740 Shares 7194 views

Goran Hadzic, politico croato di origine serba: biografia

Goran Hadzic (7 settembre 1958 – 12 luglio 2016) è stato presidente della Repubblica serba Krajina durante la guerra tra Serbia e Croazia. Il Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia lo considera colpevole di reati contro l'umanità, nonché in violazione delle leggi e delle abitudini di guerra.


Hadzic ha caricato quattordici punti. È stato accusato di essere coinvolto in "deportazione, o il trasferimento forzato di decine di migliaia di Croati e di altri civili di origine non serba". Queste azioni si sono svolte nel territorio della Croazia tra il giugno 1991 e il dicembre 1993; Tra gli sfollati illegalmente sono 20.000 persone provenienti dalla città di Vukovar. Inoltre, Hadzic è stato accusato di utilizzare il lavoro forzato dei prigionieri, lo sterminio di centinaia di civili in decine di città e villaggi croati, compreso il Vukovar, nonché nelle pestaghe, torture e uccisioni dei detenuti.

Hadzic ha trascorso molto più a lungo degli altri imputati nel caso di nascosto dal tribunale: le autorità serbe hanno riuscito a catturarlo solo il 20 luglio 2011. Il processo è stato interrotto nel 2014 a causa del fatto che l'accusato è stato diagnosticato con il cancro al cervello.

Primi anni

Hadzic è nato nel villaggio di Pachetina, Croazia, che era allora parte della SFRY. Durante la sua giovinezza, era membro attivo dell'Unione dei comunisti della Jugoslavia. Prima della guerra croata, Hadzic lavorava come magazziniere e fu anche conosciuto come leader della comunità serba di Pachetin. Nella primavera del 1990 è stato eletto al comitato della città di Vukovar come rappresentante dell'Unione dei comunisti per il cambiamento democratico.

Il 10 giugno 1990 Goran Hadzic si è unito al Partito Democratico Serbo (SDP) e dopo un po 'è diventato presidente del suo ramo a Vukovar. Nel marzo 1991 è stato nominato presidente della commissione di città di Vukovar, nonché membro del comitato principale ed esecutivo del Partito democratico serbo a Knin. Inoltre, è stato presidente del comitato regionale dello stesso partito e leader del Forum democratico serbo nelle regioni della Slavonia orientale, Baranja e Western Srem.

Guerra croata

Goran Hadzic era direttamente coinvolto nell'incidente nei Laghi di Plitvice, che alla fine di marzo 1991 cominciarono a combattere tra l'esercito croato e le unità della Krajina serba. Il 25 giugno 1991, i serbi delle regioni della Slavonia orientale, della Baranja e del Srem occidentale hanno tenuto un congresso in cui hanno deciso di creare la regione autonoma serba (SAO) e ritirarsi dalla Repubblica di Croazia, quindi parte di Jugoslavia. Hadzic doveva diventare capo del governo dell'autonomia.

Il 26 febbraio 1992 due regioni della Slavonia occidentale si sono unite alla Krajina serba. Nello stesso tempo, Goran Hadzic sostituì Milan Babich e divenne il nuovo capo della repubblica non riconosciuta. Babich era polarizzato perché si opponeva al piano pacifico di Vance, perciò rovinò il suo rapporto con Milosevic. Secondo i rapporti, Hadzic si vantava di essere "messaggero di Slobodan Milosevic". Ha mantenuto una posizione di primo piano fino al dicembre 1993.

Nel settembre 1993, quando la Croazia ha lanciato l'Operazione Medaka Pocket, il presidente della Repubblica serba Krajina ha inviato una richiesta urgente a Belgrado, sperando di ricevere rinforzi, armi e attrezzature. Le autorità serbe hanno ignorato la richiesta, ma un gruppo paramilitare di circa 4.000 persone (la Guardia Volontaria serba), sotto il comando di Zeljko Raznatovich, soprannominato Arkan, è venuto all'aiuto dell'esercito della Krajina serba. La regola di Hadzic è durata fino al febbraio 1994, quando il politico croato di origine serba Milano Martić è stato eletto presidente.

