molti paesi europei (Ungheria, Polonia, Svezia, Danimarca, Norvegia).

Patrimonio culturale

Durante la formazione della Russia come stato singolo, si osserva un livello di vita piuttosto basso della popolazione. Infatti, le terre abitative delle tribù slave continuano ad esistere nel sistema primitivo. A quel tempo, il livello della cultura dei paesi europei medievali era molto più elevato, ma Vladimir Monomakh, la cui politica estera implicava l'integrazione in Europa, ha portato rapidamente il paese in una nuova fase di sviluppo senza perdere l'identità dei valori slavi esistenti oggi. Il suo regno è stato caratterizzato dalla costruzione di molte chiese e templi, lo sviluppo della scrittura e della letteratura, dell'architettura e dell'architettura.

Importanza storica

Nel 1125 morì Vladimir Monomakh. Nessuno dei governanti precedenti e successivi è stato assegnato tale lode negli annali e nei racconti popolari. Diventa famoso come principe saggio e corretto, leader militare di talento e di successo, educato, intelligente e gentile. Il suo lavoro sul raduno delle terre russe e la soppressione delle guerre interne sono la base per la formazione di uno stato forte e unito, che per la prima volta ha raggiunto il livello internazionale come un partner affidabile e un formidabile nemico.