Dopo l'operazione "Tempesta" nell'agosto del 1995, le unità dell'esercito DGC nella Slavonia orientale rimasero fuori della zona di controllo del governo croato. Dal 1996 al 1997, Hadzic è stato il capo della regione di Srem-Baranja, dopo di che la regione è stata restituita pacificamente in Croazia conformemente alle disposizioni dell'accordo di Erdut. Successivamente Hadzic si trasferì in Serbia. Nel 2000, a Belgrado, ha partecipato al funerale di Zeljko Raznatovic (Arkan) e ha parlato con grande rispetto di questo uomo, chiamandolo un eroe.

Accuse di crimini di guerra durante la guerra in Croazia

Il tribunale croato in assenza ha condannato Hadzic su due conteggi: nel 1995, per gli attacchi a razzo sulle città di Sibenik e Vodice, è stato condannato a 20 anni di carcere; Nel 1999, per i crimini di guerra in Tenier ha aggiunto altri 20 anni di reclusione. Più tardi, Hadzic era nell'elenco dei fuggiaschi più ricercati della linea Interpol.

Nel 2002, l'ufficio del pubblico ministero croato ha lanciato un'altra accusa contro Hadzic, i rappresentanti della cosiddetta "troika di Vukovar" (Veselin Shlivancanin, Mile Mkršić e Miroslav Radic), nonché i comandanti senior dell'esercito popolare jugoslavo. Sono stati trovati colpevoli di uccidere quasi 1.300 croati a Vukovar, Osijek, Vinkovci, Zupanje e altri insediamenti.

Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia

Il 4 giugno 2004, anche il Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia (ICTY) ha accusato Hadzic per i crimini di guerra.

E 'stato accusato di 14 episodi di crimini di guerra legati al suo presunto coinvolgimento nella deportazione forzata e l'uccisione di migliaia di civili in Croazia tra il 1991 e il 1993. Fu accusato di aver ucciso 250 croati nell'ospedale di Vukovar nel 1991; Crimini in Dali, Erdut e Lovas; Partecipazione alla creazione di campi di concentramento a Staichevo, Torak e Sremska Mitrovica; Così come nella distruzione senza significato di case, monumenti religiosi e culturali.

volo

Poche settimane prima dell'arresto, Hadzic scomparve dalla sua casa a Novi Sad senza una traccia. Nel 2005 i media serbi hanno riferito di essere nascosto in un monastero ortodosso sul territorio del Montenegro. Nenad Chanak, leader della Lega dei Socialdemocratici di Vojvodina, nel 2006 ha affermato che Hadzic si nasconde in un monastero da qualche parte sul monte Frush in Serbia. A una volta c'erano voci che poteva essere da qualche parte in Bielorussia.

Nell'ottobre 2007 il Consiglio di sicurezza nazionale del governo serbo ha offerto 250.000 euro per informazioni che aiuterebbero ad arrestare Hadzic. Nel 2010 l'importo della remunerazione è aumentato a 1,4 milioni di dollari. Il 9 ottobre 2009 la polizia serba ha effettuato una ricerca della casa di Hadzic e ha sequestrato alcune delle sue cose, ma non ha fatto alcuna dichiarazione.

Dopo l'arresto e l'estradizione di Ratko Mladic, penultimo accusato di crimini di guerra di un fuggitivo, l'Unione europea ha continuato a insistere sull'estradizione di Hadzic per portarlo davanti alla corte. È stato sottolineato che mentre era in esecuzione, la Serbia non poteva contare sul ravvicinamento con l'UE.

arrestare

Il 20 luglio 2011 il presidente serbo Boris Tadic ha annunciato la detenzione di Hadzic e ha aggiunto che questo arresto avrebbe completato un "capitolo difficile" nella storia dei serbi.

La polizia ha trovato un fuggitivo vicino al villaggio di Krushedol, situato sul pendio della catena montuosa di Frush. Presumibilmente, era lì che era lì tutto il tempo dopo che l'ICTY ha addebitato. Per scoprire dove si trovavano gli investigatori furono aiutati dall'immagine rubata del lavoro di Modigliani. Hadzic è stato catturato dopo averlo tentato di venderlo.

Al momento del suo arresto, Goran Hadzic era l'ultima convenuta ad apparire dinanzi all'ICTY. Dopo la detenzione, sono state avviate udienze per l'estradizione e presto il tribunale speciale ha riconosciuto che sono stati rispettati tutti i requisiti preliminari per l'estradizione di Hadzic all'Aia.

reazione

Dopo l'arresto di Hadzic, uno degli ostacoli al ravvicinamento della Serbia con l'Unione europea è scomparso e, come hanno scritto i giornali occidentali, questo paese ha adempiuto i suoi obblighi verso il tribunale internazionale. I leader dell'UE si sono congratulati con la leadership serba, chiamando l'arresto come segno della prontezza della Serbia per un "futuro migliore europeo". Il ministro degli Esteri olandese Uri Rosenthal ha dichiarato l'arresto: "Un altro buon passo è stato fatto". Dopo che Mladic è stato arrestato, abbiamo detto ai serbi che ora tutto dipende solo da loro, che dovrebbero prendere l'ultimo passo e prendere Hadzic. La Serbia dovrebbe proteggere i diritti umani, combattere la corruzione e le frodi, mettere l'economia in ordine e cooperare con il Tribunale internazionale per la Iugoslavia. "L'ultimo punto è pienamente attuato".

Circa nella seguente maniera, il ministero degli Esteri russo ha dichiarato l'arresto: "Goran Hadzic deve essere sottoposto a un tribunale oggettivo e imparziale e il suo caso non dovrebbe essere utilizzato per prolungare artificialmente l'attività dell'ICTY".

estradizione

Il 22 luglio il ministro della Giustizia Snezhana Malovich ha dichiarato che l'imputato è stato inviato all'Aia su un piccolo aereo di Cessna. Prima della partenza, Hadzic era permesso un incontro con una madre malata, moglie, figlio e sorella, poi scortata da un convoglio di jeep e poliziotti, ha lasciato la struttura di detenzione per criminali di guerra ed è andato prima a Novi Sad e poi all'aeroporto di Nikola Tesla di Belgrado. Il governo croato allora ha istruito il suo procuratore generale e il ministero della giustizia a prendere tutte le misure necessarie e per assicurare il trasferimento del caso Hadzic in Croazia, affinché rispondesse per altri gravi crimini in cui è accusato in quel paese. C'è una versione che il governo croato ha voluto forzare Hadzic a servire due termini di carcere, cui era stato precedentemente condannato in assenza da un tribunale croato.

Condanna e morte

La lettura delle accuse presso l'ICTY si è svolta il 25 luglio e dura 15 minuti. Goran si è rifiutato di dichiararsi colpevole di qualsiasi reato relativo alla guerra in Croazia. L'avvocato Vladimir Petrovich, nominato dal tribunale, ha affermato che Hadzic non avrebbe risposto immediatamente alle accuse, ma avrebbe approfittato dei diritti concessi a lui.

Hadzic non si è dichiarato colpevole e il 24 agosto, durante la sua seconda comparsa davanti alla corte. I procuratori hanno annunciato la loro intenzione di chiamare 141 testimoni, tra cui sette esperti. Inoltre, è stato annunciato che la testimonianza è stata presa da ottantadue testimoni, di cui venti dovrebbero apparire in tribunale. I documenti dell'interrogazione delle altre sessantadue persone sono stati presentati come prova, dopo di che la difesa ha avuto l'opportunità di effettuare un esame incrociato.

In totale, i procuratori hanno ricevuto 185 ore per interrogare testimoni e esperti. La prova è iniziata il 16 ottobre 2012. Nel novembre 2013 l'accusa ha completato la presentazione dei suoi argomenti e nel febbraio del 2014 il tribunale ha respinto la petizione di Hajic per l'assoluzione. La domanda ha sostenuto che il procuratore non ha fornito prove sufficienti per la condanna.

Nel novembre 2014, Hadzic ha scoperto un tumore al cervello inoperabile. Il processo è stato sospeso, in quanto il convenuto non poteva partecipare a causa degli effetti collaterali del trattamento. L'ufficio del procuratore ha voluto continuare il processo in sua assenza, ma non è stata presa alcuna decisione su questo tema. Nell'aprile del 2015, la corte ha ordinato la liberazione di Hadzic e lo ha mandato in Serbia. Goran Hadzic è morto di cancro il 12 luglio 2016.